• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Ricerca

Italiani in Antartide, nella Baia Terranova e ai 3300 metri del Dome C

Guide-alpine-in-Antartide-per-le-ricerche-di-Enea-photo-www.esercito.difesa.it_-300x200.jpg
Guide alpine in Antartide per le ricerche di Enea (photo www.esercito.difesa.it)
Guide alpine in Antartide per le ricerche di Enea (photo www.esercito.difesa.it)

BAIA DI TERRANOVA, Antartide — E’ in pieno svolgimento la 30esima spedizione italiana in Antartide organizzata dell’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. Il 18 e 19 ottobre due Guide alpine del Centro Addestramento Alpino dell’Esercito in Antartide sono partite alla volta dei ghiacci dell’estremo Sud: sono il Primo Maresciallo Massimo Bussani e il Primo Caporal Maggiore Francesco Canale volati alla base “Mario Zucchelli” di Baia Terranova, dove si fermeranno 4 mesi. Oggi parte invece la campagna estiva nella Stazione italo-francese Concordia, presso il sito di Dome C che si trova a 3.300 metri di altitudine sul plateau antartico.

La XXX Spedizione antartica è impegnata nello studio dei cambiamenti climatici, della contaminazione ambientale, della glaciologia e nella sperimentazione di strumentazioni tecnologicamente avanzate. I ricercatori dell’Enea sono arrivati in Antartide il 16 ottobre e le attività proseguiranno fino all’11 febbraio 2015. Complessivamente saranno impegnati 170 tra tecnici e ricercatori italiani e stranieri, in arrivo nelle prossime settimane.

Il Primo Maresciallo Massimo Bussani e il Primo Caporal Maggiore Francesco Canale si fermeranno in Antartide per tutti e 4 i mesi, aiutando ricercatori e tecnici a svolgere il loro lavoro. Le guide alpine infatti, garantiranno la sicurezza durante i movimenti e gli stazionamenti nelle basi remote, per la tenuta dei collegamenti e l’utilizzo dei mezzi speciali da neve. Gli scienziati nel settembre scorso hanno sono stati addestrati all’ambiente montano dagli istruttori del Centro Addestramento Alpino: hanno trascorso infatti due settimane sul Piccolo San Bernardo (a 2000 metri di altitudine) e al Monte Bianco, sul Colle del Gigante (3400 metri).

Guide alpine in Antartide per le ricerche di Enea - Una foto della fase di addestramento (photo www.esercito.difesa.it)
Guide alpine in Antartide per le ricerche di Enea – Una foto della fase di addestramento (photo www.esercito.difesa.it)

Per il 1° Mar Massimo Bussani, 47 anni, si tratta di un ritorno avendo già maturato 5 esperienze, un esordio invece per il 1° Caporal Maggiore Francesco Canale, già in possesso di un ottimo curriculum alpinistico, e recentemente rientrato dal Kangchenjunga.

Parte invece oggi, 7 novembre, la campagna estiva nella Stazione italo-francese Concordia, presso il sito di Dome C che si trova a 3.300 metri di altitudine sul plateau antartico. Da programmi dovrebbe arrivare oggi l’aereo con i tecnici che daranno il cambio al personale rimasto isolato nella base per i nove mesi della campagna invernale. La campagna al Dome C durerà fino al 4 febbraio 2015: presso la stazione saranno svolti osservatori, studi e ricerche nei settori della fisica dell’atmosfera, dell’astrofisica e della glaciologia.

Presso la base di Concordia nei mesi non estivi, tra maggio e ottobre, le temperature possono raggiungere i -80°C: impossibile quindi operare in quel periodo. Durante l’estate antartica invece, che va da novembre a gennaio, possono arrivare fino a -45°C.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *