• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri

Scozia, il mistero del pianoforte sul monte

immagine

GLASGOW, Scozia — Come ha fatto ad arrivare fin lassù? E’ quello che si domandano gli abitanti dei monti Grempiani, rimasti letteralmente esterrefatti alla vista di un grande pianoforte in cima a una montagna.

 
A ritrovare lo strumento sulla vetta del Ben Nevis, la montagna più alta del Regno Unito (1344 metri), i ragazzi di un’associazione ambientalista. I giovani, infatti, stavano ripulendo la zona, quando hanno avvistano un oggetto di grandi dimensioni sulla cima. Avvicinandosi hanno capito di cosa si trattava: un piano forte in “carne e ossa”. Sotto lo strumento, una scatola di biscotti datata 1986.
 
Una bravata per deridere qualcuno? Un messaggio più preciso? Un’opera d’arte d’avanguardia? Chissà. E’ noto che la Scozia sia un luogo piuttosto misterioso: il mostro di Lochness docet. Di certo il direttore dell’associazione ambientalista ha commentato: “I nostri ragazzi non riuscivano a credere ai loro occhi. All’inizio hanno pensato che fosse solo una cassa di legno, ma poi hanno visto la struttura in ferro e le corde”.
 
L’unica cosa che manca al nostro “pachiderma musicale” è la tastiera. Forse un handicap voluto, forse no. Ad alimentare il mistero, il rebus della cassetta di biscotti depositata sotto il pianoforte. Come lo tradurreste?
 
Marco Chiodi
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *