• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Guida svizzera muore di sfinimento

immagine

CAMPO BASE EVEREST, Nepal — Qualcuno si ostina a considerarla una "gita" per il grande pubblico. Ma l’Everest è sempre l’Everest: l’imponente, altissima e scostante montagna più alta del mondo. Paradossale che i primi a calcarne la cima, in questa stagione, siano state ancora una volta le spedizioni commerciali. Tragico, l’epilogo della prima giornata di vette: la morte della guida svizzera Gianni Goltz. Un ragazzo ticinese con sei ottomila all’attivo. Che lassù, era arrivato senza ossigeno.

Goltz aveva 45 anni. Era originario della Valle Maggia, nel Canton Ticino. Ed era grande amico di Gnaro Mondinelli, che ieri, orgoglioso dell’impresa compiuta da Golz, aveva annunciato che l’amico era uno dei pochi ad essere andato in vetta senza ossigeno.
 
Questa mattina, da campo 2, sempre Mondinelli ha dovuto riferire la triste notizia della sua scomparsa. Secondo le voci dell’Everest, Goltz sarebbe morto di sfinimento, ieri, durante la discesa dalla vetta. Si trovava sul Balcone, a circa 8.500 metri di quota. Si è accasciato a terra, e non si è più rialzato.
 
Non era solo. Faceva parte della spedizione commerciale di Kari Kobler. Con lui, al momento della crisi, c’erano diversi compagni. "Gli hanno dato ossigeno – racconta Mondinelli – gli hanno dato medicinali. Ma non c’è stato nulla da fare. Oggi hanno recuperato il suo corpo e l’hanno portato a Colle Sud, alcuni sherpa stanno salendo per prenderlo e portarlo al campo base".
 
Golz aveva grande esperienza d’alta quota. Prima di questa spedizione, aveva salito ben 6 ottomila: Gasherbrum II, Manaslu, Cho Oyu, Shisha Pagma, Broad Peak e Dhaulagiri. E sapeva a chi andava incontro: l’Everest, la montagna più alta del mondo.
 
"Come andrà a finire nessuno lo può sapere – aveva detto Goltz prima di partire -, su queste montagne l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Ma continuerò a scalare fin tanto che avrò dentro di me questa passione per la montagna, l’avventura e le scoperte".
 
La sua passione l’ha portato in vetta al suo settimo, difficile ottomila. Con il bel risultato di averlo salito lealmente, e senza ossigeno. E l’ha lasciato lassù.
 
 
Sara Sottocornola
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *