• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Sicilia, climber 19enne ferito sulla Roccia dello Schiavo

10613135_716227175139194_4084458182143904568_n-300x209.jpg
Soccorso Alpino durante l'intervento alla Roccia dello Schiavo (Photo courtesy of Soccorso Alpino e Speleologico Sicilia)
Soccorso Alpino durante l’intervento alla Roccia dello Schiavo (Photo courtesy of Soccorso Alpino e Speleologico Sicilia)

PALERMO — Un 19enne è rimasto ferito nel pomeriggio di ieri sulla Roccia dello Schiavo, sul versante ovest del Monte Pellegrino, nei pressi della città di Palermo. Il giovane stava procedendo come primo di cordata sulla “via Murtola” quando è scivolato, sbattendo ripetutamente contro la parete. Sul posto sono intervenuti il Soccorso Alpino e i Vigili del Fuoco che hanno recuperato il ferito e il compagno d’arrampicata, rimasto illeso.

Secondo quanto riportano i giornali locali, due climber siciliani, un 19enne e un 29enne, si erano recati ieri al Monte Pellegrino, altura palermitana di 609 metri. I due rocciatori hanno deciso di affrontare la “via Murtola”, di 245 metri di sviluppo e difficoltà massima di grado V. Si tratta di un itinerario aperto nel 1945 sulla Roccia dello Schiavo, complesso roccioso situato sul versante ovest del Monte e che si affaccia sullo stadio “La Favorita”.

L’incidente si è verificato attorno alle 15:30. A circa 40 metri di altezza, il più giovane dei climber, primo di cordata, è improvvisamente scivolato, precipitando per alcuni metri e sbattendo ripetutamente contro la parete. Il compagno, rimasto illeso, è riuscito a dare l’allarme. Sul posto sono intervenuti Soccorso Alpino e Vigili del Fuoco.

Due soccorritori si sono arrampicati fino a raggiungere i due rocciatori e li hanno successivamente calati con le corde fino alla base della parete. Il ferito è stato imbarellato e accompagnato all’ambulanza dl 118 per il trasporto in ospedale. Il 19enne avrebbe riportato una sospetta frattura di un piede, diverse contusioni ed escoriazioni, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *