• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Lo spettacolo del Rifugio Duca degli Abruzzi completamente avvolto dal ghiaccio

Rifugio Duca degli Abruzzi, Gran Sasso, galaverna, inverno, frozen, Denio Di NardoIl Rifugio Duca degli Abruzzi ricoperto di ghiaccio – Foto Denio Di Nardo

La scorsa settimana avevamo concluso un articolo dedicato al magnifico scatto di Andrea Mancini dell’ “Ostello Campo Imperatore Lo Zio” in versione frozen, con l’augurio di vedere, a seguito delle intense nevicate del weekend, anche delle foto di rifugi innevati lungo l’arco alpino.

E invece è ancora l’Appennino a lasciarsi a bocca aperta.

Le immagini che vi mostriamo ritraggono il Rifugio Duca degli Abruzzi, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, completamente ricoperto di ghiaccio.

Uno spettacolo della natura che ancora una volta sa di magico e che l’autore degli scatti, Denio Di Nardo, ha voluto condividere con noi perché, a sua detta – e come potremmo non concordare – “Le foto di montagna sono di tutti come le montagne!”.

Il Rifugio, di proprietà del CAI Roma, è situato a 2388 metri sulla Cresta del Monte Portella, a ridosso del Corno Grande e delle principali vette del massiccio del Gran Sasso.

È possibile raggiungerlo solo a piedi, con 40 minuti di facile cammino da Campo Imperatore (AQ), o in 4 ore con una meravigliosa traversata da Prati di Tivo (TE).

Non è certo un albergo, le comodità sono limitate, ma è una tappa da non perdere per escursionisti, alpinisti e amanti della montagna che vogliano ristorarsi ed eventualmente pernottare immersi nella  natura.

Come è possibile immaginare ammirando le foto scattate da Denio il 3 febbraio scorso, che ritraggono non solo il rifugio ma anche la salita per raggiungerlo, l’apertura della struttura  è essenzialmente estiva, dal 1 giugno al 30 settembre (tutti i giorni), mentre nei mesi di maggio e ottobre è aperto solo nei weekend, meteo permettendo.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Rispondi a enri Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.