• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Piemonte e Abruzzo promuovono contributi per gli studenti pendolari dei comuni montani

Uncem Piemonte, comuni montani, spopolamento© Bergamo News

La nuova iniziativa proposta dalla Commissione del Consiglio regionale e promossa da Uncem Piemonte consiste nello stanziare 500.000 euro per gli studenti pendolari dei Comuni montani. L’Unione Nazionale Comuni e Comunità Enti Montani si dice soddisfatta della proposta, che andrà a combattere il fenomeno dello spopolamento che li affligge, problema annoso con il quale devono confrontarsi moltissimi dei comuni in quota della penisola.

Il provvedimento piemontese coinvolgerà tutti gli studenti di scuole secondarie di secondo grado residenti in comuni sopra i 600 metri di altitudine, ovvero quelli in cui il pendolarismo è sostanzialmente d’obbligo se si vuole portare avanti gli studi. Il contributo andrà a coprire la spesa necessaria per l’abbonamento del prossimo anno scolastico ai mezzi pubblici.

Nel frattempo, anche in Abruzzo è stata attivata una misura analoga, estensione del provvedimento Barca promulgato a seguito del terremoto che ha colpito la zona nel 2009. In questo caso tutti gli studenti di età compresa tra gli 11 e i 26 anni potranno beneficiare di un taglio al costo del titolo di viaggio per i mezzi pubblici. La regione risarcirà poi direttamente tutte le società di trasporti per gli sconti applicati. Questo ed altri interventi della regione stanno favorendo diversi settori della montagna abruzzese, che oltre allo spopolamento sta vivendo ancora le conseguenze del terremoto di qualche anno fa.

Causa dell’abbandono progressivo dei comuni montani è principalmente la distanza dalle strutture scolastiche, così come quella dalla maggior parte dei luoghi di lavoro e dei servizi principali. Spese eccessive e tragitti infiniti causano grossi disagi a chi è costretto al pendolarismo, sia per motivi di studio che di lavoro. Con questo provvedimento i Consigli regionali delle regioni Piemonte e Abruzzo puntano ad arginare il problema, cercando di garantire ai rispettivi cittadini una residenzialità che non comporti troppi compromessi.

Torino punta inoltre a valorizzare l’offerta territoriale della montagna, con un bando del valore di 500.000 euro destinato a enti e privati che contribuiscano a questa valorizzazione.Un ulteriore importante stanziamento, del valore di 1 milione di euro, sta inoltre contribuendo al potenziamento della sentieristica e delle vie escursionistiche sul territorio. Un nuovo disegno di legge in lavorazione porterà infine alla creazione di centri multifunzionali per ammodernare i comuni montani e contribuire ulteriormente a combatterne lo spopolamento.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.