• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Mondinelli e soci al base: grazie

immagine

LOBUCHE, Nepal — Sono al campo base Silvio Mondinelli, Marco Confortola e Michele Enzio. Stanchi, ma felici di riabbracciare il capospedizione Agostino Da Polenza, che dopo la notte in bianco per seguire i movimenti dei suoi alpinisti, è salito dal Laboratorio Piramide al campo base dell’Everest per riabbracciarli al momento dell’arrivo.

Mondinelli e compagni hanno iniziato la discesa dalla montagna poco prima di mezzogiorno, ora nepalese. Puntavano a passare la notte a campo 2, ma giunti lì verso le quattro del pomeriggio, hanno scelto di tirare dritto per arrivare subito al campo base.
 
La discesa è stata lunga e complicata. Gli alpinisti sono partiti dagli ottomila metri di Colle Sud dopo la rinuncia alla vetta a causa della gelida tormenta che spirava lassù. Tormenta che però non ha impedito loro, prima di partire, di lavorare per ore al completamento dei settaggi della stazione meteo di Colle Sud, né trasmetterci in diretta le immagini e i racconti di quello che accadeva.
 
Una diretta che mai, nella storia del web, era stata fatta. E che ci ha permesso di vivere con gli alpinisti le emozioni, le sensazioni e le condizioni che fino ad ora avevamo solo potuto immaginare leggendo o ascoltando i loro racconti.
 
Dall’Italia, stasera, non può che partire un enorme grazie. A Mondinelli, che ancora una volta ha saputo stupirci con la sua forza e generosità. A Enzio, che ha voluto rincorrere il suo "sogno ad occhi aperti" arrivando purtroppo soltanto a sfiorarlo. A Confortola, che ha dovuto rinunciare alla sua vetta senza ossigeno ma che, come i compagni, ha il cuore pieno di orgoglio per aver partecipato a questa missione scientifica senza precedenti.
 
Grazie a tutta la squadra di Share Everest. Che ha saputo dimostrarci che, cima o non cima, le emozioni dell’alta quota sono semplicemente uniche. E vale sempre la pena di viverle.
 
Sara Sottocornola
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *