• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Top News

Valle d’Aosta: la cercano tutta la notte, ma lei è a dormire in albergo. Favre: “Una leggerezza molto grave”

Valle d'Aosta, Soccorso Alpino, ricerche, falso allarmeRicerche escursionista, Brusson (Aosta) – Foto credito: Cus Valle d’Aosta

Aveva chiesto informazioni alla gestrice della struttura dov’era ospite, a Brusson, prima di andare in escursione la donna 45enne che, per una leggerezza, ha messo in moto una macchina dei soccorsi andata avanti tutta la notte.

L’evento è accaduto nella notte tra il 2 e il 3 agosto quando, intorno alla 23.30 l’albergatrice ha dato l’allarme non vedendo la cliente rientrare per la notte. “Un comportamento corretto” afferma Adriano Favre, direttore del Soccorso Alpino Valdostano.

Quello che invece non è stato così corretto è il comportamento messo in atto dalla donna. “Una leggerezza per noi molto grave perché, tolta la felicità nel sapere che ora sta bene, con questi comportamenti uno non si rende conto del danno che può creare. C’è innanzitutto un danno economico, che va a carico della comunità e poi la dispersione di energie che sarebbero magari state utili da altre parti” spiega il direttore. “Nella notte abbiamo effettuato altri due interventi di soccorso in alta montagna oltre a questa ricerca” sottolinea ancora.

Veniamo però all’accaduto. La 45enne, dopo essere partita da Brusson la mattina del 2 agosto, ha valicato la montagna raggiungendo Gressoney-Saint-Jean dove ha deciso di fermarsi a dormire senza però avvisare nessuno. “Per questo l’albergatrice ha deciso, giustamente, di dare l’allarme”. Così, mentre la signora dormiva tranquilla in albergo, un folto gruppo di soccorritori setacciava le montagne alla sua ricerca.

Quale dispendio di forze è stato messo in campo per la ricerca?

È stato utilizzato un elicottero, che ha effettuato tre ore di sorvoli e poi il cane molecolare e le unità cinofile. Sono state mobilitate squadre del Soccorso Alpino valdostano, i Vigili del Fuoco, le forze dell’ordine, il Sagf, il Corpo Forestale della Valle d’Aosta, i volontari della Protezione Civile, il 118. Circa una trentina di operatori si sono mossi, inutilmente, per andare alla ricerca della signora.

Quanto sono durate le ricerche?

Da mezzanotte alle 11.30 di questa mattina circa.

Come avete scoperto che si trovava in albergo?

Grazie all’albergatore che, avendo seguito le cronache, ci ha avvisati.

Ha avuto modo di incontrare la donna al termine delle ricerche?

Si, ci ho parlato. Non si rendeva conto del caos e dell’operazione che si è messa in moto per la sua ricerca. Non credeva che quella sua “non telefonata” potesse generare un caos del genere. Ho cercato di spiegarle che se non si rientra nella struttura in cui si è ospite un albergatore coscienzioso cerca di avvisare i soccorsi. Lei ha risposto che il cellulare non prendeva, ma in albergo avrebbe potuto chiedere al gestore di fare una chiamata per avvisare la struttura di Brusson.

Ora?

Ora spetta all’autorità giudiziaria decidere se procedere nei confronti della signora per procurato allarme.

Ha un appello da lanciare per evitare ulteriori casi di questo tipo?

Si è trattato di una leggerezza, una leggerezza grave. Posso solo dire che bisogna pensare di più a quelle che possono essere le conseguenze, anche di una banale “non telefonata”.

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. Eterna lotta tra comunicazioni via filo e onde radio wireless.
    Ormai ci si e’ dimenticati che esiste ancora la rete telefonica fissa.Almeno tra residenze.Se propro ci si rivolge ai Carabinieri o forze dell’ordine.Poi le cabine pubbliche ormai sono una rarita’.
    Onore All’Albergatrice solerte, poi stendiamo un velo pietoso…

  2. Vecchio caso di decenni fa.Stagione morta , fine ottobre.Dalla Valgardena non rientra in albergo sempre aperto, un turista germanico , anzianotto.Per giunta , si scatena precoce bifera di neve.Inutili ricerche nei paraggi.
    L’estate successiva , a parecchie decine di chilometri, lungo percorso di ferrata in zona Val di Fassa, trovati i resti ancora sepolti da un poco di neve, su una selletta…monte Collac.Il turista su iniziativa estemporanea, aveva chiesto un autosop e da solo si era avventurato, senza avvisare .Ricercatori Gardenesi impazziti per 15 giorni.

  3. Io lo dichiaro qui, non mi chiamate il soccorso se non rientro perché sono abituato a scegliere dove dormire in piena libertà.

    Non fate stalking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.