• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Monviso, riaperto il bivacco Lino Andreotti

Bivacco_Andreotti-300x224.jpg
Bivacco Lino Andreotti (Photo courtesy of Wikimedia Commons)
Bivacco Lino Andreotti (Photo courtesy of Wikimedia Commons)

PONTECHIANALE, Cuneo — É stato riaperto il bivacco Lino Andreotti, posto ai piedi della parete sud del Monviso. La struttura era stata chiusa per inagibilità nel 2012 a causa di una scarica di pietre che lo aveva danneggiato. Nelle scorse settimane il Cai e lo Sci Club di Savigliano hanno provveduto ai lavori di ristrutturazione e alla conseguente riapertura.

Il bivacco Lino Andreotti fu realizzato ed inaugurato nel 1981 dallo Sci Club di Savigliano che lo intitolò al proprio fondatore. La piccola struttura consta di sei posti letto ed è posta a 3225 metri di quota della parete sud del Monviso, lungo la via normale. É stato concepito come riparo d’emergenza ed è spesso utilizzato dal Soccorso Alpino come punto d’appoggio per gli interventi nella zona.

Nell’inverno del 2012 una scarica di pietre ha colpito il bivacco, danneggiando pesantemente la copertura e una delle pareti. Durante l’estate lo Sci Club e il Cai di Savigliano, che si occupa della manutenzione, sono saliti in quota per un sopralluogo e hanno dichiarato inagibile la struttura. Lo scorso settembre 9 persone delle due associazioni sono salite a 3225 metri di quota e hanno lavorato per la ristrutturazione e la messa in sicurezza.

«Il bivacco Andreotti – ha dichiarato a La Stampa Romano Bodino, consigliere della sezione Cai che ha curato la progettazione della ristrutturazione – è tornato come nuovo e forse più bello di prima, ma, ed è ciò che sicuramente conta di più, è molto rinforzato. É stato un bellissimo lavoro di squadra, in sinergia tra Sci Club e Cai Savigliano».

Questa sera alle 21 presso la Crusà Neira di Savigliano saranno presentati i risultati dell’intervento al bivacco, grazie anche ad un filmato effettuato durante i lavori di ristrutturazione. Durante la serata sarà inoltre consegnato un riconoscimento alla squadra che ha lavorato nel cantiere d’alta quota.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *