• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Bike, Itinerari, Natura, Outdoor, Paesaggi, Primo Piano, Turismo

In bici sulla Manali-Leh, la route 66 dell’India

Manali-Leh, route 66, Mirco Robaldo, India, bici, Ladakh

Quest’estate Montagna.tv pedala in India seguendo il tracciato della Manali-Leh, la route 66 dell’India.

La Manali-Leh è un’esperienza più che una strada. È un viaggio attraverso panorami unici: canyon, fiumi, valli, città dalla storia millenaria e alti passi himalayani. “Un’esperienza straordinaria” commenta il nostro Mirco Robaldo che è andato a provarla in sella a una bici Bianchi. “Avevo portato tutto il necessario per essere autonomo (tenda, materassino, sacco a pelo, fornello, bombolette di gas, pompa per depurare l’acqua, pannello solare) alla fine però ho sempre trovato dei campi tendati dove c’erano tutte le comodità del caso e non utilizzato quasi niente dei materiali che avevo con me”. Tutto peso in più che Mirco si è dovuto portare su per i passi del Ladakh. Colli dal dislivello notevole come quello del Rohtang La con cui Robaldo si è cimentato a inizio percorso. Circa 2000 metri di dislivello per rodare le gambe e prepararle a una serie di tre salite consecutive quelle del Baralacha La, del Lachulung La e del Taglang La. “Dopo i primi giorni le gambe e il fisico iniziano a sentire la stanchezza” ma la spossatezza fisica passa in secondo piano quando si attraversano luoghi così pregni di storia, cultura, bellezza e umanità. Da Manali in poi sono persone straordinarie. In ogni campo tendato dove ho pernottato e mangiato ho sempre incontrato persone di una semplicità e cortesia disarmanti. Non ci siamo più abituati” commenta ancora Robaldo prima di lasciarci per andarsi a preparare per una nuova esperienza, la Himalayan Highest MTB Race – Ladakh. La gara ciclistica a tappe più alta del mondo che, in sei giorni, regalerà ai partecipanti un’esperienza che va oltre la semplice competizione, ma questo ce lo racconterà Mirco al suo rientro.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.