• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Confortola e Manni arrivati a Skardu

immagine

Updated SKARDU, Pakistan — "Ho le dita dei piedi nere, ma le sento, ho dolore. I medici sono ottimisti". Queste le parole di Marco Confortola che poco fa è stato visitato all’ospedale di Skardu. L’alpinista valtellinese e Roberto Manni sono stati prelevati dal campo base del K2 questa mattina all’alba. Gli elicotteri militari pakistani li hanno portati rpima alla base militare di Paju, dove hanno aspettato per qualche ora la conclusione dialtre operazioni di salvataggio sul Baltoro, e poi a Skardu.

All’ospedale di Skardu, Confortola è stato visitato e medicato. I congelamenti subiti dall’alpinista ai piedi sono piuttosto seri, ma ci sono buone speranze di guarigione. Confortola, probabilmente, potrà lasciare l’ospedale già domani e poi rientrare in Italia, ma la conferma si avrà solo nelle prossime ore.
 
La notizia che il tanto atteso recupero di Confortola e Manni dai piedi del K2 era finalmente stato effettuato ha fatto subito il giro del mondo. I due alpinisti italiani, dopo l’odissea che ha visto morire sulla montagna, nei giorni scorsi, ben 11 persone, si trovano al momento – le 15 in Pakistan (11 italiane) – nella cittadina di Skardu. I due si stanno recando all’ospedale accompagnati dal collaboratore locale del comitato EvK2Cnr.
 
Confortola e Manni si erano fermati questa mattina alla base militare pakistana di Paju, che stava seguendo il recupero dei due alpinisti -. Gli elicotteri dovevano portare a termine altre missioni di recupero sulla parte alta del ghiacciaio.
 
Tra i recuperi da effettuare, secondo quanto riferito dall’Askari Aviation (l’aviazione militare pakistana), c’era quello della spedizione militare coreana dal campo base del K2, a quota 5.100 metri circa. Gli altri due superstiti della tragedia in alta quota: gli olandesi Wilco Van Roojen e Cas Van de Gevel, sono ricoverati da un paio di giorni all’ospedale di Skardu.
 
La cittadina di Skardu (2.500 metri di quota) dista dal campo base della montagna almeno 4 giorni di cammino. 
  
 
Sara Sottocornola
 
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *