• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
L'approfondimento

Scala Cima Piazzi e vinci ricchi premi: online un “docu-game” per conoscere la montagna

liv-03-crinale-300x168.jpg

liv 03 crinaleMILANO — Mantieni in equilibrio il tuo alpinista. Scegli per lui gli appigli giusti. Evita che scivoli da una cresta e rispondi correttamente alle domande sulla montagna da cui sgorga la sorgente della celebre acqua. Se sarai bravo, potrai vincere soggiorni in Valtellina, videocamere Gopro, smartphone, ingressi alle terme e molti altri premi. E’ davvero divertente e spettacolare “La Scalata. Viaggio nel cuore della purezza”, il “docu-game” lanciato nei giorni scorsi da Levissima e National Geographic che fino al 16 dicembre sarà abbinato ad un imperdibile concorso a premi.

Si tratta di un videogioco online, accessibile da pc, tablet o smartphone. Ci sono tre livelli è l’obiettivo è raggiungere la vetta di Cima Piazzi (3.440 metri), nei panni di un alpinista che, con le immagini realizzate dal National Geographic Channel, vi porterà lungo tutto il percorso riprendendo l’ambiente naturale in soggettiva con una videocamera Gopro. Si tratta, per chi fosse curioso, della Guida Alpina valtellinese Giuliano Bordoni: potrete vedere un’anticipazione del gioco nel video che pubblichiamo oggi nel nostro Play.

Durante la scalata scoprirete informazioni tecniche e scientifiche fornite da Levissima che da anni promuove progetti di ricerca scientifica sui ghiacciai dell’Alta Valtellina insieme all’Università di Milano e l’Associazione Evk2Cnr.

Per queste sue caratteristiche documentaristiche il gioco è stato definito “docu-game”: combinando l’interattività del videogioco e il realismo del documentario, insegna ad affrontare la perfetta scalata in montagna e immerge l’utente nella natura incontaminata della Valtellina. Il National Geographic Channel (canale 403 di Sky), si è occupato delle riprese della scalata virtuale.

Per iniziare a giocare e visionare il regolamento del concorso: www.lascalata.it

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *