• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
K2 invernale, Top News

K2, malumori da parte di Urubko

L’umore di Denis Urubko non sembra altissimo, almeno da quanto appare dal suo blog, dove ha iniziato a paventare il fantasma della spedizione fallita del 2003, quando assieme ai polacchi, capospedizione sempre Krzysztof Wielicki, era al K2 a tentare la salita invernale.

Una spedizione molto simile, pesante e con tanti alpinisti, che evidentemente ha lasciato qualche piccola cicatrice. I brontolii di Denis riguardano tutta una serie di “mancanze” e comportamenti “dei polacchi”, come li chiama prendendone quasi le distanze nonostante la recente naturalizzazione, che turbano l’atmosfera ed incidono sull’andamento della spedizione, come era appunto accaduto nel 2003.

Citata da Urbko c’è per esempio la dimenticanza di chiudere le cerniere della tenda quando si lascia il campo, con la conseguenza che chi arriva dopo se la trova completamente piena di neve.

Sotto la lente anche il modo di cucinare dei polacchi nei campi alti, che pare abbiano l’abitudine di preparare il cibo all’interno della tenda chiusa, con il conseguente malfunzionamento del fornello, che rende poco in termini di calore (ma con maggiore spreco) e la dispersione di una parte del gas incombusto, che “avvelena” l’aria.

Anche il fatto che gli alpinisti polacchi in salita non si idratino bevendo liquidi caldi, ma succhiando ghiaccio all’interno delle borracce, lascia perplesso Denis. La riflessione probabilmente è che una minore idratazione va ad incidere sulla prestazione.

E poi c’è la tenda ad un solo strato a campo 2, che fa penetrare il freddo che “congela il cervello e la psiche”.

Raccontando del tentativo di arrivare a campo 3, scrive: “Siamo scesi da un’altezza di 6.500 metri, perché non si riusciva a salire. Siamo tornati alla tenda ed ho raccolto le mie cose perché sulla via basca (la via Cesen ndr) non c’è prospettiva”.

Urubko, con buona mentalità russa, va sul concreto: “È una questione matematica: la via inizia a 5100 metri, siamo arrivati a 6500 metri, dobbiamo raggiungere almeno i 7950 metri. Non siamo nemmeno a metà della via”.

Pianifichiamo il prossimo gruppo, il meteo, quando stabiliremo il terzo campo, le tattiche, pianificheremo di nuovo e calcoleremo i buchi nell’acqua fino a metà giugno…” scrive Urubko.

Quanto sia la sfiducia verso la spedizione e quanta invece possa essere l’ironia, non è facile capirlo, ma nonostante ciò questo sfogo lascia perplessi, soprattutto se viene dell’alpinista che dovrebbe essere il cavallo di punta.

Articolo precedenteArticolo successivo

13 Comments

  1. Ad un certo punto, se continuano cosi’, secondo me se la dovrebbe giocare in solitaria.
    Forza Denis! Tifiamo tutti per te

    1. la solitaria sul k2 non l’ha fatta nessuno, da nessun lato, nemmeno in stagione estiva.
      Va bene sognare e Denis è un mostro …

      1. Denis è l’unico al mondo che ce la puo’ fare. Certo, se si trova vicino gente che non arriva neanche a capire che a far bruciare del gas nella tenda si soffoca, ma dove si vuole andare?
        Denis, prepara un campo3 come si deve e appena intravedi la possibilità come clima, punta dritto alla cima

        1. Perche tratti cosi indiscriminatamente quello, che scrive Urubko? Prima di giudicare bisognerebbe ascoltare, che “polacchi” hanno da dire, no? Urubko voleva molto salire il K2 in febbraio (secondo lui inverno finisce in febbraio). Siccome questo non accadera, Urubko e frustrato e cerca colpevoli tra i suoi compagni. Si, lui ce’la farebbe, ma “questi polacchi, che cucinano dentro la tenda qiusa”… E veramente patetico. Non domenticare, que tra “questi polacchi”, i cui competenze Denis mette in discussione, sono 4 autori delle prime invernali (Bielecki – GI, Broad Peak; Małek – Broad Peak; Gołąb – GI; Wielicki – Everest, Kangchenjunga, Lhotse). Pero tu probabilmente nemmeno lo sai.

  2. Convenite tutti con me che la montagna deve unire e non dividere?
    Quindi forza ragazzi…andiamo a prenderci la vetta!
    ….se solo non avessi a breve il Go-Live di Sirti…correrei li con voi…

  3. Ciao Riccardo, è vero che la montagna deve unire. Ma dovrebbe avere dei compagni che arrivino a questi concetti base. Cioè, una tenda monostrato al campo2? Ma sono scemi? E poi non bevono il tè caldo. Non lamentiamoci poi se qualcuno sta male. Non vorrei che succedesse poi come nel 2003 quando a campo4 Denis è dovuto tornare indietro per soccorrere il suo collega polacco

  4. Ciao Renato, certo che no. Ma Denis è un fuoriclasse e non può essere zavorrato da gente che non cura dettagli cosi’ impotranti. Non appena con Adam Bielecki allestiranno campo4, Denis potrebbe fare uno sprint in solitaria fino alla vetta. Solo lui lo può fare, è un fenomeno

  5. …non vorrei fare arrabbiare nessuno…mah…secondo me una spedizione simile andava fatta con Simone Moro…in quelle situazioni anche i piccoli dettagli fanno la differenza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *