• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Mucche aggressive. In Austria un codice comportamentale per i trekker

Austria, codice comportamentale, mucche, trekking, pericolo, sicurezzasdr

Le mucche sono animali apparentemente pacifici, che si incontrano non di rado, intente a brucare l’erba o pigramente distesi al sole, durante i trekking in montagna.

L’Austria invita però gli escursionisti a non sottovalutarne la occasionale aggressività, addirittura mettendo mano ad un codice comportamentale per i trekker.

Alla base di questa decisione un fatto di cronaca risalente al 2014, quando una turista tedesca di 45 anni fu travolta e calpestata a morte da una mandria di mucche. La conseguente causa legale avviata aveva portato i familiari della vittima all’ottenimento di centinaia di migliaia di euro di risarcimento a danno del proprietario del bestiame.

Una decisione del tribunale che scatenò un certo risentimento da parte degli agricoltori ma più in generale dall’opinione pubblica.

Riflettendo sulle cause dell’attacco da parte dei bovini, bisogna sottolineare che la donna avesse in braccio il suo cane, tenuto al guinzaglio. Le mucche purtroppo tendono a reagire in maniera aggressiva alla vista di un cane, soprattutto se in presenza di vitelli da accudire.

Un consiglio che verrà inserito nel codice comportamentale sarà dunque quello di “abbandonare” il proprio compagno a quattro zampe qualora si incontrino mucche durante una escursione, allontanandolo dal proprio corpo ed evitando così di diventare un target.

Nel codice di condotta, espliciteremo chiaramente che cosa ci sia aspetta dalle persone che attraversano i pascoli di montagna” — ha spiegato il cancelliere di Vienna Sebastian Kurz durante una conferenza stampa – “Ci aspettiamo che, se le persone si atterranno al nuovo codice di comportamento, gli incidenti cesseranno. D’altra parte, se qualcuno non si atterrà al nuovo regolamento, perderà ogni diritto di richiesta danni in caso di incidente“.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. NB: in Austria i pastori hanno nel bagaglio la Polizza di Assicurazione verso terzi del loro bestiame e il blocco dei moduli di dichiarazione per le parti offese (auto o altro). Li hanno rilasciati seduta stante per strada anche a me e altri, per una fiancata toccata in un attraversamento. Rimborso velocissimo e integrale.

Rispondi a pierre Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.