• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Primo Piano, Ricerca

I ghiacciai della Patagonia si stanno riducendo più velocemente del previsto

esa, ghiacciai, patagonia, ambienteFoto @ ESA

I ghiacciai della Patagonia, i più grandi dell’emisfero australe, si stanno riducendo più velocemente del previsto. Lo indicano i dati del satellite CryoSat-2 dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), rielaborati e pubblicati sulla rivista Remote Sensing of Environment dall’università di Edimburgo.

Grazie alle nuove tecniche di elaborazione dei  dati di CryoSat, il cui compito è misurare lo spessore dei ghiacci del pianeta, gli studiosi sono riusciti ad avere dei dati molto più precisi. “Con CryoSat abbiamo scoperto che tra il 2011 e 2017 c’è stato un assottigliamento diffuso dei ghiacciai, soprattutto nella parte settentrionale“, spiega all’ANSA Luca Foresta, uno degli autori della ricerca.

Ad esempio il ghiacciaio Jorge Montt si è ritirato di 2,5 chilometri e ha perso circa 2,2 miliardi di tonnellate di ghiaccio l’anno, mentre il ghiacciaio Upsala, che finisce in un lago, ha perso 2,68 miliardi di tonnellate l’anno“, aggiunge Foresta. Il ghiacciaio Pio XI, il più grande del Sud America, è invece avanzato e ha guadagnato massa ad un ritmo di 0,67 gigatonnellate l’anno.

Nell’arco di 6 anni, i ghiacciai della Patagonia hanno perso massa al ritmo di 21 miliardi di tonnellate l’anno, pari ad un innalzamento generale dei mari di 0,06 millimetri. “La perdita di massa dei ghiacciai, nel periodo da noi studiato, è aumentata del 24% rispetto all’arco di tempo compreso tra il 2000 e 2014. Purtroppo – conclude Foresta – sta succedendo in tutto il mondo: i ghiacciai si stanno sciogliendo più velocementeadesso rispetto alla prima decade degli anni 2000“.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.