• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura, Primo Piano, Sci, Televisione

Questa sera Superquark a velocità da record con i fratelli Origone e Valentina Greggio

Superquark, Simone Origone, Ivan Origone, Valentina Greggio
I fratelli Origone e Valentina Greggio nello studio di Superquark

Questa sera appuntamento su Rai 1 con Superquark e lo sci di velocità. In studio, con il conduttore Piero Angela, ci saranno infatti i fratelli Simone e Ivan Origone e la campionessa Valentina Greggio. Tre schegge dello sci per la rubrica “Come si fa” dello storico programma divulgativo Rai che ha scelto di dedicare spazio a uno sport adrenalinico dove la scienza è tutto.

Dagli anni ’30, periodo in cui questa disciplina ha visto la luce, quest’attività non si è fermata un attimo progredendo in una continua ricerca mirata ad aumentare la velocità delle discese con gli sci. Il primo record ufficialmente registrato è stato quello dell’austriaco Leo Gasperl con una velocità di 136 chilometri orari. Record che negli anni ha subito continue migliorie, sia grazie al miglioramento della tecnica che dell’attrezzatura arrivando fino agli attuali 254,958 chilometri orari fatti registrare il 26 marzo sulla pista di Vars da parte dell’italiano Ivan Origone che ha battuto il precedente record, stabiliti giusto qualche minuto prima dal fratello maggiore Simone. Quello femminile è invece detenuto dalla più giovane Valentina Greggio che, sempre il 26 marzo 2016 e sempre a Vars, ha fatto registrare la velocità di 247,083 chilometri orari.

Come si raggiungono, e controllano, velocità come queste? Grazie all’allenamento, ma anche grazie alla tecnologia: stiamo parlando di uno sci che si prepara e si mette a punto nella galleria del vento, di uno sport ad alto contenuto scientifico che avrete occasione di scoprire questa sera in prima serata su Rai 1 con Superquark e Piero Angela.

In questo breve video un esempio del lavoro di preparazione che sta dietro il chilometro lanciato.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.