• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi

Trento, scocca l’ora del Filmfestival

TRENTO — Ha aperto i battenti la 56esima edizione del Trento Filmfestival, il più famoso festival internazionale dei film dedicati alla montagna. Da martedì fino al 4 maggio sarà una carrellata di eventi, proiezioni, incontri, mostre e tanto altro. Denominatore comune: monti, natura, esplorazione e avventura.

Anche quest’anno ce n’è per tutti i gusti al Trento Filmfestival. La manifestazione ha aperto i battenti martedì con la rassegna "MontagnaLibri", la più importante rassegna internazionale dell’editoria di montagna arrivata alla sua 22esima edizione. Protagonisti assoluti sono gli oltre 1000 libri presentati e i 400 editori provenienti da oltre 30 paesi del mondo.
 
Da sabato poi il festival entrerà nel vivo della keremesse cinematografica, con l’inizio delle proiezioni dei film in gara, che andranno avanti fino al sabato successivo. Come tutti gli anni, diverse sono le categorie a cui verrà assegnato un premio: Concorso, Orizzonti, Alp&Ism, Anteprime, Eventi, Vitalpina ed Eurorama.
 
Per tutta la durata del festival poi si alterneranno numerose mostre, eventi e incontri con i protagonisti delle montagne. Per gli appassionati dell’alta quota da non perdere le tre serate con i grandi nomi dell’arrampicata e dell’alpinismo italiano e straniero.
 
Il 27 aprile si parlerà di alpinismo in solitaria con Pietro Dal Prà, autore di importanti salite solitarie in Dolomiti, Silvia Vidal, specialista delle grandi big wall himalayane, Hansjörg Auer e Rossano Libera, esponente dei Ragni di Lecco.
 
Giovedì 1 maggio ci saranno Simone Moro e alcuni grandi dell’alpinismo russo, come Pavel Sahabalin che ha salito il K2 per la nuova via diretta lungo la parete ovest, Alex Klenov e Michail Devy, Denis Savelyev e Serguey Nilov. E ancora: Alexander Odintsov, alpinista e capo team delle più importanti spedizioni di alpinisti russi, e Boris Korshnov.
 
Il giorno dopo invece, interverrà Pierre Mazeaud, storico protagonista dell’alpinismo degli anni ’50 e ’60 e primo francese a salire sull’Everest.
 
 
 
Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *