• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura, Libri, Primo Piano

In Libreria – L’arte di essere libero. Voytek Kurtyka, l’alpinista leggendario

Attesissimo in Italia, è uscito negli scorsi giorni in libreria “L’arte di essere libero – Voytek Kurtyka, l’alpinista leggendario” di Bernadette McDonald (suo anche il bellissimo “I guerrieri venuti dall’est“), edito da Alpine Studio per la collana Oltre Confine. 

Voytek Kurtyka è uno dei più grandi alpinisti di tutti i tempi. Nato nel 1947, è stato uno dei protagonisti dell’età d’oro dell’alpinismo himalayano: un periodo – gli anni 70 e 80 – che ha ridefinito lo stile di scalata sulle grandi montagne dell’Himalaya. Formato sulle mitologiche montagne dei Tatra, il suo approccio visionario verso lo stile alpino sulle grandi montagne della Terra lo ha portato a realizzare ascensioni straordinarie che occupano una posizione di primo piano nella storia dell’alpinismo. Si pensi alla salita della parete ovest del Gasherbrum IV, la “parete lucente”, considerata l’ascensione più incredibile di sempre. Come lui, i suoi compagni di cordata – Jerzy Kukuczka, Erhard Loretan, Alex MacIntyre, John Porter e Robert Schauer – erano i miti di quegli anni.

Di carattere schivo e riservato, Kurtyka ha declinato per vent’anni innumerevoli inviti ad apparizioni pubbliche e interviste, creando attorno a sé un alone di mistero che ha accresciuto il suo mito. Nel 2016 è stato insignito del Piolet d’Or alla carriera, premio che aveva rifiutato ripetutamente prima di convincersi ad accettarlo. L’arte di essere libero è il ritratto approfondito di uno degli scalatori più rispettati e ammirati del mondo dell’alpinismo mondiale.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.