• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Outdoor Festival 2018, Primo Piano

Outdoor Festival 2018- Alpinismo insieme alle Guide del Cervino

outdoor festival, cervinia, alpinismo

L’Outdoor Festival celebra, innanzitutto, la montagna e le attività ad essa connesse. Dalle più accessibili e praticabili senza bisogno di alcun aiuto, come ad esempio il trekking o l’hiking, a quelle più impegnative e avventurose. Flavio Bich, presidente della Società Guide Alpine del Cervino, ci ha raccontato l’attività del gruppo, composto da professionisti di altissimo livello, e le specificità di quanto verrà “fatto sperimentare” ai partecipanti durante il fine settimana dell’Outdoor Festival. Le Guide saranno gli organizzatori e i responsabili di quanti vorranno mettersi alla prova in una semplice e basilare, ma pur sempre impegnativa per chi ha poca esperienza, uscita alpinistica. La meta prescelta, vista la location ai piedi della Gran Becca e con vista sulle distese di neve che fanno da cornice al Monte Rosa, sarà la vetta del Breithorn (4.165 metri di quota).

Abbiamo chiesto proprio al presidente Bich a chi è adatta questa uscita e cosa comporta.

Si tratta di una salita semplice, anche se da non sottovalutare. Fattibile da chiunque abbia un buon allenamento di base (abbiamo messo come limite minimo il compimento del dodicesimo anno di età). Una ascesa non eccessivamente lunga e molto panoramica, in ambiente alpinistico, con partenza da Plateau Rosà (3.500 metri), dove si arriva utilizzando gli impianti, e arrivo in vetta. Oltre 650 metri di dislivello positivo ad una quota più che considerevole, da prendere a passo lento soprattutto da chi, alla quota, non è abituato. In questo modo, calcolando 5/6 ore tra andata e ritorno, è possibile raggiungere comodamente il punto più alto della montagna e, perché no, fare anche qualche breve pausa, per riprendere fiato e godersi i paesaggi spettacolari”.

Sarà premura delle guide fornire (se i partecipanti non li possiedono) imbrago e ramponi. Questi ultimi non necessariamente saranno utilizzati, ma è buona norma averli sempre con sé nello zaino. Lo scarpone dovrà essere una pedula da montagna, adatta a camminare su ghiacciaio. Fondamentale sarà anche avere con sé almeno un paio di guanti, una giacca impermeabile e antivento, occhiali da sole con lenti da alta quota e protezione solare contro le scottature. In montagna i raggi UV giungono al suolo e sono potenzialmente dannosi anche quando il cielo è coperto, per questo motivo è buona norma prendere tutte le precauzioni necessarie al fine di non incorrere in fastidiose ustioni o danni a carico della retina.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.