• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Curiosità, Primo Piano

All’asta i cimeli della spedizione al K2 del 1954

Il Moncler con cui l’alpinista Ugo Angelino partecipò alla spedizione italiana sul K2 nel 1954, unico conosciuto della gloriosa impresa, sarà battuto all’asta il 28 febbraio insieme ad altri memorabilia, poster, arredi e oggetti da collezione destinati agli amanti degli sport invernali. Per la prima vendita italiana interamente dedicata alla montagna, tenuta da Aste Bolaffi, il catalogo proposto è composto da 81 lotti accuratamente selezionati, capaci di raccontare la passione per la montagna in tutte le sue declinazioni.

Oggetti dall’indiscusso valore storico e simbolico sono i memorabilia del K2, conquistato il 31 luglio 1954 da Achille Compagnoni e Lino Lacedelli con il determinante contributo del giovane Walter Bonatti e del pakistano Amir Mahdi. Ma la spedizione capitanata da Ardito Desio, che fu insieme successo sportivo ed emblema della rinascita italiana nel dopoguerra, passò alla storia come un trionfo dell’intero gruppo.

Risale all’impresa il Moncler appartenuto a Ugo Angelino, uno dei “magnifici tredici” a cui la neonata maison francese fornì l’equipaggiamento tecnico per la spedizione. Il giaccone blu in piumino d’oca che accompagnò il biellese almeno fino al settimo campo fu il primo brevettato con la consulenza del grande alpinista Lionel Terray. Riscoprendo le proprietà termiche del duvet, Terray mise a punto una linea specializzata per le missioni in alta quota, sperimentata ufficialmente dagli italiani nel Karakorum. Con all’interno l’etichetta “Modèle réalisé sous la direction technique de Lionel Terray” e l’iscrizione manoscritta di Ugo Angelino, il Moncler è stimato tra i 40 e i 50 mila euro.

Dalla collezione privata di Ugo Angelino provengono alcuni oggetti di grande appeal per gli appassionati, come due pellicole originali da 16 mm del celebre film “Italia K2” (1955) di Marcello Baldi con le riprese in alta quota di Mario Fantin, alcune fotografie autografate dai partecipanti alla spedizione, una piccozza commemorativa prodotta da Grivel con dedica ad Angelino, gli scarponiche hanno accompagnato l’alpinista nel 1954 (basi dai 500 ai duemila euro).

In catalogo figurano inoltre alcuni celeberrimi scatti, dalle Alpi all’Himalaya, realizzati da Vittorio Sella, pioniere della fotografia d’alta quota e autore dei più bei reportage di montagna di tutti i tempi, una raccolta di materiale fotografico e biografico che documenta l’attività alpinistica di Julius Kugy e Wladimir Dougan (base 3 mila euro), oltre a una raffinata selezione di poster tra cui l’iconico Sestriere di Mario Puppo (base 4.500 euro) e due manifesti di Carl Franz Moos, le cui composizioni sono tra le più ricercate dai collezionisti di poster montani: St. Moritz e Sportbekleidung Fritz Schulze (basi 3 mila euro ciascuno). Impreziosiscono il catalogo dipinti, arredi del XVII-XVIII secolo e piccole sculture.

Catalogo online: www.astebolaffi.it/it/auction/753

 
Asta della montagna
mercoledì 28 febbraio 2018
ore 15
internet live su www.astebolaffi.it
 
Esposizione Moncler
fino a martedì 20 febbraio
Bolaffi, via Manzoni 7, Milano

Esposizione generale
da giovedì 22 a martedì 27 febbraio
ore 10-13; 14-17:30
Bolaffi, via Cavour 17, Torino

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.