• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Vetrina, Vetrina Turismo

Wild Country e Michelin cambiano le regole del climbing

www.wildcountry.com
Facebook
Instagram
Youtube

L’incontro fra lo storico marchio inglese WILD COUNTRY, azienda situata nel cuore del Peak District che dal 1977 progetta e produce attrezzatura di alta qualità per l’arrampicata, e l’esperto nel contatto al suolo Michelin, non poteva che generare risultati sorprendenti. Le prime scarpette da arrampicata WILD COUNTRY, Parthian e Meshuga, sono in grado di far lavorare in modo sinergico tomaia e suola, rispettando la biomeccanica del piede, grazie a soluzioni innovative che cambiano le regole del climbing. E dal 30 aprile un concorso attivo sul blog di Michelin Soles (sole-power.com) permetterà ad un fortunato utente di vincere i due modelli, da testare subito sulle pareti più belle.

Sono due le tematiche care agli appassionati di climbing: la precisione sugli appoggi e la variazione di temperatura. Come riuscire a ottenere una performance ottimale anche in condizioni estreme?

Il punto di partenza sono stati il grip e l’attrito. Gli pneumatici che rispondevano ai requisiti necessari sono quelli sviluppati da Michelin per la MotoGP, con la tecnologia degli pneumatici da racing Slick, che si distinguono per controllo e adesione al terreno. Nasce il compound formula che ha portatoall’ingegnerizzazione di una mescola sviluppata in esclusiva per e con WILD COUNTRY: formula wildgarantisce un’aderenza ottimale, precisione e resistenza nel tempo. Una soluzione in grado di mantenere le performance al crescere e all’abbassarsi delle temperature: un’efficienza invariata da 0 a 25 gradi, impedendo alla suola di ammorbidirsi all’aumentare delle temperature e, viceversa, di indurirsi quando si scende a zero gradi.

La suola Michelin

Un’altra forte novità che contribuisce a migliorare la precisione della scarpetta riguarda il processo di produzione della suola: si abbandona il sistema a lastra, per una suola stampata e modellata direttamente sul fondo della scarpetta. Una scelta che permette di ottenere una suola in 3D. È possibile quindi definire lo spessore e l’orientamento esatto della gomma nelle diverse aree del piede, per offrire massima sensibilità e migliore attrito, l’integrato supporto ad arco garantisce invece stabilità e resistenza alla torsione. Questa scelta permette inoltre di ridurre gli scarti, e, in caso di usura, di risuolare con la stessa precisione la scarpetta nella zona dell’avampiede, sempre tramite suola stampata.

Nasce così una suola rivoluzionaria per compound, disegno e processo di produzione, che abbinata all’innovativa tecnologia di costruzione delle tomaie, permette alle scarpette di mantenere la loro forma e la performance per più tempo, senza deformarsi ed allargarsi. Un risultato reso possibile dalla costruzione “a sandwich” brevettata WILD COUNTRY, che si caratterizza per uno strato elastico di poliuretano laminato all’interno di due strati di microfibra. Inoltre, non è necessaria alcuna cucitura o gomma aggiuntiva, e ci sono quindi meno punti di pressione. Due i modelli gommati MICHELIN:

Le Parthian con chiusura a lacci, precise sia su fessure che su placche, pensate per il trad, l’arrampicata sportiva, il boulder e adatte anche per l’indoor.

Le Meshuga, con chiusura a velcro, sono progettate per il boulder, il trad di alto livello, idonee ai tiri verticali in movimento e alle vie ripide e molto strapiombanti, perfette anche per l’arrampicata sportiva.

 

 

MICHELIN REGALA WILD COUNTRY

Dal 30 aprile e fino al 21 maggio Michelin offre la possibilità di vincere le due rivoluzionarie scarpette Wild Country attraverso il proprio blog: sole-power.com. Basta registrarsi nella sezione dedicata e sperare di essere estratti al termine del contest. Sole Power è fonte di ispirazione per chi ama muoversi al di fuori di sentieri già battuti, i racconti delle imprese sportive degli atleti più rappresentativi della propria disciplina, ma anche i suggerimenti per nuove forme d’allenamento aiuteranno gli utenti a spingersi oltre i propri limiti, sportivi e non.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.