• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Snow, Top News

Laila Peak, tre francesi strappano la prima discesa assoluta con gli sci a Cala Cimenti e compagni

laila peak, cala cimenti, alpinismo, sci estremo, karakorumIl Laila Peak. Foto @ Cala Cimento Facebook Page

Mentre la stagione alpinistica in Karakorum attende l’estate, la sciistica è già iniziata con quella che pare essere una prima assoluta.  

Secondo quanto riferisce Cala Cimenti, arrivato ieri al campo base del Laila Peak, meravigliosa montagna che appuntita si staglia nel cielo pakistano, tre francesi, arrivati una settimana fa, sono riusciti a realizzare la prima discesa con gli sci della montagna. 

I tre arrivano dalla Val d’Isere e si chiamano Boris, Tof e Carol, una maestra di sci, una futura guida alpina e una guida alpina. Sentiremo sicuramente parlare di loro perché tre giorni fa, precisamente l’11 maggio questi tre ragazzi hanno sciato dalla cima il Laila. Hanno atteso pazienti la prima giornata di bel tempo, sono saliti veloci e l’hanno sciata, in polvere” scrive Cimenti.

Boris Langenstein, Carole Chambaret e Tiphaine Duperier prima della partenza – Facebook

Tre alpinisti sono Boris Langenstein, Carole Chambaret e Tiphaine Duperier. 

“Quindi nessuna “nuova linea” per Cala&C. – si legge ancora –, ma la montagna è strepitosa, bella e ripida da far paura”.

Primato quindi strappato per una manciata di giorni, ma Cala Cimenti, Julian Danzer e Matthias Koenig proseguono nella loro spedizione, intenzionati a scalare il Laila e a scenderlo con gli sci. L’acclimatamento inizierà da oggi.

Nel 2016 a tentare la prima discesa con gli sci un altro gruppo di giovani alpinisti italiani, la spedizione si concluse in modo drammatico con la morte di Leonardo Comelli. Domenica scorsa Cala Cimenti si è recato a portare un saluto a Leonardo, che per volere dei genitori è stato sepolto da Michele Cucchi nelle vicinanze di Hushe, l’ultimo villaggio prima del Campo Base del Laila Peak. Il ricordo di Leonardo vive però soprattutto all’aiuto che i compagni di spedizione ed il papà stanno fornendo alla comunità, grazie ad un progetto che prevede un intervento per la scuola e la creazione di un impianto idrico e igienico per il villaggio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.