• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Ricerca, Top News

Orsi polari in Alaska, popolazione del mare di Beaufort quasi dimezzata

Polar_Bear_ANWR_1-300x200.jpg
Mamma e cucciolo di orso polare (Photo courtesy of Wikimedia Commons)
Mamma e cucciolo di orso polare (Photo courtesy of Wikimedia Commons)

ANCHORAGE, Alaska — É allarme per la popolazione degli orsi polari della zona meridionale del mare di Beaufort, a nord delle coste dell’Alaska. Un recente studio pubblicato su Ecological Applications ha infatti evidenziato che nel primo decennio del 21esimo secolo è sopravvissuto solo il 60 percento dei plantigradi.

Lo studio è stato condotto da un un gruppo di ricercatori statunitensi e canadesi dal 2001 al 2010 su una specifica popolazione di orsi polari, quella che abita la zona meridionale del mare di Beaufort, nell’Alaska settentrionale, per valutare l’impatto dei cambiamenti climatici su questa specie. I dati raccolti hanno mostrato che nell’arco del decennio c’è stata una diminuzione del 40 percento, arrivando nel 2010 ad un totale di circa 900 esemplari.

Un’analisi più approfondita ha evidenziato che a subire le conseguenze più gravi sono stati i cuccioli. “Degli 80 piccoli di orso osservati in Alaska tra il 2004 e il 2007, solo 2 sono certamente sopravvissuti” ha dichiarato Jeff Bromaghin, ricercatore statunitense a capo dello studio. Si tratta di un dato allarmante se si pensa che normalmente la sopravvivenza dei cuccioli è del 50 percento.

Il periodo tra il 2004 e il 2007 ha infatti visto una bassissima sopravvivenza nella popolazione, mentre negli anni successivi si è alzata fino a stabilizzarsi attorno ai 900 esemplari. I ricercatori hanno ipotizzato che a causare il brusco calo sia stato l’assottigliamento del ghiaccio che non ha permesso di cacciare prede a sufficienza per sfamare tutti i piccoli, morti conseguentemente di fame.

“Il basso livello di sopravvivenza – ha tenuto a precisare Bromaghin – potrebbe essere stato causato da una combinazione di fattori che potrebbe essere difficile da scoprire, e il motivo per cui la sopravvivenza è migliorata alla fine dello studio è sconosciuto. La ricerca e il monitoraggio continueranno in modo da capire quali fattori influenzano questa popolazione”.

Delle 19 popolazioni di orsi polari sparse per il mondo, al momento quattro, inclusa quella del mare di Beaufort, sono considerate in diminuzione, cinque stabili e una in crescita. Per le rimanenti non esistono dati sufficienti per stabilire una tendenza.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *