Eventi – Montagna.TV http://www.montagna.tv/cms Le notizie della montagna in tempo reale Fri, 19 Jan 2018 08:43:15 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.1 Antartide, di ghiaccio e di granito. A Milano una serata sulle cime più selvagge della Terra http://www.montagna.tv/cms/117776/antartide-di-ghiaccio-e-di-granito-a-milano-una-serata-sulle-cime-piu-selvagge-della-terra/ http://www.montagna.tv/cms/117776/antartide-di-ghiaccio-e-di-granito-a-milano-una-serata-sulle-cime-piu-selvagge-della-terra/#respond Mon, 15 Jan 2018 08:35:22 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117776 Una serata da non perdere, quella organizzata da Meridiani Montagne, sulle cime più selvagge e irraggiungibili del pianeta. Per il quarto appuntamento del ciclo “Le grandi montagne del mondo”, Leo Houlding, Sean Leary e Jason Pickles ci accompagnano nelle regioni ghiacciate del Queen Maud Land.

Obiettivo: il maestoso e inviolato Ulvetanna Peak. “The last great climb” di Alastair Lee è un film adrenalinico, che racconta un’impresa al limite del possibile. Introduce la serata un sorprendente racconto di Marco Albino Ferrari. Seguiranno altre soprese dedicate al “grande gelo terrestre”.

Appuntamento: martedì 16 gennaio 2017 – ore 21.15. Spazio Oberdan – Viale Vittorio Veneto, 2

 

Qui sotto potete vedere il trailer del film 

 

In collaborazione con: Trento Film Festival; Fondazione Cineteca Italiana; Club Alpino Italiano sezione di Milano; Radio Popolare; Montagna.tv; Lifegate

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117776/antartide-di-ghiaccio-e-di-granito-a-milano-una-serata-sulle-cime-piu-selvagge-della-terra/feed/ 0
Questa sera a Trento Alessandro Corazza racconta il suo Manaslu http://www.montagna.tv/cms/117536/questa-sera-a-trento-alessandro-corazza-racconta-il-suo-manaslu/ http://www.montagna.tv/cms/117536/questa-sera-a-trento-alessandro-corazza-racconta-il-suo-manaslu/#comments Tue, 09 Jan 2018 12:54:46 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117536 Tutto è partito in SAT quando Alessandro Corazza, socio del sodalizio dal 2007, in una serata alpinistica ideata qualche anno fa dalla sezione di Trento, ha conosciuto un gruppo di alpinisti che organizzavano spedizioni sull’Everest altre vette himalayane.

Un sogno gli 8.000 per Alessandro, fortissimo scalatore satino, che nel frattempo nel 2015, assume l’incarico di presidente della Commissione Escursionismo di SAT centrale.

Alessandro non arrampica per lavoro, non è guida alpina ed ogni spedizione comporta assenze prolungate e sacrifici non indifferenti, ma niente avrebbe ostacolato quel sogno accarezzato da lungo tempo. Così il 25 settembre scorso Corazza arriva in vetta con una spedizione composta da 10 scalatori dei quali 4 italiani e 12 sherpa ed in vetta sventola il gagliardetto della SAT in segno di ringraziamento nei confronti di chi ha fatto sì che il suo sogno diventasse realtà.

Ora Alessandro è pronto a portare la scalata alla “montagna dello spirito” in giro per il Trentino, prima importante tappa stasera 9 gennaio a Trento alla fondazione Caritro alle 20.30 nell’ambito delle serate culturali organizzate dalla sezione di Trento. A seguire ci saranno Rovereto, Cognola, Aldeno, Fondo, Mori, con date ancora da definire.

Qual è stata abbiamo chiesto ad Alessandro la sensazione più forte che hai portato a casa da questa impresa? “La facilità con la quale si può perdere la vita – racconta – il Manaslù è una montagna piena di crepacci, dove batte un vento fortissimo, non si sale in cordata, dove ci sono corde fisse metti un moschettone, altrimenti sei libero e se cadi devi sapere che nessuno può venire a prenderti è troppo rischioso. A me è capitato, sono finito in un crepaccio fermandomi a 20 metri, per fortuna avevo un chiodo, l’ho piantato nel ghiaccio e con picozza e ramponi sono riuscito a risalire, ma lì ho visto veramente la mia fine”.

La stampa specializzata riferisce che il Manaslù quest’anno è stato il più gettonato tra tutti i 14 ottomila per quale motivo? “La via normale è il sogno di molti alpinisti, ma lassù ho visto gente morire per mal di montagna ed ho visto anche la maggior parte dei partecipanti alle spedizioni fermarsi al terzo campo base situato a 6.800 metri. A volte, appunto perché molto frequentato e molto ambito, si pensa che il Manaslù sia una vetta più accessibile di altre ma non è così. Non ho usato ossigeno se non nella discesa dopo una permanenza di 5 ore in vetta per aspettare gli altri i polmoni iniziavano a soffrire, ma in generale il fisico mi ha supportato bene’.

Avevi già affrontato quote rilevanti, prima, dopo o durante la preparazione in vista di questo traguardo? “Ho affrontato in questi ultimi anni i 6.900 dell’Aconcagua, l’Elbrus, ed altre innumerevoli imprese attorno ai 5-6.000 metri ed ho intrapreso una preparazione atletica monto intensa sulle montagne di casa iscrivendomi anche al corso di accompagnatore di media montagna. Ho imparato moltissimo dalla esperienza sul Manaslù e con le serate in giro per il Trentino vorrei trasmettere un messaggio ai giovani sul fatto che anche chi non è un professionista della montagna, con una preparazione adeguata e con  passione, può raggiungere traguardi importanti. La montagna va vissuta amata e rispettata, si va in alto un passo dopo l’altro, senza mai forzare i propri limiti”.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117536/questa-sera-a-trento-alessandro-corazza-racconta-il-suo-manaslu/feed/ 3
Nel 2018 torna “Sicuri con la Neve” in tantissime località http://www.montagna.tv/cms/117126/nel-2018-torna-sicuri-con-la-neve-in-tantissime-localita/ http://www.montagna.tv/cms/117126/nel-2018-torna-sicuri-con-la-neve-in-tantissime-localita/#respond Sun, 31 Dec 2017 09:58:48 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=117126

Domenica 21 gennaio 2018 si ripresenta la giornata nazionale di sensibilizzazione e prevenzione degli incidenti tipici della stagione invernale; valanghe, scivolate su ghiaccio, ipotermia e altro ancora saranno i temi d’interesse.

Con il progetto SICURI in MONTAGNA il Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, il Club Alpino Italiano con il Servizio Valanghe Italiano, le Scuole d’Alpinismo e Scialpinismo, le Commissioni e Scuole Centrali di Escursionismo, Alpinismo Giovanile, Fondoescursionismo, la Società Alpinistica F.A.L.C., Enti e Amministrazioni che si occupano di montagna, promuovono queste iniziative che mirano alla prevenzione degli incidenti in montagna.

La stagione invernale rivela dei rischi peculiari che sono messi in evidenza dagli incidenti che, purtroppo, di anno in anno si ripresentano; tutto ciò non interessa solo gli appassionati di sci alpinismo ma anche chi ama sciare in neve fresca, fare escursioni con le ciaspole, fare escursioni su sentieri a volte ghiacciati. Negli anni passati le giornate di SICURI con la NEVE hanno fatto registrare una preoccupante situazione che denuncia, inequivocabilmente, diffuse carenze a livello della preparazione personale, della valutazione del rischio e dell’uso dell’attrezzatura d’auto soccorso; in questo senso risulta di fondamentale importanza far crescere la consapevolezza personale accompagnata da un indispensabile bagaglio tecnico.

Il 21 gennaio 2018, in varie località, si darà vita a momenti di coinvolgimento aperti a tutti gli appassionati, sciatori ed escursionisti, che desiderano ricevere informazioni o approfondire le proprie conoscenze sulla frequentazione della montagna innevata in ragionevole sicurezza, anche attraverso prove pratiche e dimostrative. Per conoscere le iniziative in programma e le località interessate dalle manifestazioni, basta consultare i siti web di riferimento che saranno puntualmente aggiornati.

Elenco provvisorio località: qui

]]>
http://www.montagna.tv/cms/117126/nel-2018-torna-sicuri-con-la-neve-in-tantissime-localita/feed/ 0
A Milano una grande serata dedicata al Dolpo, il “Paese Nascosto”. Ospite Paolo Cognetti http://www.montagna.tv/cms/116782/a-milano-una-grande-serata-dedicata-al-dolpo-il-paese-nascosto-ospite-paolo-cognetti/ http://www.montagna.tv/cms/116782/a-milano-una-grande-serata-dedicata-al-dolpo-il-paese-nascosto-ospite-paolo-cognetti/#respond Mon, 18 Dec 2017 06:00:33 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116782 Una grande serata dedicata alla zona più misteriosa del Nepal: il Dolpo, il “Paese Nascosto”. Presenta Marco Albino Ferrari, insieme allo scrittore Paolo Cognetti (premio Strega 2017) e al fotografo Stefano Torrione, il racconto del trekking in Nepal appena terminato.

A seguire il film “Himalaya – L’infanzia di un capo” di Éric Valli, Genziana d’Oro al Trento Film Festival (2000) e nominato all’Oscar come miglior film straniero.

Sul numero di gennaio di Meridiani Montagne Himalaya del Dolpo, il grande reportage di Paolo Cognetti dalla spedizione appena conclusa. Con la cartina inedita con i sentieri, le tappe e tutte le informazioni utili per affrontare uno dei trekking più spettacolari del mondo.

 

 

Francia / 2000 / 104′

Perduto nella vastità himalayana, a nord est nel Dolpo,a metri di altitudine vi è un villaggio abitato da poveri e rudi contadini che insieme a minuscoli campi di orzo hanno come unica e principale ricchezza il sale dell alto Tibet che devono estrarre per scambiare ogni anno con il grano predato aldilà delle montagne gigantesche nelle basse e ricche vallate nepalesi. il viaggio per scambiare il sale con il grano è fatto di viaggi avventurosi attraverso sentieri pericolosi dove ogni passo può essere fatale; ad esso partecipano uomini, donne e bambini che accompagnano immense mandrie di yak; viaggi che mettono alla prova il coraggio di tutti e trasforma dei semplici e timidi contadini in eroici carovanieri. Per settimane, per mesi lottano contro il freddo, la violenza del vento, le tempeste di neve, le valanghe, si confrontano con una natura aggressiva ed eccessiva. Il vecchio capo carismatico Tinlè. il cui figlio primogenito è morto da poco, si rifiuta di lasciare il comando della carovana di yak al giovano Karma perchè lo ritiene responsabile della morte di suo figlio. Karma sfida gli oracoli dello sciamano e la collera di Tinlè e prima della data stabilita si pone al comando della carovana seguito dai giovani del villaggio. Nel giorno fissato dagli dei Tinlè, con l’aiuto del suo secondo figlio, il lama Norbou, di suo nipote Passang e dei suoi vecchi compagni, decide malgrado tutto di partire a sua volta. Per l’ennesima volta ricomincia il duello ancestrale fra la montagna e l’uomo. Tinlè e i suoi compagni iniziano un viaggio irto di pericoli che metterà alla prova ognuno di loro e che li trasformerà da semplici contadini in persone capaci di imprese impossibili. Lungo sentieri impraticabili in cui ogni passo può risultare fatale per lunghe settimane sapranno lottare e vincere il freddo, le tempeste di neve, le valanghe e tutte le altre forti sfide che la natura pone loro.

 

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116782/a-milano-una-grande-serata-dedicata-al-dolpo-il-paese-nascosto-ospite-paolo-cognetti/feed/ 0
In Lombardia una giornata per imparare a sciare gratuitamente con i maestri http://www.montagna.tv/cms/116219/in-lombardia-una-giornata-per-imparare-a-sciare-gratuitamente-con-i-maestri/ http://www.montagna.tv/cms/116219/in-lombardia-una-giornata-per-imparare-a-sciare-gratuitamente-con-i-maestri/#respond Mon, 11 Dec 2017 06:00:08 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116219 Un’intera giornata in cui i professionisti della neve lombardi saranno a disposizione per lezioni collettive gratuite di 2 ore dedicate ai bambini (a partire dai 4 anni) e agli adulti nelle discipline dello sci alpino, dello sci nordico, dello snowboard, del telemark e anche per bambini diversamente abili. Le Scuole aderenti all’iniziativa sono 60.

L’Open Day promosso da AMSI Lombardia ed arrivato alla decima edizione, è programmato per il 17.12.2017.

Un’occasione per mamme e papà che intendono avvicinare i propri figli alla neve, allo sport e alle splendide località montane della Regione Lombardia, ma anche per gli adulti che desiderano acquisire dalle prime nozioni sciistiche a quelle più avanzate.

Un’opportunità pertanto per capire come si svolge una lezione di sci (alpino e nordico) o snowboard sulla neve e incentivare l’afflusso nelle scuole, dando il via a una stagione in sicurezza grazie ai professionisti della neve.

Aderire all’Open Day è semplice: basta contattare la Scuola Sci o Snowboard più vicina e comunicare l’adesione a Open Day 2017, la scuola fornirà tutte le indicazioni utili.

Per conoscere l’elenco delle scuola di sci aderenti, qui

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116219/in-lombardia-una-giornata-per-imparare-a-sciare-gratuitamente-con-i-maestri/feed/ 0
Per la Giornata Internazionale della Montagna il Trento Film Festival si sposta in Pakistan http://www.montagna.tv/cms/116529/per-la-giornata-internazionale-della-montagna-il-trento-film-festival-si-sposta-in-pakistan/ http://www.montagna.tv/cms/116529/per-la-giornata-internazionale-della-montagna-il-trento-film-festival-si-sposta-in-pakistan/#respond Sun, 10 Dec 2017 07:35:37 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116529 Al Film Festival di Trento la scorsa primavera era ospite il Chief Minister del Gilgit Baltistan 

Hafiz Hafeez-ur-Rehman, che, con Kurt Diemberger, aveva raccontato della sua terra dove ci sono il K2, i Gasherbrum, il Nanga Parbat e centinaia di altre montagne formidabili. Ha raccontato di una regione, quella che governa, amministrativamente giovane e povera, ma che ha voglia di sviluppo, anche turistico, e di riconoscimento della specificità del suo territorio montano. Non per nulla quel convegno titolava “Mountains, energy for the planet: the K2 region”.

La montagna è la nuova consapevolezza turistica della sempre più numerosa borghesia pakistana che da 5 anni, d’estate, quando le temperature a Islamabad o Lahore sono costantemente attorno ai 40 gradi, si sposta a nord, in Gilgit Baltista, al fresco. Nel 2012 erano in trentamila, la scorsa estate in un milione e mezzo. Non male.

E così il Film Festival più antico e prestigioso al mondo, in occasione della Giornata Mondiale delle Montagne voluta dalle Nazioni Unite, dall’11 al 18 dicembre si sposta a Islamabad, Skardu e Gilgit, quest’ultima capitale del G-B, per presentare le pellicole viste a Trento al pubblico degli appassionati pakistani.

Un’iniziativa voluta dall’Ambasciata Italiana insieme al Film Festival di Trento e a EvK2CNR, che da anni si occupa di ambiente e sviluppo nel nord del Pakistan.

Il programma: 

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116529/per-la-giornata-internazionale-della-montagna-il-trento-film-festival-si-sposta-in-pakistan/feed/ 0
A Milano arrampicate e calate dal Palazzo della Regione con le Guide Alpine e Babbo Natale http://www.montagna.tv/cms/116482/a-milano-arrampicate-e-calate-dal-palazzo-della-regione-con-le-guide-alpine-e-babbo-natale/ http://www.montagna.tv/cms/116482/a-milano-arrampicate-e-calate-dal-palazzo-della-regione-con-le-guide-alpine-e-babbo-natale/#respond Thu, 07 Dec 2017 09:13:36 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116482 Il 16 e il 17 dicembre a Milano torna l’appuntamento in piazza con le Guide Alpine della Lombardia. Dopo il successo delle tre passate edizioni, i professionisti della montagna ritornano in città per far provare a tutti gratuitamente arrampicate e calate dai piani alti del Palazzo della Regione. Le Guide saranno protagoniste delle due giornate organizzate dall’Assessorato allo Sport e alle Politiche per i giovani per promuovere la cultura sportiva. Tra gli ospiti più attesi ci sarà anche Babbo Natalesabato e domenica alle 15:30 si calerà con le Guide alpine per regalare ai bambini dolci sorprese.

L’evento come nelle precedenti edizioni si svolgerà a Milano nella piazza coperta di Città di Lombardia, dove si trova il Palazzo della Regione e dove anche quest’anno sarà montata la grande pista di pattinaggio sul ghiaccio. Insieme alle Guide Alpine i visitatori potranno sperimentare le emozionanti calate dai piani alti di Palazzo Lombardia, un’esperienza indimenticabile a cui tutti gli anni partecipano centinaia di persone di tutte le età.

Per chi volesse arrampicare, le Guide Alpine attrezzeranno una parete di 8 metri, su cui faranno scalare grandi e bambini e tutti coloro che vorranno provare a cimentarsi anche per la prima volta.

Quest’anno tra i presenti ci sarà niente meno che Babbo Natale, atteso in piazza alle 15:30 di sabato e domenica per una calata dal Palazzo della Regione e un saluto a tutti i più piccoli.

L’arrampicata e le calate si svolgeranno sabato 16 dalle 12 alle 17 e domenica 17 dalle 10 alle 17. Le iscrizioni per entrambe le attività chiuderanno alle 16:30.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116482/a-milano-arrampicate-e-calate-dal-palazzo-della-regione-con-le-guide-alpine-e-babbo-natale/feed/ 0
“Il Sapore della neve”: a Lecco una serata per parlare di alimentazione per gli sport invernali http://www.montagna.tv/cms/116336/il-sapore-della-neve-a-lecco-una-serata-per-parlare-di-alimentazione-per-gli-sport-invernali/ http://www.montagna.tv/cms/116336/il-sapore-della-neve-a-lecco-una-serata-per-parlare-di-alimentazione-per-gli-sport-invernali/#respond Fri, 01 Dec 2017 14:03:07 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116336 Dalla conoscenza approfondita dell’alimentazione del popolo Sami e dai risultati del metodo di alimentazione in altissima quota sperimento sul Manaslu e pubblicati su Biologi Italiani, la Dr.ssa Donatella Polvara, biologa nutrizionista, approfondisce i principi nutrizionali validi per combattere il freddo e per fornire energie di gran lunga durata durante gli sport invernali.

Sarà presente a Lecco questa sera, 1 Dicembre 2017 alle ore 20,45 in sede CAI di Lecco,per parlarne approfonditamente durante la rassegna Monti Sorgenti OFF, titolo della serata “Il sapore della Neve”.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116336/il-sapore-della-neve-a-lecco-una-serata-per-parlare-di-alimentazione-per-gli-sport-invernali/feed/ 0
Un inverno all’insegna della letteratura. A Cortina torna Una Montagna di Libri http://www.montagna.tv/cms/116279/un-inverno-allinsegna-della-letteratura-a-cortina-torna-una-montagna-di-libri/ http://www.montagna.tv/cms/116279/un-inverno-allinsegna-della-letteratura-a-cortina-torna-una-montagna-di-libri/#respond Fri, 01 Dec 2017 08:30:13 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116279 Una stagione emozionante di neve, sole, idee e cultura sta per cominciare ai piedi delle Dolomiti. È ai nastri di partenza Una Montagna di Libri, la festa internazionale della lettura protagonista della stagione di Cortina d’Ampezzo, che raccoglie un pubblico annuale di circa 20mila presenze.

Dall’8 dicembre a Pasqua, con un ricchissimo programma, la XVII Edizione porterà oltre trenta appuntamenti con l’autore al pubblico di Cortina. Per adulti, ragazzi e bambini. Fino alla primavera.

Avanti. È questo il tema portante della XVII Edizione di Una Montagna di Libri che racconterà i cambiamenti della tecnologia, della scienza, dell’esperienza umana, aprendo libri di viaggio e portando a Cortina un grande spettacolo. Per partire insieme in una nuova avventura, tra libri che, nella loro affascinante diversità, riecheggiano una curiosità totale per il nuovo. Sempre più ricco il parterre di protagonisti della letteratura e del giornalismo italiani e stranieri.
 

“A Cortina d’Ampezzo siamo pronti per un viaggio lungo quattro mesi”, spiega il patron Francesco Chiamulera, “e questa XVII Edizione di Una Montagna di Libri, a otto anni dalla nascita, mettendo insieme qualità e numeri rilancia il ruolo di Cortina come centro di gravità di autori, pagine e idee nel cuore delle Dolomiti. Il festival è un punto di riferimento per l’offerta turistica di Cortina e per la popolazione”.

Ma ecco tutti i contenuti dell’edizione Inverno 2017/18: Una Montagna di Libri sfoglierà le pagine di narratori del calibro di Marco Paolini, Tim Parks, Jan Brokken, Roberto Costantini, Chiara Barzini, Tullio Solenghi, Pietrangelo Buttafuoco, Gianfranco Bettin. Ascolterà le voci della cultura, delle istituzioni, della scienza e delle arti, come Carlo Petrini, Vittorio Sgarbi, Michael Jakob, Riccardo Falcinelli, Franco Gabrielli, Martina Mondadori Sartogo, Antonio De Rossi, Cristiano Seganfreddo, Paolo Nicoletti, Marcella Morandini, Vera Slepoj, Annina Pedrini, Paolo Maria Noseda. Interpellerà protagonisti assoluti dell’informazione e del giornalismo come Paolo Mieli, Emanuele Farneti, Luca Telese, Pierluigi Battista, Bruno Vespa, Aldo Cazzullo, Marco Travaglio, Gennaro Sangiuliano, Vittorio Feltri, Gerardo Greco, Giovanni Stefani, Alessandro Russello, Paolo Possamai, Marisa Fumagalli, Ferruccio Sansa, Massimo Mamoli, Giovanni Viafora, Alessandro Zangrando, Alessandro Mezzena Lona. E ancora, Cristiano Corazzari, Michele Uliana, Marco Birro, Nicola Barbon, Tonino Lamborghini, Michele Merlo, Angelo Pittro, e molti altri. Il programma completo sarà pubblicato il 13 dicembre.

 
#Rifugio451: la temporary house di Una Montagna di Libri
 
Si chiama #Rifugio451 la prima temporary house di Una Montagna di Libri all’inizio di Corso Italia, in Via Roma 5. Un angolo di calore, luci e, ovviamente, le pagine dei libri. Con un nome che è un omaggio a Ray Bradbury e al suo classico Fahrenheit 451. Per chi vuole sapere di più degli incontri cortinesi, per chi ama leggere e vuole qualche consiglio, per chi vuole semplicemente passare del tempo in un rifugio speciale.
 
 
]]>
http://www.montagna.tv/cms/116279/un-inverno-allinsegna-della-letteratura-a-cortina-torna-una-montagna-di-libri/feed/ 0
I cambiamenti climatici impongono “un nuovo cammino” in montagna. La riflessione al Sondrio Festival, che chiude l’edizione 2017 http://www.montagna.tv/cms/116242/i-cambiamenti-climatici-impongono-un-nuovo-cammino-in-montagna-la-riflessione-al-sondrio-festival-che-chiude-ledizione-2017/ http://www.montagna.tv/cms/116242/i-cambiamenti-climatici-impongono-un-nuovo-cammino-in-montagna-la-riflessione-al-sondrio-festival-che-chiude-ledizione-2017/#respond Thu, 30 Nov 2017 07:24:08 +0000 http://www.montagna.tv/cms/?p=116242 La montagna è «l’area in cui attualmente i cambiamenti climatici provocano più intense modificazioni ambientali, morfologiche, glaciologiche», quindi di fronte a queste nuove situazioni «l’andare in montagna, sia nelle aree “normali” sia nelle zone protette, richiede un cambiamento di mentalità, di filosofia di accesso». Bisogna «seguire i ritmi della natura attuale, che non sono più quelli di prima» e valutare con l’esperienza e la massima attenzione le nuove condizioni, per continuare a godersi le “terre alte” con la necessaria sicurezza. È il messaggio lanciato venerdì sera sul palco del Teatro Sociale di Sondrio dal glaciologo Claudio Smiraglia, dall’alpinista Agostino Da Polenza e dal geologo Riccardo Scotti, nel dibattito Dal K2 alla Valtellina: nuovi climi, nuove montagne, all’interno delle conversazioni di Sondrio Festival.

Obiettivo, ragionare su «come dobbiamo reagire a questo nuovo cammino», ha spiegato Smiraglia. Che i cambiamenti del clima incidano in modo importante sull’ambiente alpino è dimostrato da dati e ricerche, ha sottolineato infatti il glaciologo. Cambiamenti che toccano anche un’area straordinaria come il Karakorum, ha raccontato Da Polenza: grazie alle quote estremamente elevate, «i ghiacciai di questo territorio soffrono meno rispetto ad altre zone, ma anche lì alle quote inferiori si sciolgono e risalgono», ha sottolineato l’alpinista, ricordando anche come nel Karakorum il Pakistan abbia creato un vastissimo parco nazionale, «dedicando quei territori all’ambiente e alla ricerca scientifica, come sognava Ardito Desio». E alla Midop è arrivato anche un ospite proprio del Central Karakoram National Park, il Segretary del dipartimento delle foreste e dell’ambiente della provincia del Gilgit Baltistan, Sajjad Haider, che ha presentato brevemente l’area protetta e ha sottolineato il grande rapporto di collaborazione e amicizia con i ricercatori italiani, costruito negli anni.

Se nella regione del K2 ci sono segnali di cambiamento, nell’arco alpino la situazione è più marcata, visto il “gap” di quota, con un regresso dei ghiacciai che negli ultimi vent’anni si è fatto sempre più marcato, ha ricordato Scotti mentre sul grande schermo scorrevano immagini dei ghiacciai lombardi all’inizio del secolo e in questi anni. E qui «c’è un tema molto importante e urgente, sotto certi aspetti», ha sottolineato il geologo, cioè «la pericolosità intrinseca» di un ambiente montano che si sta trasformando. «Cambiano tantissimo le condizioni, soprattutto in estate – ha spiegato -, fino a trent’anni fa si potevano fare escursioni sui ghiacciai in tutta sicurezza per l’intero periodo estivo, ora già dalla fine di luglio in molte zone le condizioni diventano molto pericolose. C’è ancora l’approccio classico in cui si programmano le gite con mesi di anticipo, il che non va molto bene perché avendo condizioni tanto variabili bisogna seguire i ritmi della natura attuale».

Nella giornata di domenica a conclusione del Sondrio Festival la giuria internazionale ha assegnato tre premi, oltre a due riconoscimenti speciali.

Il primo premio “Città di Sondrio” è andato a Isole nel tempo – Nate dal fuoco di Matt Hamilton, prodotto da Terra Mater Factual Studios in coproduzione con DocLights/Naturfilm e National Geographic Channel (Austria 2017), mentre il film Isar, l’ultimo fiume selvaggio di Jürgen Eichinger, prodotto da Jürgen Eichinger Filmproduktion (Germania 2016), si è aggiudicato il premio Parco Nazionale dello Stelvio. Come miglior documentario sugli aspetti naturalistici, culturali, paesaggistici ed economici delle aree protette all’interno dell’Unione Europea, il premio Regione Lombardia, è andato al film L’odissea dei lupi solitari di Volker Schmidt-Sondermann, prodotto da Zdf (Germania 2016).  La giuria del pubblico – composta da 28 cittadini, appassionati di natura e documentari – ha assegnato il premio “Achille Berbenni”, sponsorizzato da Aevv Energie, a Figli di Enkai di Nacho Ruiz Rizaldos, prodotto da NaturaHD Films (Spagna 2017), mentre la giuria degli studenti, composta da ragazzi di due scuole superiori di Sondrio, ha scelto il film The silent death of the lions (La morte silenziosa dei leoni), di Axel Gomille, prodotto da Zdf (Germania 2015), all’interno della selezione dei documentari fuori concorso proposta dal Comitato scientifico del festival. 

Foto @ Sondrio Film Festival

 

E così, con un’ultima serata di festa, ha dato l’appuntamento al prossimo anno, per un’altra avventura da vivere insieme nel nome dell’ambiente. Un’avventura che forse avrà un’estensione anche sulle montagne del Pakistan dove il Film Festival di Sondrio potrebbe inviare alcuni dei film in nome del legame tra l’alpinismo valtellinese, il K2 e le montagne che lo circondano.

Il Segretary della provincia del Gilgit Baltistan, Sajjad Haider, presente alla serata dedicata ai ghiacciai coordinata dal prof. Claudio Smiraglia, ha espresso il desiderio che anche a Gilgit , città per certi versi gemella di Sondrio, essendo la capitale della provincia del Gilgit Baltistan, collocata sul fondo della grande valle del fiume Hunza, con circa 100.000 abitanti, si possano vedere i bellissimi film dedicati alla natura visti e premiati a Sondrio.

]]>
http://www.montagna.tv/cms/116242/i-cambiamenti-climatici-impongono-un-nuovo-cammino-in-montagna-la-riflessione-al-sondrio-festival-che-chiude-ledizione-2017/feed/ 0