• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
L'approfondimento, Primo Piano

In forma con la slackline

Tenersi in equilibrio, rimbalzare, camminare e capovolgersi su una stretta fascia di nylon tesa tra due alberi, o altri supporti. Le azioni che sono necessarie per praticare slackline sono molte; e ancora di più lo sono i muscoli coinvolti. Fatti i conti è subito chiaro quante implicazioni per il nostro fisico e le nostre capacità possono esserci. Noi proviamo a sottolineare addirittura otto motivi per cui praticare slackline, un tempo appannaggio dei soli climbers e ora sempre più pratica a sè stante, può giovare alla vostra salute, esercitare diversi muscoli e rafforzare anche la vostra mente.

1-Migliora il tuo equilibrio

Sia che stiate camminano a pochi centimetri da terra, sia che siate ad alcuni metri di altezza, stare in equilibrio sarà sempre il vostro primario obiettivo: per riuscirci dovrete sviluppare  una grande dose di stabilità, sensibilità e prontezza.

2-Milgiora il vostro core

Strettamente collegato all’equilibrio è lo sviluppo di un core (i muscoli addominali più interni) che controlli in modo solido e funzionale la parte superiore e quella inferiore del vostro corpo. All’inizio è probabile che i muscoli si affatichino alla svelta ma più si procede più i muscoli si adattano e si rinforzano, così migliorando anche  la postura.

3-È  meditativa

Lo “slacklining” è a volte descritto come una meditazione in movimento perché si è portati a mantenere la propria mente vuota e sufficientemente concentrata  per poter completare il proprio cammino sulla fascia di nylon. Harry Cloudfoot, esperto slackliner, ci racconta come “ all’inizio la mente pensa a come stare in equilibrio ma poi, col passare del tempo e controllando anche la respirazione,  si riesce a zittire la propria mente e lasciare che il corpo “risponda da solo”.

4-Riduce i mal di schiena

Abbiamo accennato a come praticare slackline può migliorare la postura. Per questo motivo  saremo anche meno affetti da quei dolori dovuti appunto a brutte abitudini posturali (per esempio durante le molte ore che spendiamo seduti) . Oltre al core infatti si allenano anche i muscoli della schiena che ci tengono, insieme agli addominali, in posizione corretta.

5-È un buon allenamento per le gambe

Schiacciare verso il basso la fascia vi permetterà di camminarci “con più facilità”. All’inizio quando il corpo deve ancora abituarsi, questo comporterà un discreto allenamento. Poi, anche per camminare  lungo la slackline, sarete sempre in una posizione a gambe “semi tese”, ricordando le posizioni dello squat e degli affondi, e questo compoterà un ulteriore richiesta di sfrozo per i vostri muscoli.

6- Aiuta a prevenire gli infortuni

Alcuni studi recenti hanno dimostrato che la slackline, essendo un esercizio che migliora la stabilità, migliora  anche la mobilità delle articolazioni, come ginocchio e caviglia, e con questo tipo di attività si riduce il rischio di infortunio.

7- Aiuta la riabilitazione

Quando si incorre in un infortunio, oltre che lo stop fisico, si può accusare un calo mentale. La slackline, oltre che favorire un recupero fisico più graduale, permette a quegli atleti che hanno avuto questo tipo di problemi di tenere la mente occupata e, nel momento in cui si constata che  non si deve stare fermi all’100%, di riacquisire fiducia nei propri mezzi.

8-È estremamente trasportabile  

Capita di non riuscire  a rispettare la frequenza dei nostri allenamenti parchè non abbiamo con noi le attrezzature necessarie o non possiamo recarci dove troviamo certe strutture o un determinato terreno . La slackline invece è estremamente portatile e così non ci saranno scuse per svolgere la propria sessione.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.