• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Sport

Team Valtellina domina Ortles-Cevedale

immagine

SANTA CATERINA VALFURVA — E’ stata come sempre una gara spettacolare la treza skyrace Ortles Cevedale che si è tenuta ieri in Valtellina. A dominare l’avvincente prova con partenza e arrivo a Santa Caterina di Valfurva è stato il team Valtellina .

Programma e tracciato erano gli stessi dell’anno scorso. Un percorso molto scorrevole, senza grandi tratti tecnici, corribile e non presenta tratti tecnici, buyono per gli skyrunners come per i corridori su strada.
 
Su e giù per l’Alta Valtellina, attraverso il comprensorio Ortles-Cevdale, le creste e gli spettacolari scenari dei ghiacciai come quello dei Forni.
 
A fare il pieno è stato il neonato Team Valtellina con i primi posti di Stefano Sansi e Raffaella Rossi. Ai nastri di partenza alcuni dei migliori skyrunner nazionali e diversi mezzofondisti di valore quali Dereje Rabattoni, Graziano Zugnoni, Stefano Sansi e Fikre Tekle.
 
Nella prima fase della salita sono stati gli stradisti a dettare i tempi. In grande spolvero l’etiope Fikre Tekle. All’altezza del Rifugio Forni i suoi primi inseguitori erano Graziano Zugnoni, Franco Sancassani, Stefano Butti. Mentre fra le donne la favorita Rossi, era tallonata dalla portacolori dell’Atletica Alta Valtellina Alessandra Valgoi.
 
L’etiope ha tenuto la gara fino ai passaggi dei rifugi Branca e Pizzini la situazione in testa non cambiava, anzi Tekle aumentava il suo distacco sugli inseguitori portandolo a 2.15".
Ma da lì in avanti Stefano Sansi ha fatto l’impossibile, passandolo prima dell’ultimo scollinamento alle Baite dell’Ables. L’ultima discesa verso il centro di Santa Caterina Valfurva e il traguardo è stata una vera e propria cavalcata trionfale.
 
 «Ho fatto la gara della vita – ha commentato Sansi -. Sarà per il tracciato, ottimo per chi come me ama i percorsi tutti da spingere, ma oggi stavo troppo bene. Le gambe giravano a mille, avevo ottime sensazioni e quando ho messo Tekle nel mirino ho subito pensato “oggi si vince”.
 
Secondo posto per Tekle: «Sono contento anche se dopo avere corso davvero forte per 1h e 50’, il non essere un discesista mi ha impedito di vincere. Complimenti a Stefano Sansi: è stato davvero bravo a crederci sino alla fine». Terzo posto per il lecchese Massimo “Paolino” Colombo.
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.