• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Cronaca, Primo Piano

Dal 2017 si potrà convolare a nozze alla Capanna Margherita

La Capanna Margherita Foto @Alagna.it

di Denis Falconieri

ALAGNA VALSESIA, Vercelli – Grazie a una delibera che il Comune di Alagna approverà questa settimana, dall’estate 2017 sarà possibile sposarsi ai 4.554 metri della Capanna Regina Margherita, sul Monte Rosa. Il rifugio più alto d’Europa potrà dunque accogliere nozze civili alla presenza di un ufficiale dell’anagrafe, che certificherà nell’atto il luogo in cui l’unione è stata celebrata.

Considerata l’altitudine e quindi le condizioni meteo instabili, il sindaco Roberto Veggi non ha lasciato niente al caso: nella delibera è stata infatti inserita l’alternativa che prevede la possibilità di sposarsi anche all’Alpe Pile di Alagna, sul prato dove sorge il rifugio Pastore, a 1.575 metri, sempre in montagna, ma in una situazione comunque accessibile.

Secondo il sindaco il matrimonio richiederà un’organizzazione non indifferente: per sposarsi a quasi 4.600 metri di altitudine serviranno un elicottero per sposi e per l’ufficiale dell’anagrafe, nel caso in cui non siano alpinisti provetti, una guida alpina e appoggi negli alberghi valsesiani.

Lo scorso agosto una coppia aveva già tentato di sposarsi alla Capanna Margherita, ma il locale, non essendo ancora adibito per la celebrazione delle nozze, ha funzionato solo da scenario. Ora, incece, si potrà procedere, anche se dopo l’approvazione della delibera del Comune, ci saranno altri passi da seguire e magari si potrebbe aprire la strada anche alle nozze religiose.

Visto l’elevato numero di richieste di riti civili nel proprio territorio, il Comune ha deciso di fissare le tariffe per chi intende sposarsi nella località turistica: 30 euro per la coppia che ha almeno uno dei due componenti che abitano in paese, cifra che sale a 50 euro se l’unione viene celebrata nei giorni festivi o il sabato pomeriggio,  180, o 200, per i non residenti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *