• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Natura, Primo Piano

In Francia la Corte dei Conti critica le stazioni sciistiche

Foto @ CIPRA International

In Francia tutti i comprensori sciistici rientrano tra le pertinenze dei comuni, dei consorzi di comuni o delle regioni in base alla Legge sulla montagna del 1985. Ci si aspetterebbe quindi che i profitti andassero alle amministrazioni, così però non è, come ha recentemente dimostrato la Corte dei conti nazionale nel rapporto annuale. Il potere contrattuale dei comuni, in confronto a quello dei gestori, che spesso sono colossi imprenditoriali, è assai debole e le possibilità di aver voce in capitolo e imporre cambiamenti sono minime, vista la durata pluridecennale dei contratti.

Cambiamenti che, secondo la Corte, dovrebbero riguardare le strategie di gestione soprattutto in considerazione del cambiamento climatico. Tali modifiche avrebbero dovuto essere adottate già molto tempo fa, anche perché sollecitate dalla stessa Corte dei conti abbia già nel 2011. L’idea è che allo stato attuale le strategie privilegiate sul improntate sul breve periodo e sul rapido profitto.

Alain Boulogne, vicepresidente della CIPRA Francia, ha accolto con favore l’ammonimento pronunciato dall’istituzione statale, sottolineando come serva un approccio orientato a due piani temporali: da un lato l’immediato, la stagione che arriva, e dall’altro il lungo periodo – e finché le condizioni finanziarie sono ancora in buona salute è su questo che bisogna organizzarsi.

Un punto di particolare criticità per la Corte dei conti sono gli elevati investimenti per l’innevamento artificiale. Se originariamente si trattava solo di una pratica mirata, ormai copre più del 30% della superficie di tutte le piste presenti in Francia. Gli investimenti, si legge nel rapporto, sono “selettivi ed esosi”, perché si limitano al turismo invernale. Inoltre l’enorme consumo d’acqua potabile colpisce soprattutto la società e la natura.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Anche in Italia gli impianti sciistici a basse quote sono destinati a morire, con il meteo altalenante persino un inverno eccezionalmente nevoso come quello in corso rende necessario l’innevamento programmato, però qualcuno potrebbe spiegarmi perchè si parla di spreco di acqua potabile? innanzitutto non credo che l’acqua per l’innevamento debba essere per forza potabile e spesso vengo utilizzati bacini artificiali costruiti ad hoc, ma poi se da acqua diventa neve quando si scioglie ritornerà per forza acqua……e pure in modo graduale durante la primavera……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *