• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Tragedia sul Gran Sasso: due alpini morti lungo la via normale

Due_corni_teramano-300x187.jpg
Gran Sasso (Photo Stefano Rosone courtesy of Wikimedia Commons)
Gran Sasso (Photo Stefano Rosone courtesy of Wikimedia Commons)

L’AQUILA — Devono ancora essere recuperate le salme dei due alpini, morti venerdì mentre affrontavano la via normale che porta al Corno Grande, la cima più alta del massiccio del Gran Sasso. L’ipotesi più probabile è che durante la salita, la nebbia li abbia portati in un tratto ghiacciato e siano scivolati, precipitando per 300 metri.

Secondo quanto riportano Ansa e giornali locali, i due alpini, un 26enne e un 29enne di origini pugliesi, facevano parte del nono reggimento Alpini ed erano di stanza presso la caserma “Pasquali” de L’Aquila con il grado di Caporal Maggiore. Venerdì avevano approfittato della giornata libera dal servizio per un’escursione sul Gran Sasso, più precisamente verso la cima più alta del massiccio appenninico: il Corno Grande (2912 metri).

L’allarme è stato dato in serata da un commilitone che non li ha visti rientrare in caserma e ha trovato la loro auto ancora ferma a Campo Imperatore. Le ricerche sono iniziate immediatamente con la speranza che i due si fossero fermati in quota a causa della fitta nebbia che era calata durante la giornata. Sabato le speranze si sono infrante quando dall’elicottero sono stati avvistati i corpi senza vita degli alpini a circa 2200 metri.

Secondo le prime ricostruzioni, i due sono saliti lungo la via normale, ma arrivati a quota 2500 sarebbero scivolati su una lastra di ghiaccio, probabilmente a causa della nebbia, precipitando per 300 metri. I soccorritori hanno assicurato i corpi dei due alpini in barelle ancorate al suolo in attesa che le condizioni meteorologiche, in particolare il forte vento, permettano all’elicottero di salire in quota ed effettuare il recupero.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *