• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Elicotteri in volo sul K2

immagine

Updated — ISLAMABAD, Pakistan — Una telefonata appena arrivata ad Agostino Da Polenza da parte della spedizione americana, ha dato maggiori informazioni sull’avvistamento di pochi minuti fa sotto il Camino Bill. Gli alpinisti individuati dall’elicottero vicini a campo 1 del K2 sarebbero l’americano e i due sherpa che stanno risalendo la montagna per andare incontro a Marco Confortola, in fase di discesa verso campo 1. Le operazioni di soccorso sono riprese infatti alle prime ore del giono e la giornata di oggi potrebbe essere decisiva per trarre in salvo l’alpinista italiano.

Pochi minuti fa era arrivata la telefonata di Roberto Manni dal campo base del K2 con la quale informava Agostino Da Polenza sulla posizione esatta in cui si sarebbe trovato Marco Confortola, l’alpinista italiano che sul K2 ha vissuto le drammatiche vicende di questi giorni. "Questa mattina sono salito con gli elicotteri per una ricognizione sulla montagna – ha detto al telefono Manni -. Abbiamo visto tre persone sotto il Camino Bill".
 
Subito dopo è arrivata a Bergamo una nuova chiamata, questa volta da parte della spedizione americana. Gli alpinisti individuati dall’elicottero vicini a campo 1 del K2 sarebbero l’americano e i due sherpa che stanno risalendo la montagna per andare incontro a Marco Confortola, in fase di discesa.
 
"Una volta che Marco sarà campo 1 – ha detto Da Polenza, che dall’Italia sta seguendo la vicenda e coordinando l’emergenza in accordo con l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri e l’Ambasciata italiana in Pakistan – è probabile che gli elicotteri proveranno a prenderlo con il baricentrico, una corda attaccata sotto il velivolo. Non è un posto adatto per fare hovering".
 
L’alpinista americano e lo sherpa che questa mattina sono partiti da campo 1 per andare incontro a Confortola, hanno con loro la radio. Si spera quindi in un contatto con l’alpinista italiano a breve.
 
 
 
Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.