• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Aggiornato – Frane in Val Ferret, salgono a due le vittime

val ferret, cronaca, franafoto @ Corriere della Sera

Aggiornamento 7/08/18, ore 11.16: E’ stato trovato il corpo della seconda vittima della frana caduta ieri, lunedì 6 agosto, in Val Ferret, nel territorio di Courmayeur. Si tratta della moglie di Vincenzo Mattioli, morto nella sua auto travolta dal distacco di massi e fango. Il corpo della donna è stato individuato al di sotto del veicolo e lo stanno recuperando i vigili del fuoco e il Soccorso alpino della guardia di finanza.

Fonte: ANSA


Una persona è morta e una risulta dispersa a seguito di una frana che si è staccata nel tardo pomeriggio in Val Ferret, nel territorio comunale di Courmayeur. La vittima è Vincenzo Mattioli, il cui corpo è stato recuperato in serata. L’uomo era alla guida della sua auto quando è stata travolta e trascinata dalla massa di fango e detriti. Non si hanno invece notizie della moglie che era con lui. 

Complessivamente sono 123 le persone evacuate: 23 sono state sistemate al Forum Sport Center di Courmayeur mentre 100 sono alloggiate al Golf club della val Ferret. Alcuni escursionisti, sorpresi dal maltempo, sono stati recuperati e accompagnati a valle dalle guide del Soccorso alpino valdostano e della guardia di finanza di Entreves.

Le due frane, una a valle e l’altra a monte della località di Planpincieux, sono state causate dal forte temporale che ha colpito la zona nel tardo pomeriggio di ieri. 

E’ stato attivato il Centro Operativo Comunale e per le richieste urgenti di informazioni da parte di cittadini è stato istituito il numero telefonico 0165-831358. Inoltre il Comune di Courmayeur, con il supporto della Protezione civile regionale, ha allestito al Forum Sport Center di Dolonne un centro di prima accoglienza per le persone coinvolte ed evacuate a seguito dell’evento. E’ prevista per tutti l’assistenza di personale medico e di una psicologa dell’emergenza.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.