• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Curiosità

Everest sempre da record: Guinness per la cena più alta del mondo

Record del mondo per questa cena da primato, con tanto di menù ideato da uno chef stellato e champagne.

La cena in quota più alta del mondo, il nuovo record è stato conquistato dal team inglese comandato dall’avventuriero e imprenditore Neil Laugjton, sul Colle Nord dell’Everest, a 7.020 metri di altitudine. Qui, il gruppo ha preparato un’esemplare tavolata, dove ha consumato la cena preparata dal rinomato chef Sat Bains, due stelle Michelin.

Il menu è stato appositamente studiato per esaltare i gusti a quell’inusuale altitudine, il tutto condito da flûte di champagne e da pregiato cioccolato locale. Uno speciale brindisi è stato poi fatto con un cocktail originale creato per l’occasione.

In serata, i commensali hanno stabilito un campo provvisorio per poi ridiscendere il mattino successivo. Torneranno in Inghilterra l’8 maggio.

Per celebrare questo record, il brand inglese di lusso Aspinal of London, ha realizzato delle fiaschette fatte a mano e personalizzate per ogni climber. Neil Laughton, che ha già condotto 5 spedizione di successo all’Everest e raggiunto la vetta nel 1998 con Bear Grylls, è conosciuto in tutto il mondo per le sue eccentriche spedizioni avventurose e per i suoi sforzi nel cercare di raccogliere fondi per beneficienza.

Tra le assurde imprese realizzate dall’avventuriero figurano: pagaiare a bordo di una vasca da bagno lungo il fiume Solent, giocare a Cricket al Polo Sud e guidare una macchina volante attraversi il deserto del Sahara. Questa volta si è “accontentato” di un bicchiere di champagne a quota 7.020 sul Tetto del Mondo.

Everest, Guinness World Record, beneficenza
Jane Chynoweth, Sidar Nima, Sadie Whitelocks and Neil Loughton, © EverestDinner

Dopo l’impresa, il leader della spedizione avrebbe dichiarato: “Sono deliziato di aver condotto con successo un team inglese verso la conquista di un nuovo eccentrico record mondiale, il nostro prossimo obbiettivo è quello di superare quota 150.000 sterline per gli sherpa ancora in difficoltà dopo il devastante terremoto del 2015.

Lo scopo di questa spedizione è stato quindi qualcosa di più di un tentativo di record mondiale. Il vero obbiettivo è quello di aiutare le comunità che circondano questo gigante di roccia, cercando di raccogliere più fondi possibili per Community Action Nepal, un ente di beneficenza che supporta i nepalesi e fornisce sostegno vitale e nuove infrastrutture.

Ospite d’onore è stato Sirdar Nima Sherpa, membro del team e ideatore del menu, che era all’Everest nel 2015, anno del terremoto, con una spedizione che stava tentando di realizzare la cena record. La spedizione fu ovviamente interrotta e già in quell’occasione si era attivata la macchina della raccolta fondi, raggiungendo la cifra di circa 100.000 sterline. Lo scopo di quest’anno è quello di superare quota 150.000, con le donazioni aperte inviabili da questo indirizzo.

Il fondatore e direttore operativo del Community Action Nepal, Doug Scott CBE ha dichiarato: “Congratulazioni a Neil Laughton e all’Everest Dinner team 2018 per aver celebrato la loro cena da record sull’Everest. Sono passati solo tre anni da quando il devastante terremoto li aveva allontanati dalla montagna durante lo scorso tentativo. Il generoso supporto del team, dei suoi sponsor e dei donatori significa molto per i lavori di ricostruzione post-terremoto del Community Action Nepal, che ancora sono in svolgimento.”

 

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Ma la domanda è: non si possono chiedere contributi direttamente per una nobile causa senza prestarsi a queste pagliacciate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *