• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Rifugi ed Alberghi

Inaugurato il nuovo rifugio al Sasso Nero, in Valle Aurina

Rifugio al Sasso nero, San Giovanni, Valle Aurina, escursionismo, alpinismo© Provincia di Bolzano

È stato inaugurato lo scorso weekend il nuovo rifugio al Sasso Nero, in Valle Aurina. La struttura si trova alla forcella di Riotorbo a un’altitudine di 3.030 metri circa, vicino alla frontiera con l’Austria. La sua particolare forma è stata progettata per seguire le irregolarità della parete in cui è immersa, amalgamandosi con la naturale bellezza del paesaggio senza deturparlo.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato il Presidente della Provincia, Arno Kompatscher, e il Vicepresidente Christian Tommasini. La struttura è stata realizzata dalla Provincia autonoma di Bolzano, sulla proprietà del vecchio rifugio Vittorio Veneto.

Il rifugio, che rimarrà aperto per i mesi di luglio e agosto, è composto da 6 piani e conta 50 posti letto. I lavori per la realizzazione hanno richiesto 8 mesi e oltre 4 milioni di euro, ma il risultato è certamente da ammirare. Da ammirare però è soprattutto il panorama che lo circonda: dagli Alti Tauri, alle Alpi Zillertaler, al Parco Naturale Vedrette di Ries Aurina fino alla Marmolada

Lo stile della struttura si ispira a quello della svizzera Monte Rosa Hutte per la forma a molte facce, ma mantenendo uno stile più classico e vicino a quello dei rifugi montani tradizionali. Un impianto di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica ricopre la parte del tetto orientata verso sud-ovest, per una sostenibilità energetica attenta all’ambiente. Si tratta insomma di una struttura che strizza l’occhio alla modernità, ma inserendosi nell’ambiente montano senza stravolgerne il panorama, tutti elementi che faranno la felicità degli amanti della zona e dei visitatori che sceglieranno di pernottarvi.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Un edificio giallo di sei piani su una cresta non mi sembra proprio in sintonia con l’ambiente, a meno che non s’intenda l’ambiente di Quarto oggiaro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.