• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Salvati dopo drammatico canyoing

immagine

TRENTO — Tragedia sfiorata sulle montagne trentine. Un gruppo di francesi è rimasto bloccato nella forra del torrente Grigno in Valsugana, mentre praticava canyoning.

La vicenda è accaduta nella giornata di ieri in localita Grigno Valsugana, in provincia di Trento. Un gruppo di 5 escursionisti francesi aveva deciso di praticare del canyoning: la discesa a piedi di corsi d’acqua che scorrono all’interno di strette gole rocciose.
 
Questa volta la loro scelta era ricaduta su una delle gole più profonde ed affascinanti delle Alpi: quella del torrente Grigno.
 
Ad un certo punto, mentre erano in cammino, uno di loro, un 29enne, è scivolato provocandosi la rottura della tibia e del perone. Impossibilitati a continuare il cammino, i cinque hanno dato l’allarme.
 
Sul posto sono arrivati subito gli uomini del soccorso speleologico: 21 tecnici forristi delle stazioni del Cnsas di Trento, Veneto Orientale, Verona e Vicenza e una quindicina di soccorritori del Soccorso alpino.
 
Le operazioni di soccorso sono durate più di 10 ore e l’intervento si è concluso nel cuore della notte. Per trarre in salvo i cinque uomini, i soccorritori,  hanno fatto scendere nella gola, tra salti d’acqua di 25 metri, una barella stagna capace di galleggiare.
 
Una volta recuperato, il giovane è stato trasportato all’ospedale di Borgo Valsugana, dove gli sono stati fatti tutti gli accertamenti del caso.
 
 
Emanuela Brindisi
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *