• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Top News

Famiglia incrodata sulle Placche zebrate, soccorso notturno in Valle del Sarca

5136611bc9ccefe75adc9463e16c472d-300x250.jpg
L'intervento notturno del Soccorso Alpino sulle Placche Zebrate (Photo courtesy of Ansa/Soccorso Alpino Trentino)
L’intervento notturno del Soccorso Alpino sulle Placche Zebrate (Photo courtesy of Ansa/Soccorso Alpino Trentino)

DRO, Trento — Complesso intervento nella serata di sabato sulle Placche Zebrate per recuperare un padre e i suoi due figli, rimasti incrodati a causa del buio. Soccorso Alpino e Vigili del Fuoco hanno illuminato con una cellula fotoelettrica la nota parete d’arrampicata della Valle del Sarca e sono riusciti a trarre in salvo i tre climber poco prima della mezzanotte.

Secondo quanto riportano stampa locale e Soccorso Alpino Trentino, l’allarme è stato dato sabato sera da una donna di Trento per il mancato rientro del marito e dei due figli, di 11 e 13 anni, da un’uscita sulle Placche Zebrate. Una volta raggiunto il noto sito d’arrampicata di Dro, i soccorritori hanno avvistato i tre rocciatori, rimasti incrodati sulla parete a causa del buio.

Dopo aver valutato la situazione, i soccorritori giunti sul posto hanno iniziato le operazioni di recupero: i Vigli del Fuoco volontari hanno illuminato la parete con una cellula fotoelettrica per permettere ai tecnici del Soccorso Alpino della Stazione del Trentino Centrale di individuare e raggiungere più agevolmente i tre climber in difficoltà.

L'intervento notturno del Soccorso Alpino sulle Placche Zebrate (Photo courtesy of Soccorso Alpino Trentino)
L’intervento notturno del Soccorso Alpino sulle Placche Zebrate (Photo courtesy of Soccorso Alpino Trentino)

Quando i soccorritori hanno raggiunto l’uomo e i due ragazzini e hanno accertato che le loro condizioni di salute fossero buone, li hanno aiutati a raggiungere la parte alta della parete. Da qui sono poi sono scesi a piedi tutti insieme e sono arrivati a valle poco prima di mezzanotte.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *