• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Orobie, allarme per presunto disperso

immagine

SERINA, Bergamo — Una tenda vuota da giorni, un sacco a pelo e una giacca a vento abbandonati nei pressi di masserizie. Queste le tracce ritrovate nei giorni scorsi nella Conca dell’Alben, tra la Val Brembana e la Val Seriana, che farebbero pensare a un uomo persosi nella zona. Così sono iniziate le ricerche del presunto disperso.

E’ in corso una vasta operazione di soccorso nella Conca dell’Alben, una zona boschiva compresa tra il Colle di Zambla e la Pinetina di Serina e che collega la Val Seriana alla Valle Brembana, in provincia di Bergamo.
  
Oltre sessanta uomini, una quindicina di unità cinofile e un elecottero ieri hanno battuto palmo a palmo il territorio fin dalle prime ore dell’alba, senza però trovare tracce di persone disperse. Eppure indizi che farebbero pensare a qualcuno in difficoltà ci sono, eccome.
  
Mercoledì scorso infatti, è stata individuata una tenda aperta e disabitata nella Conca dell’Alben e subito è stata segnalata ai carabinieri di Serina, che hanno dato il via alle ricerche. Inoltre, nel sottoportico di un edificio vicino alle masserizie è stato trovato un sacco a pelo, una giacca a vento ed altro ancora. Tutti elementi che farebbero pensare all’insediamento di un uomo che si sarebbe poi disperso.
   
L’operazione di ricerca ha coinvolto gli uomini del Soccorso alpino della Valle Brembana, le unità cinofile di Fiorano al Serio, i vigili del fuoco, la Croce Bianca di Bergamo ed i carabinieri con una pattuglia comandata dal maresciallo Francesco De Marco nel ruolo di coordinatore, e con la guida alpina e alpinista Nadia Tiraboschi.
  
Durante le ricerche, nella località Fontanino della Crocetta, vicino al Colle di Zambla, i cercatori hanno trovato un’altra tenda di grandi dimensioni con diversi alimenti. Subito si è pensato potesse trattarsi di un altro accampamento del presunto disperso, ma ulteriori notizie pervenute dagli abitanti della zona hanno messo in dubbio questa ipotesi. Nella zona infatti sarebbe nota la presenza di un milanese sulla sessantina che vive nella tenda e che torna saltuariamente a Milano.
 
 
 
Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *