• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Sicurezza in montagna

“Aiutaci ad aiutarti in montagna”: il CNSAS per la sicurezza

CNSAS, modulo, sicurezza© CNSAS

Una nuova iniziativa del CNSAS con lo scopo di far avvicinare in modo sicuro le persone alla montagna ha preso il via in questi giorni: si tratta di una semplice misura per, qualora si rivelasse necessario, accelerare eventuali operazioni di soccorso.

L’iniziativa è promossa, oltre che dal Soccorso Alpino, anche dalle Aree Protette Alpi Marittime e si concretizza con un modulo, che sarà distribuito presso centri visita, sedi dei parchi, ATL e sezioni CAI (ma sarà anche scaricabile online sul sito del Parco Naturale Alpi Marittime). L’idea è semplice quanto efficace: il modulo da compilare conterrà le informazioni fondamentali circa l’obbiettivo dell’escursione, le date, i recapiti telefonici e il numero di partecipanti. In caso di allarme per mancato rientro il modulo, da lasciare in auto prima della partenza, fornirà ai soccorritori i dati necessari per realizzare una ricerca e un soccorso tempestivi e mirati, incrementando le probabilità di successo dell’operazione.

CNSAS, modulo, sicurezzaAll’annuncio della semplice quanto geniale inziativa, il presidente delle Aree Portette Alpi Marittime Paolo Salsotto ha spiegato: “Capita spesso che le squadre del Soccorso Alpino vengano chiamate per un mancato rientro, solitamente la sera quando l’elisoccorso non è in grado di intervenire. Molte volte i parenti che hanno allertato il CNSAS non sono in grado di dare indicazioni precise sulla località scelta dalla persona per l’escursione o per la scalata e allora parte la ricerca dell’auto nei vari parcheggi delle valli. La questione si complica quando il mezzo viene ritrovato in sosta in un punto da cui si dipartono diversi itinerari: le squadre si devono suddividere per percorrere e coprire aree che, a volte, sono davvero molto estese. Un’operazione che fa perdere tempo prezioso e impegna molte energie (oltre al Soccorso Alpino partecipano alle ricerche e ai soccorsi anche i Vigili del Fuoco, la Guardia di Finanza, i Carabinieri e i Guardia Parco) e che comporta rischi anche per i soccorritori. Il modulo a cui abbiamo pensato, se compilato correttamente, contribuirà ad evitare tutto questo.

La misura precauzionale contribuirebbe insomma a ottimizzare i tempi e le forze impiegate nelle operazioni di salvataggio, un supporto all’infaticabile attività di associazioni come il CNSAS che impiegano tutte le loro energie per la sicurezza di chi frequenta la montagna.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. L’idea di inviare via mail un modulo compilato contenente gli estremi della gita , e’ ottima.Magari con foto dei componenti .Poi pero’, a ritorno avvenuto, meglio ricomunicare il buon esito.Chi puo’ spender usi pure GPS e ARTVA, ma un buona bussola altimetro con carta topografica, e fischietti con trillo arbitrale aiutano.Poi tutte le precauzioni in abbigliamento e consultazione previsioni del tempo.Ricordarsi che se si viene salvati, poi nel giro di amici o paesani si viene presi in giro a vita , se ci si e’ messi in condizioni avverse per leggerezza .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.