• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
L'approfondimento, Video alpinismo

K2 60 anni dopo, la spedizione è online con nuovo sito e nuovo video

moncler-minisito-300x147.jpg

moncler minisitoMILANO — Il K2 e i suoi 8.609 metri di roccia e ghiaccio, tra immagini spettacolari e una spedizione che rimarrà nella storia. E’ online da pochi giorni il minisito dedicato a “K2 60 anni dopo”, la spedizione pakistana organizzata per celebrare l’anniversario della prima salita compiuta da Lino Lacedelli e Achille Compagnoni, realizzata con il supporto italiano dell’Associazione EvK2Cnr e di Moncler che ha fornito l’equipaggiamento tecnico e realizzato questo piccolo gioiello.

Proprio Moncler, per celebrare il successo della spedizione, che ha portato in vetta 7 persone senza ossigeno – l’italiano Michele Cucchi, guida alpina di Alagna Valsesia, e i pakistani Hassan Jan, Muhammad Sadiq, Ghulam Mehdi, Ali Durani, Ali e Rehmat Ullah Baig – ha realizzato un minisito dedicato al K2 che raccoglie le migliori immagini della scalata e un video mozzafiato che il prossimo 11 dicembre, in occasione della giornata mondiale della Montagna, avrà una posizione speciale di primo piano su YouTube.

“Ci vogliono braccia forti per scalare una montagna – si legge sul sito -. Ci vogliono perseveranza e buoni polmoni. Ma senza il desiderio, non valgono niente. Perchè sognare una montagna è importante tanto quanto scalarla. Come disse un alpinista ad una vecchia guida: “Tu porti il corpo dove gli occhi hanno posato lo sguardo”.

La spedizione ha utilizzato l’equipaggiamento Moncler della collezione Lionel Terray.

Una curiosità: 8.609 metri è l’altezza del K2 misurata proprio durante la spedizione K2 60 anni dopo. Il progetto di ricerca è stato realizzato da EvK2CNR sotto la direzione del Professor Giorgio Poretti in collaborazione con l’Università di Trieste e dei ricercatori della Karakorum International University, della Azad Jammu and Kashmir University e della Poonch University.

 

Link: http://k2.moncler.com/ 

 

 

 

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *