• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Il Perù ferma i Los Picos 6500: «Le ultime 3 cime in autunno»

Tomas Franchini sulla vetta del vulcano Sajama. Foto @ Facebook

Arriva la cima numero 13 e con lei finisce la prima parte dell’avventura.

È quanto comunicano i membri della spedizione Los Picos 6500 – che dopo aver raggiunto la cima del Sajama, vulcano boliviano di 6.542 metri – pongono fine alla prima parte della spedizione.

All’appello, per concatenare tutte le 16 cime più alte di 6.500 metri delle Ande, ne mancano tre: Huascaran Sur, 6746 m, Huascaran Norte, 6768 m e Yerupaja, 6617 m. Purtroppo però le tre cime mancanti sono in Perù, paese che in questa stagione ha condizioni – dato l’elevato rischio valanghe – che non permetteno l’ascesa in sicurezza dei tre giganti.

Per questo motivo la spedizione verrà completata solo in un secondo momento, forse in autunno, dato che in estate qualcuno dei membri lavora come guide sulle Alpi.

Uno stop che non permette di raggiungere l’obiettivo della conquista di tutte le cime in 60 giorni, così come invece era stato pronosticato, ma che non rende meno grande questa impresa, che dà importanza alle Ande e che le ripone al centro dell’alpinismo trentino ed italiano.

Salutiamo quindi con un arrivederci i fratelli Franchini, Tomas e Silvestro, Franz Nicolini e Michele Leonardi, sperando di rivederli presto nella conquista dei giganti mancanti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *