• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Attualità, Primo Piano

Alto rischio incendi boschivi in Liguria. Cosa fare per prevenire?

Incendi boschivi, ambiente

È scattato in queste ore lo stato di grave pericolosità su tutto il territorio ligure per l’elevatissimo rischio incendi boschivi. Il meteo dei giorni scorsi non ha lasciato un attimo di tregua alla vegetazione locale, con afa costante e temperature sempre più elevate. La secchezza delle piante e del sottobosco sta mettendo in serio pericolo le grandi aree verdi della regione. 

Al momento la situazione ligure è sotto controllo, grazie anche alle campagne di prevenzione e sensibilizzazione promosse dalla regione: nonostante il clima rovente delle ultime settimane, la Liguria ha fino ad ora registrato pochi incendi boschivi. Le condizioni della vegetazione hanno comunque spinto i Vigili del Fuoco a consigliare di dichiarare lo stato d’allerta.

Il clima secco non accenna a farsi da parte e il rischio continua a crescere. Come prevenire allora eventuali incendi boschivi? Vista la crescente situazione di pericolo registrata in diverse regioni, il Dipartimento Protezione Civile ha voluto contribuire a diffondere dei consigli generali per la prevenzione.

Tra le regole più comuni, ma spesso non tenute abbastanza in considerazione, ci sono: non gettare mozziconi o fiammiferi, non abbandonare rifiuti e non parcheggiare sull’erba secca. Se la prima misura parla da sè, le altre due possono risultare meno ovvie per dei turisti occasionali. I rifiuti secchi, come la carta, sono facilmente infiammabili. Altri, soprattutto quelli plastici, possono alimentare considerevolmente delle fiamme già avviate. La marmitta di un’automobile, invece, con una temperatura ambientale elevata tende a scaldarsi molto anche dopo aver percorso tratti di strada brevi. Se parcheggiata sopra a dell’erba secca può rapidamente innescare delle fiamme.

Anche l’utilizzo del fuoco stesso deve ovviamente essere accorto, in quanto poche scintille possono creare un incendio esteso con una vegetazione compromessa dal caldo. Ecco allora che la Protezione Civile consiglia di accenderne solo negli spazi attrezzati e di non allontanarsi finché non sono completamente spenti. Non è inoltre sicuro bruciare residui agricoli. In generale, in una situazione come questa è buona norma cercare di rispettare tutte le ordinanze comunali che riguardano direttamente o indirettamente il rischio incendi.

La raccomandazione finale è che, in caso di incendio in corso, è opportuno contattare immediatamente il 112, il 115 o il 1515 e che è meglio lasciar operare in sicurezza i professionisti, piuttosto che esporsi inutilmente a dei rischi per cercare di domare da soli le fiamme.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.