• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Interviste, K2 invernale, L'approfondimento, Top News

Sergio Martini: Il mio ricordo del K2? Montagna maestosa, ma spedizione per nulla piacevole

Foto @ girovagandointrentino.it

Schivo e riservato, Sergio Martini è il secondo italiano ad aver completato i quattordici 8000. Ad incuriosire è il fatto che la sua prima cima al di sopra degli Ottomila metri sia stata il K2. Montagna spesso temuta che l’alpinista trentino ha scalato passando per l’allora semisconosciuto versante nord.

 Il K2 è stato il primo 8000 che ho raggiunto, ma non è stata la prima montagna di 8000 metri che ho tentato di scalare. Ne avevo già tentati altri come il Dhaulagiri nel 1976 o l’Everest nel 1980. Il K2 è venuto grazie a queste prime due esperienze.”

Come mai?

Perché ero molto legato alle persone con cui ho fatto gli altri tentativi. Con il K2 ho continuato questa esperienza ad altissima quota. In particolare con Santon, già capospedizione all’Everest, poi capospedizione al K2 nell’83.

Che impressione ha avuto di quella via?

La prima volta in cui ho visto questa montagna è stata sulle fotografie di spedizioni passate. Foto di Desio principalmente. Foto da cui traspariva questa linea perfetta. Una salita diretta alla cima lungo il filo della cresta. Un percorso affascinante che si sviluppa da un versante poco conosciuto, soprattutto in quegli anni, dato che la zona era appena stata aperta agli stranieri.

Una via con solo un anno di vita, era stata salita giusto l’anno prima dai giapponesi.

È stato affascinante perché era tutto da scoprire, sia dal punto di vista logistico con l’organizzazione della spedizione che per quanto riguardava l’avvicinamento alla montagna.

Come ricorda la spedizione?

Dal mio punto di vista, per nulla piacevole. Rimanere oltre 4 mesi sotto la montagna ha influenzarto gli animi della squadra e ha minato i rapporti tra i suoi componenti. Eravamo una squadra numerosa e avremmo dovuto lavorare in team, ma così non è avvenuto. Molti non hanno lavorato, altri invece hanno fatto molto e ancora il gruppo che doveva essere di appoggio non lo è stato affatto.

A questo si aggiunge che, come spesso accade, chi non tocca la vetta rimane amareggiato. All’epoca eravamo tutti giovani e si sono venute quasi a creare delle fazioni all’interno del gruppo. Di certo non posso ricordare la spedizione per la grande armonia che regnava tra i componenti. Ho però il ricordo di un grande entusiasmo all’idea di cimentarmi sulla montagna.

Il K2 invece?

Qualcosa di grandioso. Da quel lato la montagna appare isolata e maestosa più che dal lato pakistano. Tutt’intorno non esistono cime che ne possano sminuire la grandiosità. Spettacolare con questo sperone che vien su da questo terreno desertico d’alta montagna.

Un momento della spedizione che le è rimasto particolarmente impresso?

Uno si, ma di certo non divertente. Era durante il trek di rientro. Ricordo che usavamo i cammelli. All’andata non c’erano stati problemi, era l’inizio della stagione calda e le valli erano transitabili senza problemi. Però, al ritorno, abbiamo trovato così tanta acqua nei fiumi che la paura è stata davvero tanta. Sono stati giorni lunghi, credo i momenti peggiori che non la salita stessa della montagna.

Più interessante e divertente è stato invece l’attraversamento dei villaggi in cui c’è stato grande coinvolgimento da parte di tutta la popolazione che ha vissuto come un evento eccezionale il passaggio di gruppi così numerosi.

Ora però tocca ai polacchi…

Conosco personalmente Wielicki e so che i polacchi storicamente sono stati sempre molto tenaci. È gente che non molla facilmente la presa di un progetto. Con Krzysztof ho anche uno stretto un profondo legame di amicizia che mi fa sperare tutto possa andare per il meglio e che possa riuscire nel suo obiettivo.

Sicuramente, quello del K2 invernale, è un impegno non da poco. So che ce la metteranno tutta per arrivare. Ovviamente però, al di la delle capacità umane, ci saranno le condizioni climatiche che si troveranno a dover affrontare.

Articolo precedenteArticolo successivo

9 Comments

  1. Sergio Martini… di professione insegnante di Educazione Fisica nella scuola Media.
    Altri si arruolarono nei vari Corpi Militari e di Polizia.
    Per le sue imprese, Martini veniva sponsorizzato dal Ministero , che ne avrebe tratto un vantaggiodi Immagine, o doveva chiedere aspettativa non pagata ?
    Di sicuro non venne mai invitato a “chetempochefa”. Neppure Maestri.Solo nomi di alto richiamo per lo share.

    1. Maestri non sarebbe più da citare, altro che invitare. E ben prima di Martini ce ne sarebbero di alpinisti italiani da invitare. A partire da Ermanno Salvaterra

      1. Ci aggiungerei anche il grande Fausto De Stefani che proprio con Martini sali’ il Lhotse con relativa polemica che, anche se vera, non sminuisce le grandi imprese che ha fatto

        1. Il mondo è bello perché vario. Io invece apprezzo ed invidio uno come Barmasse per le capacità e per quello che ha fatto e farà…quindi gli faccio un mio in bocca al lupo per il futuro

        2. Per forza. Non è che cambio commento quando si parla di grandi alpinisti. Quelli sono, lo dicono le salite fatte e lo stile seguito. Maestri molti anni fa avevo una sua foto autografata nel portafoglio ma chi ha mentito in quel modo non va più neppure citato

  2. Riecco Catone il censore, ma chi sei per decidere chi debba o meno essere citato! E sciacquati la bocca prima di nominare Maestri.

  3. Ero con Sergio all’Everest nel 1980 dove ho potuto apprezzare le sue doti alpinistiche-umane non chiacchere. sicuramente fa parte di quegli alpinisti che fanno ciò che fanno per il proprio piacere e non per raccontarlo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.