Vetrina – Montagna.TV http://www.montagna.tv/cms Le notizie della montagna in tempo reale Fri, 19 Jan 2018 12:06:15 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.1 Bomber Experience: sfida il campione Bode Miller sulla pista nera della Paganella http://www.montagna.tv/cms/117905/bomber-experience-sfida-il-campione-bode-miller-sulla-pista-nera-della-paganella/ http://www.montagna.tv/cms/117905/bomber-experience-sfida-il-campione-bode-miller-sulla-pista-nera-della-paganella/#respond Wed, 17 Jan 2018 14:37:22 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117905 Da non perdere, sulla Paganella, l’appuntamento con Bomber Experience, in programma dal 26 al 28 gennaio 2018: sulla pista Olimpionica 2 si potrà sfidare il campione statunitense Bode Miller in una breve gara di slalom gigante e tentare di battere il suo tempo.

Photo © Pierre Teyssot / www.pierreteyssot.com

Il campione insegnerà anche come sciare più veloce ed aiutare a scegliere lo sci migliore per te, che potrai provare. 

I due sciatori più veloci (uomo e donna) riceveranno ciascuno una giacca da sci alpino high-tech di Bomber.

Programma:

SABATO 27 GENNAIO 2018
Gareggia contro Bode Miller ed i BOMBER SKI

ore 9.30 – inzio gara lungo la pista Olimpionica 2
ore 12.00 – fine gara
ore 12.30  premiazioni presso rifugio Dosson

NB: casco obbligatorio per chi partecipa alla gara.

 

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117905/bomber-experience-sfida-il-campione-bode-miller-sulla-pista-nera-della-paganella/feed/ 0
La climber Fatima Gil protagonista dell’ultimo spot per BMW X3 http://www.montagna.tv/cms/117806/la-climber-fatima-gil-protagonista-dellultimo-spot-per-bmw-x3/ http://www.montagna.tv/cms/117806/la-climber-fatima-gil-protagonista-dellultimo-spot-per-bmw-x3/#respond Mon, 15 Jan 2018 15:46:11 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117806
Sito web: kayland.com
Facebook: kaylandstepahead
Instagram: kayland_official

Fatima Gil è una climber molto particolare, perché, oltre a essere conosciuta per le sue imprese in ambito montano, è anche un’apprezzata showgirl e attrice, che ha preso parte a numerosi programmi televisivi e campagne pubblicitarie nel corso degli anni, alternando questa attività con quella legata alle sue amate montagne.

Recentemente, le sue doti di attrice e di climber hanno trovato una sintesi molto particolare: è stata infatti protagonista dell’ultimo spot televisivo della BMW, per il lancio della nuova X3, il SUV compatto dedicato a un pubblico giovane e sportivo. Ecco il racconto di come è nato questo sodalizio, nelle parole della stessa Fatima.

L’opportunità di fare questo bellissimo spot è nata, e non poteva essere altrimenti, in montagna. Per la precisione, nella parte più profonda dei Pirenei, mentre stavamo percorrendo i Carros de Foc con gli sci da fondo. Sono stata colta di sorpresa in un rifugio tra i più isolati della zona, il rifugio di Estany Llong a quota 1985m. Da lì, con l’aiuto dei miei compagni di squadra, Robert il gestore del rifugio, e Marc Subirana (esperto IT) sono riuscita a fare una videochiamata con Skype. Per fortuna, Robert aveva installato internet nel rifugio qualche settimana prima.

Ho parlato con Londra per 10 minuti, mentre i miei compagni hanno aspettato in cucina trattenendo le risate. La situazione non potrebbe sembrare più surreale e allo stesso tempo più autentica. Circondata da sci, asciugando pelli, corde, piccozze ho parlato di molte cose. Dalla mia passione per le alte vette, per l’arrampicata, per la montagna, delle attività che mi hanno segnato di più, la mia compagna Vicky Vega e le nostre avventure insieme. Le cose accadono per una ragione e la fortuna mi ha accompagnato quella notte. Il giorno successivo una tempesta ci ha sorpreso e siamo rimasti isolati nel rifugio incustodito della Colomina. Da lì, sarebbe stato impossibile effettuare la videochiamata.

Fatima Gil

Alcuni giorni dopo, mentre mi abituavo nuovamente alla città, ricevo un messaggio. Vogliono incontrare la mia compagna di corda. Imbastiamo una call Skype a tre, Londra, Vicky a Siviglia e io a Madrid. Successivamente abbiamo trascorso interi giorni scegliendo i colori delle corde, dei materiali e dei vestiti. Inviando foto, video e mettendo tutte le nostre energie affinché questo progetto decollasse. Alla fine decidono. Ci vogliono entrambi, andiamo in Norvegia.

Fare il mio lavoro è sempre gratificante, soprattutto perché lo adoro. Ma se sopra puoi condividerlo con un’amica e questo è legato intimamente alla tua passione diventa un’esperienza unica.

Fatima per girare lo spot ha scelto Kayland Trotter GTX W’s, uno scarponcino pratico e leggero, perfetto per utilizzo trekking e misto, confortevole anche sui percorsi più sconnessi. Con una tomaia in pelle scamosciata, fodera Gore-Tex® Performance Comfort, costruzione iniettata per maggior leggerezza e suola Vibram® New Makalu sviluppata specificamente per aumentare la facilità nella rullata.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117806/la-climber-fatima-gil-protagonista-dellultimo-spot-per-bmw-x3/feed/ 0
Montagna.tv cerca collaboratore da inserire all’interno della redazione http://www.montagna.tv/cms/117630/montagna-tv-cerca-collaboratore-da-inserire-allinterno-della-redazione/ http://www.montagna.tv/cms/117630/montagna-tv-cerca-collaboratore-da-inserire-allinterno-della-redazione/#respond Thu, 11 Jan 2018 15:45:31 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117630 Stiamo cercando un giovane laureato o neolaureato da inserire all’interno della redazione interessato a intraprendere la carriera giornalistica e che si occupi della ricerca, realizzazione di articoli e pubblicazione di notizie sul sito e sui social network.

È richiesta attitudine alle relazioni interpersonali, passione per la scrittura ed ovviamente per la montagna e gli sport outdoor.

La sede di lavoro è in Bergamo. È richiesta la presenza in redazione. Lavoro Full Time.

Disponibilità immediata.

Per mandare la propria candidatura con il CV scrivere una mail a: mail recruitment

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117630/montagna-tv-cerca-collaboratore-da-inserire-allinterno-della-redazione/feed/ 0
I vincitori della 6a edizione del Blogger Contest http://www.montagna.tv/cms/117568/i-vincitori-della-6a-edizione-del-blogger-contest/ http://www.montagna.tv/cms/117568/i-vincitori-della-6a-edizione-del-blogger-contest/#respond Wed, 10 Jan 2018 10:19:57 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117568 La 6a edizione del Blogger Contest si è conclusa con 60 unità multimediali ammesse (su un totale di 67 candidature complessive). Tra tutte le opere sono stati selezionati i seguenti 27 autori che hanno concorso per la fase finale (comprese 5 audiostorie):

Angelo Ramaglia, Silvia Benetollo, Pieranna Casanova, Stefano Lovison, Eva Toschi, Giovanni Spitale, Claudia Colonia, Gianluca Stazi (audiostoria), Andrea Carta, Gabriele Villa, Andrea Pasqualotto (audiostoria), Francesca Nemi, Alessandra Longo, Franco Longo (audiostoria), Saverio D’Eredità, Dario Pedrotti, Marco Battistutta, Mariolina Cattaneo, CSC–Abruzzo (audiostoria), Michele Bertelle, Ornella Roberi, Umberto Isman, Alessandro Barbisan, Luca Castellani, Federico Rossetti, Vincenzo Agostini, Toni Tegner (audiostoria).

Durante il mese di dicembre 2017 sono state esaminate le 27 unità multimediali finaliste da parte della giuria di premiazione composta da Sandro Campani (scrittore e camminatore), Ida Harm (artista, pittrice e fotografa), Fabio Palma (alpinista), Silvia Boschero (giornalista e conduttrice radiofonica ) e Lea Nocera (autrice radiofonica e blogger). La giuria attraverso l’applicazione di quattro criteri di giudizio (coerenza al tema del concorso; qualità del testo o dell’audiostoria; qualità delle immagini; qualità del blog personale), ha decretato vincitori della 6a edizione del Blogger Contest:

A) UNITÀ MULTIMEDIALE “RACCONTO BREVE”

1 posto / Eva Toschi / SOPRAVVIVENZA

In “Sopravvivenza”, di Eva Toschi, la carne dell’orso si manifesta, ineluttabile, e “sa di fame, freddo e sonno”. “La cosa che più ti rovina il cervello è che adesso quello ti sazia”: ti rendi conto della gravità delle tue azioni, scrive Eva Toschi, e vai avanti finché il tuo corpo si blocca, e decide da solo; e proprio quello ti salva: che il tuo corpo decida da solo. L’irresponsabilità e la responsabilità che giocano una posta alta sulla tua testa, mentre non puoi altro che starle a guardare; alla fine, la consapevolezza di poter contare soltanto su te stessa proprio nel momento in cui ti rendi conto che di te stessa non ti puoi fidare; ti puoi soltanto buttare, ed è quello che fai. Il tutto tenuto con uno stile personale e grande tensione, intrecciando sapientemente il dato fisico della fatica in montagna con quello esistenziale: la messa in gioco del proprio animo, senza sconti prima di tutto per chi narra.

Premiata da SUUNTO e Rifugio Lagazuoi.

http://bc2017.altitudini.it/sopravvivenza/

2 posto / Marco Battistutta / WHITE OUT

Marco Battistutta, con “White out”, costruisce una narrazione in cui la suspence sembra nascere dal rispetto per la propria stessa paura, e la propria incoscienza; c’è il ritmo, e c’è una cura scrupolosa per le parole: nella descrizione degli agenti at

Marco Battistuta – White out

mosferici, e nella descrizione dell’ambiente che circonda il narratore, persino quando questo ambiente diventa nulla, diventa bianco. Dall’ambiente generano le sensazioni: un movimento dal fuori al dentro – non l’emozione del narratore che si riversa sull’ambiente esterno e pretende di dipingerlo dei propri toni. Per questo lo sguardo, dal particolare, dalla difficoltà del momento vissuto, si allarga e riesce a diventare universale: quasi come se da quel bianco della nebbia, perso ogni punto di riferimento, si potesse abbracciare l’intera condizione umana. Un episodio particolare diventa un punto da cui guardare l’esistenza: questa è una caratteristica dei buoni racconti.

Premiato da Karpos, AKU e CAMP.

http://bc2017.altitudini.it/white-out/

3 posto / Saverio D’Eredità / DUE SOLITUDINI

“Non c’era nessun piacere, né alcun ritorno. (…) Due solitudini che si ritrovavano ad ogni sosta.” In “Due solitudini”, di Saverio d’Eredità, la montagna diventa teatro: le azioni umane e i loro motivi, le paure recondite, la fiducia dell’uno nell’altro, l’abbandono dell’uno nell’altro; sapendo che, per quanto l’amicizia ci leghi, e nonostante tutti i nostri sforzi, di fronte a certe sfide restiamo solitudini: e allora occorre fidarsi, e abbandonarsi. Il racconto, seppure scandito dal ritmo teso della natura, è un saggio di introspezione psicologica. Un duello con se stessi, prima che con l’altro, o con la montagna. E, come si addice ad ogni buon duello, il ritmo è preciso, contato, teso.

Premiato da CAMP, SALEWA e DEVOLD.

http://bc2017.altitudini.it/due-solitudini/

 

B) UNITÀ MULTIMEDIALE “AUDIOSTORIE

Considerato il numero ridotto di partecipanti a questa categoria, la giuria ha deciso di assegnare solo il primo premio.

1 posto / Gianluca Stazi / LA VOLTA ARMATA

Gianluca Stazi – La volta armata

L’audiostoria di Gianluca Stazi si caratterizza per un’elevata qualità compositiva, originalità e raffinatezza registica. È accompagnata da fotografie di buona qualità che hanno un’importante coerenza narrativa e valore documentale. Inoltre il sito di riferimento dell’autore propone in modo chiaro numerosi contenuti di diverso tipo e formato ed è aggiornato regolarmente. Per quanto riguarda le caratteristiche specifiche dell’audiostoria: “La volta armata” presenta un intreccio del racconto in cui il dialogo tra interviste, materiale di repertorio, suoni d’ambiente e musica è realizzato con grande maestria ed equilibrio, senza stonature. L’utilizzo, nella composizione narrativa, di voci registrate (interviste) come asse portante del racconto rispetta l’idea di una grammatica sonora di fondo in cui gli elementi diversi si uniscono in modo armonioso e non forzato. La qualità estetica rispetta inoltre la linea narrativa e la forza del racconto in cui il tema del contest ‘Liberi di sbagliare’ è sviluppato in modo coerente. Nel racconto dell’occupazione della miniera di San Giovanni a Iglesias emergono il rischio, la sofferenza, le debolezze, il coraggio di agire al di là di regole e conformismi, oltre percorsi tracciati, e con dignità al di là degli sberleffi: un’interpretazione originale del tema, che narra dell’esperienza reale di uomini che non percorrono le vette delle montagne ma lavorano nelle viscere della terra, hanno un rapporto diretto con il territorio, con la forza della natura e forse anche per questo hanno deciso di sfidare le regole a costo di sbagliare.

Pemiato da PALARONDA TREK, SALEWA e DEVOLD.

http://bc2017.altitudini.it/la-volta-armata/

 

I COMMENTI

C’è una tensione che accomuna i tre racconti premiati, e altri molto belli fra quelli pervenuti. Una tensione che scaturisce dalla messa in gioco di se stessi, nella Natura: la necessità di fidarsi dell’incerto, di accollarsi responsabilità a cui si teme di non poter far fronte, ma che pure non si possono evitare; e allora è come se qualcosa di cui non sospettavamo la presenza in noi, venisse in soccorso; uno sguardo di un altro livello, lucido, rarefatto, ghiacciato, forse incosciente. Non si tratta semplicemente di avventura: lì stava forse la difficoltà del tema scelto quest’anno per il contest, e i partecipanti, spesso con risultati notevoli, hanno accolto la sfida, travalicando l’avventura, o la disavventura, per arrivare a un punto in cui, sospesi, ci si specchia nei propri limiti, ci si soppesa, e ci si trova mancanti, e cionostante si trovano le forze per passare oltre; il corpo si blocca, le mani agiscono da sole; si diventa osservatori di se stessi, e si vede se stessi, quasi con stupore, andare oltre – e quando il pericolo è scampato, ci accorgiamo che siamo stati più consapevoli di quanto avessimo creduto: ecco il sapore della carne dell’orso.

Sandro Campani, presidente giuria BC “racconto breve”

 

Per la prima volta il Blogger Contest ha incluso le audiostorie tra le opere candidabili. Audiodoc, l’associazione italiana di audiodocumentaristi, ha accolto con favore e grande interesse questa decisione della Redazione Altitudini. L’utilizzo di materiali sonori, il ricorso allo strumento audio e la scelta di usare suoni e voci per le narrazioni, anche grazie alla diffusione della strumentazione tecnica e alle possibilità offerte dalla rete – arricchiscono oramai i siti web e i blog; Altitudini, scegliendo di integrare questo formato, mostra di seguire con attenzione l’evoluzione dei blog e dei siti web, valorizzando il racconto nelle sue diverse forme, non più solo attraverso immagini e scrittura. Al concorso sono state presentate cinque audiostorie, un numero di gran lunga inferiore rispetto alle storie scritte che però sulla base di diverse considerazioni – novità del concorso, specificità del tema, maggiore complessità dal punto di vista tecnica e minore possibilità di improvvisazione – lascia comunque pensare a un esperimento riuscito, da ripetere e promuovere nelle edizioni successive.

Lea Nocera – Presidente giuria BC “audiostorie”

Non è un tema facile quello di quest’anno, un tema che è innanzi tutto un invito. A rileggere o a leggere lo splendido racconto di Primo Levi, Ferro, dedicato all’amico Sandro Delmastro. Non so se tutti i partecipanti al Blogger Contest lo abbiano letto, ma di certo il tema è stato quasi sempre ben interpretato. Storie di quella volta che abbiamo incontrato il nostro limite, storie di quella volta che abbiamo peccato di “Hybris”, e magari ci è andata bene o magari non troppo, ma non importa. Credo sia stato un esercizio faticoso quello richiesto: in fin dei conti, ci è stato insegnato, i panni sporchi si lavano in famiglia. “Ferro”, dal canto suo, è un racconto che fa piazza pulita di un bel po’ di ipocrisia e ci ricorda qualcosa di fondamentale. Quando mi capitò fra le mani per la volta fu come se mi sentissi deprivata di qualcosa. Io la carne dell’orso non sapevo nemmeno che esistesse, che fosse buona o che si dovesse almeno provare. La famiglia, la società, tutto oggi concorre a tenercene lontano. È il fantasma della sicurezza a governare la nostre vite più di quanto noi stessi non ci rendiamo conto. “Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza, non merita né la libertà né la sicurezza” diceva Benjamin Franklin. Perché il confine tra la sicurezza e la voglia di appaltare la propria responsabilità personale a qualcun altro – in montagna come nella vita – è labilissimo. Eppure l’unico modo dignitoso di stare sul pianeta è in ogni momento accollarci la nostra quota parte di responsabilità personale. Senza deliri di onnipotenza ma anche senza sconti. Perché solo se riconosciamo ciò che dipende da noi siamo in grado di fare la differenza – o la somma, se vi piace di più. E allora, se si tratta di riprendere in mano le redini della propria esistenza, se si tratta di strappare con i denti un angolo di libertà, per quel che mi riguarda vale un po’ tutto. Sì, anche mettersi nei guai.

Simonetta Radice, staff Blogger Contest

 

C) LA GIURIA INOLTRE ASSEGNA I SEGUENTI PREMI:

Premio special Adventure Awards Days

Alessandra Longo / LIBERA I PIEDI, LA MENTE SEGUIRÀ

Federico Rossetti / LIBERI DI SBAGLIARE, LIBERI DI (NON) VOLARE

Francesca Nemi / QUELLA TRAGEDIA CHE PORTI CON TE

Dal 20 al 22 aprile 2018 parteciperanno ad Arco (TN) all’Adventure Awards Days, il festival internazionale dell’avventura e dell’esplorazione. Come inviati speciali avranno il compito di raccontare l’AAD2018. L’invito include accredito giornalistico con accesso libero a tutti gli eventi e soggiorno in ½ pensione.

Premio speciale SALEWA Get Verical

Mariolina Cattaneo / IL GIORNO DELLA MARMOCCHIA

Dal 15 al 18 marzo 2018 parteciperà al SALEWA Get Vertical Base Camp a Obergurgl/Hochgurgl in Austria per un’avventura di ski mountaineering. Come inviata speciale avrà il compito di raccontare il Get Vertical Base Camp. L’invito include un outfit completo SALEWA da ski mountaineering e l’utilizzo dei materiali tecnici.

Premio skialper

Matteo Pavana / ALDO

Vincenzo Agostini / PARETE SUD

Angelo Ramaglia / LA STORIA DI E E T

Avranno pubblicata la loro unità multimediale sulla rivista SKIALPER (punto di riferimento degli appassionati di montagna outdoor) oltre ad un abbonamento annuale alla rivista e un libro della collana Lamine.

Premio AKU

Carmine De Ieso e Alessio Salvini (Centro Sperimentale di Cinematografia, Abruzzo) / LA PARETE NORD DEL MONTE CAMICIA

Riceveranno da AKU un paio di Climatica Suede GTX, calzatura moderna e versatile, progettata per offrire il massimo comfort interno in condizioni di variabilità climatica. Adatta per uno stile di vita attivo, per attività outdoor leggere, viaggio e per utilizzo quotidiano in città.

Premiazione

Luogo e data della premiazione verrà pubblicato e comunicato al più presto. La premiazione avverrà durante un evento pubblico d’interesse nazionale con la partecipazione dei giurati e delle aziende sponsor.

 

Cosa è il Blogger Contest?

Da sei anni la redazione di altitudini.it organizza un confronto nazionale fra blogger, o meglio tra chiunque per passione o professione scrive su un proprio diario digitale o su una rivista online. Ad oggi vi hanno partecipato oltre 300 autori. Ogni anno viene proposto un tema (quest’anno il tema era “Liberi di sbagliare”, preso dal celebre racconto “Ferro” di Primo Levi in cui l’autore descrive l’esperienza vissuta in montagna con Sandro Delmastro come “la carne dell’orso”) e il blogger è invitato a presentare una unità multimediale (un testo di 600 parole, tre foto e il blog dove normalmente scrive) che verrà valutata da una giuria. Per questa composita natura il Blogger Contest non è assimilabile ad un concorso letterario e infatti la giuria valuta tutti i contenuti dell’unità multimediale assegnando ad ognuno specifici punteggi. Ma indipendentemente dalla classifica lo spirito del Blogger Contest è di far emergere dalla vastità della rete, esperienze e pensieri in forma di racconti e di creare una connessione fra persone che coltivano la medesima passione per la scrittura, non solo online.

 

Sono sponsor del Blogger Contest.2017: AKU, Suunto, Camp, Salewa, Karpos, Devold, Rudy Project, PalaRondaTrek, Rifugio Lagazuoi.

Sono media partner del Blogger Contest.2017: The Pill, Planet Mountain, Skialper, MountCity, Outdoor magazine, Prealpi, Montagna.tv, la Rivista della Natura, Dislivelli, Meridiani Montagne, Outdoortest.it, Audiodoc e Adventure Awards Days.

Qui per leggere tutte le storie in concorso http://bc2017.altitudini.it/

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117568/i-vincitori-della-6a-edizione-del-blogger-contest/feed/ 0
NATURÆ 2018: Vivere, Conoscere, Esplorare http://www.montagna.tv/cms/116884/naturae-2018-vivere-conoscere-esplorare/ http://www.montagna.tv/cms/116884/naturae-2018-vivere-conoscere-esplorare/#respond Fri, 05 Jan 2018 06:00:25 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116884
Sito web: www.aku.it
Facebook: AKUTrekkingOutdoorFootwear
Instagram: Akutrekkingfootwear
Youtube: AkuOutdoorFootwear

20 gennaio / 10 febbraio 2018 – Montebelluna, Feltre, Pieve di Soligo, Valdobbiadene

 

Rassegna di film, incontri e immagini ideata da AKU.
Dall’emozione avventurosa, al valore della conoscenza e della salvaguardia ambientale.
Un’occasione speciale per riflettere sul rapporto uomo e natura.

Anche questa 2a edizione di NATURÆ nasce con il fondamentale supporto di molti amici e importanti partner istituzionali e vuole essere un’occasione speciale per riflettere sul tema del rapporto fra uomo e natura, prendendone in esame diversi aspetti. Dall’emozione avventurosa, al valore della conoscenza e della salvaguardia ambientale. Aspetti diversi ma riconducibili tutti ad un comune denominatore, di grande importanza nel nostro tempo: il senso della rigenerazione che la natura da sempre offre all’uomo.

Foto @ Andrea Zampatt

NATURÆ18 si presenta con una rassegna di oltre 25 film (anche prime nazionali ed europee), corto e medio-metraggi, selezionati tra le migliori produzioni nazionali e internazionali, spesso sono lavori di giovani registi o di case di produzione indipendenti che difficilmente raggiungeranno le grandi sale italiane.

I temi sono sempre quelli cari ad AKU. Vivere sulle terre alte non è come in un romanzo da classifiche metropolitane. E sempre accade che l’avventura più esaltante sta nel portare a termine la propria sfida personale, solitaria, irripetibile: una salita impegnativa sulla montagna più ripida del mondo, quanto una giornata di lavoro accanto ai propri animali. Perché la vita e l’avventura sono la stessa cosa, soprattutto quando attorno a te domina la natura.

Franco Nones

In programma non ci solo film, ma anche incontri con ospiti con cui dialogare, due mostre e tante storie da condividere. In totale 8 appuntamenti in 4 città (Feltre, Montebelluna, Pieve di Soligo e Valdobbiadene), dalle Dolomiti bellunesi alle Prealpi trevigiane, dal 20 gennaio al 10 febbraio 2018.

L’evento è ideato e organizzato da AKU trekking&outdoor footwear in collaborazione con il Brescia Winter Film.

ESPOSIZIONI

A FELTRE la mostra OM+1 / Otto Montagne più Una. Illustrazioni e Visioni

Esposizione di disegni degli artisti di MalEdizioni e di Tra le Nuvole Festival Itinerante dell’Illustrazione e del Fumetto ispirati alla vita sulle terre alte. A cura di Luigi Filippelli, Nadia Bordonali e Silvia Trappa (che presenterà anche alcune delle sue ultime sculture). La mostra si inaugura sabato 20 gennaio 2018, alle ore 17.30 nella galleria “Via Claudia Augusta” presso i Palazzetti Cingolani in Piazza Maggiore a Feltre ed è visitabile fino al 10 febbraio 2018 con i seguenti orari: sabato e domenica 15.30-19.00. Durante la giornata inaugurale sarà possibile partecipare ad un laboratorio serigrafico gratuito con gli artisti a numero chiuso (per prenotare scrivere a communication@aku.it o telefonare al 0423 2939 in orario d’ufficio).

A MONTEBELLUNA la mostra fotografica “Il popolo del freddo” di Andrea Zampatti

Andrea Zampatti, fotografo professionista dal 2011, vincitore di numerosi concorsi fotografici a livello nazionale e internazionale, sarà presente per tutta la durata di NATURÆ con una mostra fotografica dedicata alle foreste, alle montagne e ai loro abitanti. La mostra si inaugura martedì 23 gennaio 2018, alle ore 17.30, negli spazi della biblioteca di Montebelluna ed è visitabile fino al 10 febbraio 2018, negli orari di apertura della biblioteca.

Film Numinous

FILM

6 serate di film in 4 città, 25 film provenienti da diverse parti del mondo, con anteprime italiane ed europee. I film sono in lingua originale con sottotitoli in italiano.

SOLIDARITA’ SOCIALE E AMBIENTALE

Siamo parte di un unico ecosistema, sociale e ambientale. Tutti possiamo fare qualcosa per costruire un futuro migliore per l’ambiente e per la comunità. Partecipando a NATURÆ ognuno può contribuire. AKU destinerà l’intero ricavato dalla vendita dei biglietti di NATURÆ a sostegno di progetti di solidarietà sociale, conservazione o valorizzazione ambientale. E’ sufficiente segnalare un progetto sociale o ambientale a responsibility@aku.it. I migliori verranno sostenuti da AKU.

PARTNER E PTROCINI

Partner: Gente di Montagna, BWF17, CAI Feltre, CAI Montebelluna, CAI Pieve di Soligo, Associazione culturale Careni, Libreria La Pieve, MoFFe-Monnezza Film Festival, altitudini.it, Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

Patrocinio: Comune di Feltre, Comune di Montebelluna, Comune di Pieve di Soligo, Comune di Valdobbiadene

Informazioni e aggiornamenti su NATURÆ: www.aku.it  /  www.facebook.com/naturae.aku

 

 Allegato / i film in programma

MARTEDì 23 GENNAIO 2018, ore 21 / Cinema Italia-Eden / MONTEBELLUNA

SWAL & BARD 1 / Italia, 2015, 6’ di Daniele Di Domenico

THE WAIT / Belgio, 2017, 10’ di David Hayes / anteprima italiana

THE ISLAND OF WHALES / Inghilterra, 2016, 80’ di Mike Day / anteprima italiana

Ospiti: Andrea Zampatti, fotonaturalista; Davide Torri, direttore Brescia Winter Film

> Ingresso 4 euro

VENERDÌ 26 GENNAIO 2018, ore 21 / Officinema / FELTRE

SWAL & BARD 4 / Italia, 2015, 17’ di Daniele Di Domenico

E.B.C. 5300 MSL / Svizzera, 2016, 15’ di Léonard Kohli)

THE BOTANIST / Canada-Tajikistan, 2016, 20’ di Maxime Lacoste-Lebuis, Maude Plante-Husaruk

A PASSO D’ORO, LA LEGGENDA DI UN FONDISTA / Italia, 2017, 45’ di Lia e Alberto Beltrami

Ospiti: Franco Nones, medaglia d’oro olimpiadi invernali di Grenoble, primo olimpionico italiano dello sci di fondo; Lia e Alberto Beltrami, registi

> Ingresso 4 euro

 MARTEDì 30 GENNAIO 2018, ore 21 / Cinema Italia-Eden / MONTEBELLUNA

THERE’S TOO MANY OF THESE CROWS / USA, 2016, 4’ di Morgan Miller

THE WET DESERT / Inghilterra, 2016, 4’ di Max Smith / anteprima italiana

MY IRNIK / Canada, 2017, 15’ di Matthew Hood & François Lebeau / anteprima italiana

PIETRA TENERA / Svizzera, 2017, 52’ di Aurélie Mertenat / anteprima italiana

Ospiti: Aurélie Mertenat, regista e filmmaker

> Ingresso 4 euro

VENERDÌ 2 FEBBRAIO 2018, ore 21 / Cinema Careni / PIEVE DI SOLIGO

SWAL & BARD 3 / Italia, 2015, 6’ di Daniele Di Domenico

THE SNOW GUARDIAN / USA, 2017, 5’ di Day’s Edge Production / anteprima europea

WILD & WONDERFUL / USA, 2017, 13’ di Tara Reynvaan Kerzhner / anteprima europea

NUMINOUS / USA-Canada, 2017, 45’ di Nicolas Teichrob & Kye Petersen / anteprima italiana

SKATEALPS / Svizzera, 2017, 4’ di Christian Taro / anteprima italiana

LET IT FLOW / USA, 2017, 25’ di Sean Villanueva O’Driscoll / anteprima italiana

Ospiti: Mysticfreeride, ass. promozione freeride e freestyle; Davide Fioraso, editor The Pill magazine

> Ingresso 4 euro

MARTEDÌ 6 FEBBRAIO 2018, ore 21 / Auditorium Palazzo Piva / Valdobbiadene

FRES-BOI / Spagna, 2016, 7’ di Paloma Canonica e Cristina Vilches / anteprima italiana

FONTANA DI GIOVINEZZA / Canada, 2017, 25’ di Mike Douglas / anteprima italiana

THE CANOE / Canada, 2017, 27’ di Goh Iromoto (canoa, natura, vita, società) anteprima europea

SHIFT / Nuova Zelanda, 2017, 28’ di Kelly Milner (bici, integrazione, natura, giovani) anteprima europea

> Ingresso libero

VENERDÌ 9 FEBBRAIO 2018, ore 21 / Officinema / FELTRE

SWAL & BARD 2 / Italia, 2015, 6’ di Daniele Di Domenico

PETER MOSER / Italia, 2017, 15’ di Matteo Mocellin / anteprima italiana

HANS JORG / USA, 2017, 30’ di Damiano Levati / anteprima italiana

MISS ATTINGHAUSEN / Svizzera, 2016, 15’ di Vasco Estermann e Mauro Schweizer / anteprima italiana

THE FROZEN ROAD / Canada, 2017, 25’ di Ben Page / anteprima europea

Ospiti: Peter Moser, climber e guida alpina; Matteo Mocellin, fotografo e filmmaker

> Ingresso 4 euro

 

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116884/naturae-2018-vivere-conoscere-esplorare/feed/ 0
Funivia Marmolada celebra i 50 anni di attività con due ascensori panoramici a 3265m http://www.montagna.tv/cms/117024/funivia-marmolada-celebra-i-50-anni-di-attivita-con-due-ascensori-panoramici-a-3265m/ http://www.montagna.tv/cms/117024/funivia-marmolada-celebra-i-50-anni-di-attivita-con-due-ascensori-panoramici-a-3265m/#respond Fri, 22 Dec 2017 09:52:05 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117024

Due ascensori avveniristici e panoramici per rendere la montagna sempre più accessibile: dagli appassionati di sport agli amanti della natura d’alta quota o, semplicemente, a chi vuole soltanto provare l’emozione dell’altitudine in sicurezza e comodità. Le Funivie Marmolada festeggiano i primi 50 anni di attività con quello che sanno fare meglio: investire in tecnologia all’avanguardia ampliando l’offerta turistica del territorio in cui sono inseriti. E’ un modello applicato con successo sia in Marmolada (www.funiviemarmolada.com), che Tofana, a Cortina d’Ampezzo, dove è presente l’altro impianto di risalita gestito dalla famiglia Vascellari: Freccia nel Cielo (www.freccianelcielo.com).

La celebrazione dei 50 anni di attività

“50 anni sono un traguardo importante, una tappa simbolica della nostra attività che celebriamo anche con un grande risultato tecnologico, per rendere la montagna sempre più alla portata di tutti”, commenta Mario Vascellari, presidente della società Marmolada srl. “E’ questo uno degli obbiettivi centrali del nostro operato – prosegue Vascellari -. Si pensi che dall’iniziale portata di 400 persone all’ora dei primi anni Sessanta già nel 2004 avevamo raggiunto una capacità di trasporto di circa 1.000 persone all’ora, coprendo oggi tre tronconi con un dislivello di oltre 1.800 m e collegando in 12 minuti Malga Ciapela a Punta Rocca (in allegato la cronistoria più dettagliata dello sviluppo delle funivie).

In occasione dell’importante anniversario, un filmato “50 anni di cielo tra la Marmolada e Cortina, tra funivie e famiglia” racconta la storia delle due funivie e della famiglia Vascellari, gli imprenditori che hanno investito in questi due avveniristici e arditi progetti. A completare la ricostruzione storica è stata inoltre realizzata una mostra fotografica sui 50 anni della funivia “MARMOLADA 50 YEARS MOVING TO THE SKY”, visitabile al piano intermedio del terzo tronco della funivia a Punta Rocca, che racconta il connubio fra la tecnologia e la montagna, una relazione a volte difficile ma che ha portato nel tempo la possibilità a tanti di venire in contatto con una delle montagne più belle al mondo, riconosciuta patrimonio dell’umanità dall’Unesco già nel 2009. Questo percorso iconografico racconta la storia imprenditoriale di una famiglia che ha vissuto il territorio sviluppandone la crescita anche turistica, creando valore per il contesto sociale ed economico nel quale le funivie sono inserite.

Due ascensori per raggiungere il ghiacciaio

Acciaio e vetro per i due ascensori che faciliteranno il passaggio dalla stazione di Punta Rocca al ghiacciaio. Chiamati Rocca e Penia, come le due cime più alte del massiccio della Marmolada, hanno una portata di 42 persone ciascuno e di fatto sostituiscono le quattro rampe di scale, in gran parte esterne alla struttura, che prima erano necessarie per superare i 14 metri di dislivello tra piano di imbarco di Punta Rocca e il ghiacciaio. Grazie alle porte in vetro e alle ampie vetrate delle cabine è possibile ammirare la maestosità delle vette dolomitiche che circondano la Marmolada già dall’ascensore. Realizzati da Otis, un’eccellenza mondiale nel settore, questi si aprono direttamente sulle piste permettendo di raggiungerle agevolmente. Un vantaggio che piacerà non solo agli sportivi, spesso ostacolati dall’equipaggiamento tecnico, ma anche da quanti vorranno apprezzare la montagna in tutta comodità e sicurezza solo per godere di scorci unici ed emozionanti. Inoltre, come prescrive la normativa, ci sono delle scale interne parallele agli ascensori, anche queste panoramiche poiché si sviluppano intorno alle ampie vetrate della struttura.

Il progetto ha preso l’avvio circa 3 anni fa. In particolare, della progettazione e del coordinamento delle attività si è occupato lo studio G22 Projects srl di Lana (BZ) (www.g22projects.com) mentre i lavori sono stati realizzati dall’impresa altoatesina Metall Ritten (www.metallritten.com), entrambi con ampia esperienza sul territorio per quanto riguarda le costruzioni in metallo.

“La realizzazione di questi due ascensori è stata impegnativa per l’altitudine e la conformazione del luogo: sono stati utilizzati per il trasporto dei materiali i gatti delle nevi, l’elicottero e la stessa funivia per gli ingombri minori. Il vento che arriva a 3.000 metri di altitudine ha costretto, ad esempio, a legare tutti gli strumenti per evitare che volassero via” ha spiegato l’arch. Claudine Holstein dello studio G22 Projects. I lavori sono stati avviati nel maggio 2016 con la perforazione e il successivo consolidamento delle basi dei due ascensori che si muovono su uno strapiombo di circa 1000 metri sulla parete Sud della Marmolada.

La struttura riflette i colori della natura nei diversi momenti della giornata grazie all’acciaio e ad un’ampia parte di vetrate che permettono di ammirare lo spettacolare panorama circostante. “L’eccellente risultato è da oggi sotto gli occhi di tutti. Siamo orgogliosi dell’apprezzamento ricevuto dai tecnici e dalle autorità competenti che hanno approvato questo progetto che migliora l’aspetto complessivo della stazione con una struttura architettonicamente innovativa . Infine, ringraziamo le autorità e le istituzioni che hanno partecipato all’inaugurazione e alla benedizione dei due ascensori”, afferma Mario Vascellari.

L’offerta turistica sul territorio: dalle albe…

“La missione della nostra società è quella di ampliare l’offerta turistica del territorio. Con i nostri impianti di risalita promuoviamo ricchi calendari di eventi che hanno l’obiettivo di animare sia la stagione invernale che quella estiva per rendere la montagna una meta turistica da godere tutto l’anno e quest’anno lo facciamo all’insegna del cinquantesimo, che inizia qui in Marmolada e proseguirà in estate in Tofana, dove Freccia nel Cielo a luglio avvierà le sue manifestazioni commemorative”, commenta ancora Mario Vascellari.
Sui siti delle funivie di Marmolada e di Tofana, infatti, è possibile trovare indicazioni per salire in quota per ammirare le albe spettacolari sulle Dolomiti, magari gustando prelibate colazioni, per provare l’ebbrezza di sciare per primi sulla pista della Bellunese in Marmolada, 12 km di pura adrenalina, o di Forcella Rossa a Cortina la pista più spettacolare e impegnativa di tutto l’anfiteatro dolomitico di Cortina. Ricca l’offerta di aperitivi in alta quota, di eventi musicali nella cornice ineguagliabile delle Dolomiti e l’organizzazione di escursioni, sia invernali che estive, adatte a tutti i livelli: da principianti ad appassionati di sport estremi.
Per quanto riguarda lo sci, in particolare, vale la pena di sottolineare che la Marmolada fa parte del comprensorio sciistico più grande del mondo: Dolomiti Superski. È inoltre un importante punto di collegamento per il Sellaronda, uno degli ski tour più suggestivi dell’intero arco alpino che si può percorrere, anche in giornata, attorno al massiccio del Sella attraverso 4 passi dolomitici, Campolongo, Gardena, Sella e Pordoi. Grande attenzione anche alla qualità della neve sulle piste con l’utilizzo di strumenti per ottimizzare l’innevamento artificiale che rilevano la profondità della neve per poi innevare solo dove c’è bisogno, con grande risparmio energetico e dell’uso dei battipista.

Museo Marmolada Grande Guerra m. 3000

Non solo sport e natura, con le funivie Marmolada è anche possibile un approfondimento culturale e storico con la visita al Museo Marmolada Grande Guerra 3000 m, il museo più alto d’Europa che si trova a Serauta, stazione d’arrivo del secondo tronco della funivia. E’ questa una tappa culturale che può essere inserita anche nell’ambito di una giornata di sport sugli sci. Attraverso la prenotazione di una visita guidata si può anche affrontare con occhi diversi la storia di questa assurda guerra. La guida cercherà infatti di trasmettere a tutti quelle emozioni che fanno rivivere la cruda realtà di cento anni fa, dove in luoghi impervi l’uomo cercava di sopravvivere, mantenendo un contatto con la realtà al di fuori della trincea scrivendo racconti, diari o scrivendo lunghe e terribili lettere ai propri famigliari lontani. Il focus del museo è sicuramente la vita del soldato in trincea o nelle baracche. Nel percorso museale si incontreranno, infatti, sia reperti italiani che austro-ungarici, rispecchiando così il vero spirito del museo che è quello di ricordare i tanti caduti non esprimendo opinioni sui fatti, ma raccontando ai visitatori le condizioni in cui la guerra li costrinse a vivere.

Dai finestroni del Museo si può ammirare la Zona Monumentale Sacra, dove i soldati hanno realmente combattuto e dove l’estate si possono visitare le diverse posizioni belliche, attraverso un interessante percorso attrezzato che farà ripercorrere i passi di quegli uomini- soldato costretti dalla guerra a retrocedere a talpe nella roccia.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117024/funivia-marmolada-celebra-i-50-anni-di-attivita-con-due-ascensori-panoramici-a-3265m/feed/ 0
Alagna 3030 in scena da lunedì! http://www.montagna.tv/cms/116622/alagna-3030-in-scena-da-lunedi/ http://www.montagna.tv/cms/116622/alagna-3030-in-scena-da-lunedi/#respond Tue, 12 Dec 2017 10:41:15 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116622 Sarà inaugurata lunedì 18 dicembre alle ore 15.00 la nuova seggiovia che collegherà Cimalegna (m 2650) al Passo dei Salati (m 3030).

A partire dalle ore 13.00 sarà possibile salire gratuitamente senza sci fino al Passo dei Salati, per assistere al taglio del nastro, ammirare l’opera, e partecipare ai festeggiamenti. A seguire sarà offerto un piccolo buffet al Passo dei Salati.

L’opera è frutto di un lungo e scrupoloso lavoro di progettazione tecnica, di compatibilità ecologica, ambientale ed urbanistica, ma anche di una pianificazione attenta e puntuale dei tempi di realizzazione e di un ingente impegno da parte di Monterosa 2000 S.p.A e della ditta costruttrice.

L’impianto trasporterà 1600 persone all’ora circa e consentirà quindi di agevolare e velocizzare l’accesso al comprensorio Monterosa Ski dal versante Piemontese, garantendo inoltre una gestione ottimale delle piste blu di Cimalegna.

La prima giornata di servizio per il pubblico è prevista per sabato 23 dicembre 2017.

I comuni di Alagna e Riva Valdobbia e la Regione Piemonte hanno sostenuto ed incentivato la costruzione, con l’intento di migliorare l’offerta sciistica e l’intero sistema turistico del versante Alagnese. 

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116622/alagna-3030-in-scena-da-lunedi/feed/ 0
Sulle Tracce di Coomba, giovedì 7 Emilio Previtali che racconterà la storia di Doug Coombs http://www.montagna.tv/cms/116388/sulle-tracce-di-coomba-giovedi-7-emilio-previtali-che-raccontera-la-storia-di-doug-coombs/ http://www.montagna.tv/cms/116388/sulle-tracce-di-coomba-giovedi-7-emilio-previtali-che-raccontera-la-storia-di-doug-coombs/#respond Tue, 05 Dec 2017 07:47:08 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116388 Dopo l’incontro di apertura con i fotografi documentaristi Giacomo Frison e Glorija Blazinšek il secondo appuntamento con gli incontri mensili de “I giovedì del CAI Feltre” ha come protagonista Emilio Previtali che racconterà la storia di Doug Coombs, leggenda dello sci ripido ed estremo.

Un appuntamento irrinunciabile per chiunque ami la montagna invernale e lo sci. Conosceremo la storia di Doug Coombs, leggendario ripidista e freerider americano e sarà Emilio Previtali, anche lui alpinista-sciatore e seguitissimo storyteller, a raccontarla con immagini, video e testimonianze. Lo farà a partire dal libro Sulle Tracce di Coomba, edito da Mulatero Editore (la casa editrice che pubblica la rivista Skialper), di cui Previtali è editor dell’edizione italiana.

Il racconto della vita da sciatore di Doug Coombs porterà ad ampliare lo sguardo sull’evoluzione dell’attrezzatura per sciare in montagna e delle tecniche di discesa, dalle grandi discese in heliski al moderno scialpinismo by fair means (con mezzi leali). Una serata quindi capace di unire storia dello sci di montagna nei grandi spazi, emozioni e aggiornamenti tecnici, dall’Alaska, a La Grave, alle Alpi.

Questa di Feltre è la seconda tappa di presentazione del libro di Doug Coombs, la prima si è svolta al Forte di Bard (AO) ed è stata un grandissimo successo di pubblico. Considerato il grande interesse che sta suscitando questo appuntamento gli organizzatori hanno deciso di spostare l’evento presso la sala dell’Officinema. L’appuntamento è per giovedì 7 dicembre 2017, ore 20.30, Officinema a Feltre, ingresso libero.

Evento a cura della Sezione CAI Feltre e di AKU trekking&outdoor footwear, in collaborazione con la rivista Skialper. Info sul sito web www.caifeltre.it e www.aku.it

Gli altri appuntamenti sono:

11 gennaio 2018 / Scialpinismo nel giardino dei giganti

Salite alle cime e discese con gli sci, dai 3000 delle Dolomiti ai 4000 delle Alpi, lungo itinerari spettacolari, di grande impegno fisico e tecnico, con Loris de Barba, Francesco Tremolada e Francesco Vascellari, autori di guide di scialpinismo e sci ripido.

1 febbraio 2018 / Eccezionale normalità

L’eccezionale normalità di chi con sacrificio, impegno e l’uso di materiali e tecnologie all’avanguardia è capace di superare limiti ritenuti impossibili per i portatori di handicap. Il racconto di 40 anni di alpinismo europeo e extraeuropeo del trentino Gianfranco Corradini: “non imprese alpinistiche ma esperienze, superando, anzi, dimenticando la mia diversità colmata dall’amicizia e dalla forza di volontà”.

1 marzo 2018 / Arrampicata sportiva, risorsa per lo sport e per il turismo

> presso Auditorium – Istituto Canossiano Feltre (via Monte Grappa 1), ore 20.30

Da sport estremo a sport accessibile a tutti, l’arrampicata sportiva interessa sempre più persone, anche tra le donne e i bambini. I praticanti oggi sono decine di migliaia e a Tokyo 2020 sarà per la prima volta disciplina olimpica. Una riflessione a tutto campo sulle opportunità sportive e turistiche offerte dall’arrampicata indoor e in falesia. Partecipano: Maurizio Zanolla “Manolo” (climber e guida alpina), Bruno Capretta (istruttore Nazionale di Arrampicata Libera), Adorno Rebuli (INSA e operatore turistico), Francesco Vettorata, Silvia Cassol e Sara Avoscan (atleti di arrampicata sportiva), Angelo Seneci (esperto di sviluppo del turismo outdoor, consulente di GardaTrentino), Manrico Dell’Agnola (alpinista e accademico CAAI).

5 aprile 2018 / Es usted un peregrino?

Gian Domenico Ceccato vive tra il Canada e Feltre, è l’autore del film “Es usted un peregrino?” e racconta la sua esperienza di pellegrino sul famoso Cammino di Santiago e sulla più antica via di pellegrinaggio buddista, il cammino degli 88 templi sull’isola giapponese di Shikoku, lungo ben 1200 km. Accompagnamento musicale di Andrea Da Cortá, Pina Sabatini e Sandro del Duca.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116388/sulle-tracce-di-coomba-giovedi-7-emilio-previtali-che-raccontera-la-storia-di-doug-coombs/feed/ 0
Inverno nel Osttirol: molto più che semplicemente sciare http://www.montagna.tv/cms/116159/inverno-nel-osttirol-molto-piu-che-semplicemente-sciare/ http://www.montagna.tv/cms/116159/inverno-nel-osttirol-molto-piu-che-semplicemente-sciare/#comments Sat, 02 Dec 2017 06:55:04 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116159 Sciare in comprensori di nicchia, fare escursioni sugli sci, fare escursioni con le ciaspole, trascorrere una notte nell’igloo e passeggiare nel centro storico di Lienz. Questo è “Sci più X” nell’Osttirol.

Sciare, sciare e sciare. Essere i primi, ogni mattina, davanti allo skilift. Accumulare chilometri e chilometri di piste dal giorno di arrivo a quello di partenza. Questo tipo di vacanza invernale ha fatto il suo tempo: oggi i turisti chiedono divertimento, relax ed esperienze anche al di fuori della pista. Che sia un’escursione sugli sci, un’escursione con le ciaspole o un pomeriggio di shopping in città “Sci più X” è la risposta che l’Osttirol dà alle nuove esigenze del turista invernale che vuole decidere da sé e dalla sua vacanza si aspetta sia la giornata sugli sci, sia esperienze indimenticabili a contatto con la natura o romantiche escursioni in giornata. Per l’inverno 2016/2017, l’Osttirol non ha creato solo un nome, ma anche i migliori presupposti: piste con neve sicura, non affollate, una shopping city con un delizioso centro storico e un paesaggio invernale circondato da 266 vette over-tremila che incanta per la sua varietà.

“Terrazze sci“ a Lienz

Lienz non è una metropoli ma ha una personalità urbana che si mescola al fascino del centro storico. Il centro storico, con gli eleganti viali, gli antichi negozi di artigianato, le boutique alla moda e i caldi caffè è veramente incantevole. Un’alternativa diversa e chic allo sport invernale. L’offerta “Terrazze sci” unisce il divertimento sulle piste al fascino della città storica e può essere prenotata dal prezzo di 245 euro per persona.

“Sci più escursione sciistica”: romantici sentieri nel silenzioso mondo d’inverno

L’Osttirol è una delle regioni più stimate per le escursioni sciistiche: gli Alti Tauri, le zone che circondano il Großglockner e il Großvenediger, le Dolomiti di Lienz, valli incontaminate e romantiche come la Villgratental e la Lesachtal offrono esperienze naturalistiche indimenticabili. Percorsi attraverso il solitario mondo d’inverno lontani dalla quotidianità e discese incredibili sulla neve polverosa. Con le guide alpine dell’Osttirol, troverete i percorsi più belli e vivrete le esperienze più indimenticabili. Come inizio, vi consigliamo di sperimentare una giornata di assaggio con la guida alpina al prezzo di 75 euro.

“Sci più parco nazionale”: sulle orme della natura

Bastano pochi minuti di auto o di autobus e qualche passo con le ciaspole per entrare in un altro mondo, così lontano dalla quotidianità. La guida del parco nazionale vi condurrà in questo paesaggio invernale da fiaba, vi mostrerà bellezze nascoste e vi racconterà emozionanti storie sul mondo delle piante e degli animali che vi mancherà già appena conclusa l’escursione. Seguire le orme e osservare gli abitanti del bosco… non è raro adocchiare, armati di un buon cannocchiale, camosci, stambecchi, aquile e gipeti. L’escursione “L’entroterra dell’Osttirol” costa 15 euro per persona e comprende le ciaspole, bambini 9 euro.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116159/inverno-nel-osttirol-molto-piu-che-semplicemente-sciare/feed/ 1
Innsbruck: 300 km di piste, 9 comprensori a pochi minuti dal centro storico a 2.000 metri http://www.montagna.tv/cms/116150/innsbruck-300-km-di-piste-9-comprensori-a-pochi-minuti-dal-centro-storico-a-2-000-metri/ http://www.montagna.tv/cms/116150/innsbruck-300-km-di-piste-9-comprensori-a-pochi-minuti-dal-centro-storico-a-2-000-metri/#respond Tue, 28 Nov 2017 08:47:11 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116150 Sci in spalla e si parte. Direttamente dal centro storico a quota 2.000 metri, pronti a vivere le emozioni di uno dei comprensori sciistici più grandi delle Alpi?

Innsbruck, la Capitale delle Alpi, con i suoi splendidi palazzi asburgici e un centro storico vivo e giovane, è anche la Capitale del divertimento sulla neve grazie all’Olympia SkiWorld Innsbruck: 9 comprensori sciistici con 300 chilometri di piste, che passano davanti alle porte della città, percorribili con un unico skipass. Anche l’après ski non è da meno con i locali di tendenza del centro storico o quelli più insoliti in quota, come Cloud9, un gigantesco igloo sulla Norkette, dove prendere l’aperitivo per poi cenare all’Alpen Lounge Seegrube a 2.000 metri di quota. 

Ski & Après ski in the city

Innsbruck è una città racchiusa tra le montagne. Il posto ideale per chi vuole una vacanza completa, fatta di sci, neve, ma anche shopping, teatro, musica. Passeggiando per le strade del centro storico si incontrano spesso persone in tuta da sci e scarponi, che uscite dall’hotel si avviano a piedi alla stazione a valle dell’impianto della Nordkette, realizzato dall’archistar Zaha Hadid, che in soli 20 minuti porta in mezzo alle piste. Qui, oltre al punto di partenza per le discese, si trova una terrazza soleggiata immersa nella natura per rilassarsi in un ambiente unico. Sdraio, vista panoramica sulle Alpi dell’Ötztal e della Zillertal, frizzante aria di montagna, cielo dal blu intenso e tanto sole: un quadro idilliaco degno di una cartolina. 

Dopo una giornata di sport invernali su piste da sci o fondo o fuori pista è il momento di divertirsi con l’après-ski in the city. Nel bar panoramico a 360° si getta ancora uno sguardo alle montagne che brillano al chiaro di luna e contemporaneamente non si vede l’ora di chiudere piacevolmente la serata nel centro della città. Qui attendono bar, enoteche, birrerie, ristoranti rinomati e insigniti con i cappelli della guida Gault Millau, ma anche tradizionali trattorie dove si cena nelle stuben rivestite di legno, al lume di candela. Prima di cenare, c’è ancora il tempo di fare un giro di shopping nella rinnovata Maria-Theresien-Straße: nell’elegante Kaufhaus Tyrol, nelle Gallerie del Municipio, o in uno dei tanti bei negozi e nelle botteghe del centro storico, dove si trovano sempre cose interessanti da guardare e acquistare.

Ma non finisce qui: l’apres ski si può fare anche in quota. Grazie alle risalite notturne con gli impianti Nordkettenbahnen tutti i venerdì si ha l’occasione di scoprire il locale Alpen-Lounge Seegrube, la zona chill out più in quota di Innsbruck, con il Friday Night Party: si può prendere un aperitivo nel Cloud9, un gigantesco igloo in perfetta armonia con il paesaggio innevato e poi cenare nell’Alpen-Lounge, ammaliati dal massimo splendore delle notti d’inverno e dalla vista sulla città di Innsbruck che scintilla a valle.

9 comprensori 1 skipass

All’ombra del Tettuccio d’oro gli appassionati degli sport invernali trovano le condizioni perfette per praticare qualsiasi genere di attività sulla neve. Con un unico skipass sciatori e snowboarder potranno scegliere tra 9 comprensori, 300 km di piste, 7 tra snowpark e funpark, anelli di fondo e 90 impianti di risalita. La porta d’accesso alla città saluta l’arrivo degli sciatori con il monumentale trampolino da salto con gli sci del Bergisel, realizzato dall’archistar Zaha Hadid, diventato un simbolo per chi arriva ad Innsbruck, il cui accogliente caffè invita gli ospiti a godersi un po’ di relax, mentre la pista olimpionica per bob e slittino offre ai più temerari la possibilità di una sfrenata discesa sul bob o su un wok gigante a 4 posti.

Nei 9 comprensori ognuno troverà la pista più adatta alle sue esigenze e capacità. Dal comprensorio a misura di famiglia, alle piste ad alta quota, fino alle più impegnative sfide sportive: agli ospiti di Innsbruck e dei suoi villaggi d’incanto non resta che scegliere la meta e raggiungerla… in modo comodo, ecologico e gratuito, grazie allo skibus con servizio navetta o direttamente dal centro storico, in soli 20 minuti con la funicolare realizzata da Zaha Hadid.

Nel comprensorio di Kühtai, la località sciistica austriaca situata più ad alta quota, si parte già da oltre 2000 metri e salendo di altri 1000 metri si può ammirare lo spettacolo del ghiacciaio dello Stubai. Inoltre, proprio sopra la città si trova lo Skylinepark. Questo parco sulla Nordkette, il più ripido di Innsbruck, chiamato “incity” per la sua vista sulla città, offre interessanti sfide sportive per gli snowboarder, ma è anche un luogo apprezzato dagli sciatori e dagli amanti del sole, che non disdegnano l’impianto di risalita Nordkettenbahn per raggiungere questo regno del divertimento sugli sci con un panorama da favola. Infine, i comprensori sciistici a misura di famiglia di Mutterer Alm, Rangger Köpfl, Schlick 2000 e Glungezer sono l’ideale per chi cerca discese meno impegnative.

Lo skipass dell’Olympia SkiWorld, oltre a dare diritto a scendere sulle piste di 9 comprensori sciistici di massimo livello, fino ad aprile 2018 dà la possibilità di viaggiare a bordo dello skibus gratuito. Il costo di uno skipass per 6 giorni è di 222 euro per gli adulti; gratuito per i bambini fino a 6 anni; speciali riduzioni per giovani e terza età.

Skipass gratuito con i pacchetti Olympia SkiWorld Innsbruck

Lo skipass, che permette di divertirsi sugli sci nei 9 comprensori di Innsbruck e dei suoi villaggi d’incanto, è gratuito per chi sceglie di approfittare del pacchetto Olympia SkiWorld. L’offerta permetterà agli ospiti di godersi sia la città che la montagna: per raggiungere le piste da sci e da snowboard gli sportivi avranno a disposizione lo skibus gratuito, che li porterà rapidamente sulla pista dei loro sogni. Questo speciale pacchetto vacanza comprende 4 pernottamenti in mezza pensione o B&B e lo skipass Olympia SkiWorld per 9 comprensori sciistici a partire da 387 euro a persona.

Info: Innsbruck Tourismus, tel.+4351259850; www.innsbruck.info; office@innsbruck.info.

 

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116150/innsbruck-300-km-di-piste-9-comprensori-a-pochi-minuti-dal-centro-storico-a-2-000-metri/feed/ 0