• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano, Tecnologia

Il naso elettronico che potrebbe sostituire i cani da soccorso

cani da soccorso, sicurezza, valanghe

La tecnologia ancora una volta potrebbe venire in soccorso dell’uomo, questa volta letteralmente, per migliorare un’attività critica fino ad oggi affidata alle doti peculiari di un essere vivente: la ricerca di superstiti con i cani da soccorso a seguito di catastrofi naturali o valanghe. L’ultimo ritrovato tecnologico che potrebbe adattarsi perfettamente alle situazioni più critiche è un “naso elettronico“, un sistema munito di sensori in grado di “fiutare” attraverso ostacoli solidi la presenza umana, captando determinati gas emessi dall’uomo con la respirazione e la traspirazione della pelle.

cani da soccorso, sicurezza, valanghe
Gli innovativi sensori realizzati dal team del Politecnico di Zurigo, © ETH Zurigo

Il sistema è molto compatto, pregio che, in caso di necessità, consentirebbe alle forze di soccorso di montarlo su eventuali robot o droni, in modo da poter scandagliare in tempi brevi vaste aree alla ricerca di eventuali superstiti. I campi di applicazione sono diversi, tutti quelli in cui è necessario il prezioso aiuto dei cani da soccorso, che potrebbe essere sostituito grazie a questa invenzione da mezzi più rapidi ed efficienti: frane, valanghe, terremoti, ovunque ci sia la necessità di rilevare tempestivamente la presenza umana sotto grandi quantità di materiale solido.

Il sistema è stato realizzato dai ricercatori del Politecnico di Zurigo, coordinati da Sotiris Pratsinis, professore di ingegneria dei processi e scienze dei materiali presso l’ETH di Zurigo. I dettagli della promettente creazione sono poi apparsi in un articolo sulla rivista Analytical Chemistry, incontrando il consenso della comunità.

La specifica abilità di questi sensori è quella di rilevare con un ampio raggio d’azione l’acetone, l’isoprene e l’ammoniaca prodotti dall’uomo, oltre all’anidride carbonica e all’umidità, rilevata da alcuni sensori commerciali aggiunti all’apparecchiatura, che insieme costituirebbero uno “spettro di odori” in grado di confermare la presenza di un essere umano.

Avere a disposizione dei mezzi più efficaci per individuare rapidamente dei superstiti, potrebbe fare la differenza in condizioni critiche, contribuendo a salvare delle vite.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. In mano ai” SOLITI IGNOTI” invece, potrebbe rivelare se in una casa c’e qualcuno o nessuno per cui via libera per entrare a svaligiare.
    Grazie tecnologia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.