• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Incidente grave in parapendio intralciato dalle altre vele. L’appello del CNSAS: lasciate libero lo spazio aereo

Incidente, parapendio, CNSAS, cronaca

Un incidente ieri pomeriggio per un pilota di parapendio, che è precipitato appena dopo il decollo dal monte Cavallaria, comune di Brosso (To), in Valchiusella. L’uomo, un 41enne di Aosta, ha perso il controllo della via ed è caduto al suolo in una zona impervia a 1300m riportando diverse fratture ed è stato portato al Cto di Torino. Le sue condizioni sono gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita. 

Le operazioni sono però state rallentate dal gran numero di vele che occupavano le spazio aereo, impedendo all’elisoccorso di avvicinarsi al luogo dell’incidente. Durante l’intervento il pilota ha dovuto modificare la rotta più volte per non avvicinarsi troppo ai vari parapendisti, che sarebbero potuti precipitare a causa del flusso d’aria generato dalle pale dell’elicottero. Piloti di parapendio che, secondo quanto viene riportato, non sarebbero stati molto collaborativi, tanto che i tempi dell’operazione di soccorso sono stati allungati di molto. 

Dato il “contrattempo”, per aiutare l’elicottero, è intervenuta anche una squadra di terra del CNSAS. 

L’appello di oggi del soccorso alpino è chiaro: ” È fondamentale avviarsi rapidamente in zona atterraggio non appena si sente un elicottero in arrivo!”. 

Non è escuso, si legge sulla stampa, che interverrà la Procura di Ivrea per fare luce su quello che è successo.  

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *