• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Mr. Park vince la sudovest dell'Everest

immagine

KATHMANDU, Nepal — Dopo quattro tentativi e tre amici persi in parete, l’immensa sudovest dell’Everest era diventata una questione personale per Park Young Seok, noto come "Mr Park". L’alpinista sudcoreano, che ha già scalato i 14 ottomila e le 7 summits, nei giorni scorsi ha toccato la vetta più alta del mondo salendo per una difficile e rischiosa nuova via.

Una parete quasi completamente verticale, con 2000 metri di salto tra i 6.500 e gli 8.500 metri e continue scariche di roccia e ghiaccio. Cinque campi installati e quattordici ore di scalata dall’ultimo campo, installato a 8.400 metri, fino alla vetta. E’ stata una dura prova per Mr. Park, ma l’alpinista è finalmente riuscito a centrare l’obbiettivo che inseguiva dal 1991. E lo ha dedicato ai suoi 3 compagni di cordata morti nei 3 tentativi precedenti.

Nel 1993 il primo incidente mortale. Nel 2007, durante il tentativo alla cima, il secondo: sono morti Oh Hee-Joon e Lee Hyun-Jo, i suoi due migliori amici, con cui aveva compiuto la traversata di entrambi i poli e aperto numerose vie alpinistiche. Dopo la vicenda, pare che l’alpinista abbia avuto qualche mese di crisi, forse di depressione. Ma poi si è ripreso e ha deciso che la prima cosa da fare era chiudere i conti con questa montagna.

"Voglio conquistare la sudovest dell’Everest ad ogni costo – aveva dichiarato Mr Park alla stampa prima di partire -. Salirò anche con i polpacci rotti. Con questa parete una relazione troppo altalenante, è tempo di finirla".

La determinazione è stata la chiave del successo. E Mr. Park stavolta ce l’ha fatta. Gli ultimi a salire lungo quel versante furono i Russi ben 27 anni fa. Prima di loro, negli anni settanta, solamente gli inglesi. Ora sulla parete sudovest dell’Everest campeggia anche la "via coreana" di Young Seok.

Park, 46 anni, è stato il primo alpinista a completare il "Grand Slam", ossia a raggiungere Polo Sud, Polo Nord, Seven Summits e a scalare i 14 ottomila. Nel suo personale "libro dei record" c’è anche la scalata, nell’arco di 12 mesi, di ben sei ottomila.

Sara Sottocornola
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.