• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi

Lecco, protagonista la Nord dell’Eiger

LECCO — Sarà la Nord dell’Eiger a far da protagonista questa sera a Lecco. Con l’avvincente e drammatica storia di Claudio Cordi e Stefano Longhi, che nel 1957, tentando la prima salita italiana, finirono in un incubo che vide Longhi morire in parete insieme a due tedeschi e Corti salvarsi miracolosamente per poi essere accusato perfino di omicidio.

La tragica storia di quella salita è infatti diventata un libro, dal titolo "Morte sull’Eiger: Il dramma di Claudio Corti e Stefano Longhi", che stasera verrà presentato in anteprima a Lecco. Si tratta di un volume fotografico a cura di Daniel Anker, Rainer Rettner e Giovanni Capra, già autore del bestseller "Due cordate per una parete".
 
Durante la salita del 1957, i due Ragni Corti e Longhi strinsero una sfortunata alleanza con i due tedeschi Guenther Nothdurft e Franz Mayer. In parete scariche di sassi, notti al gelo, ferite laceranti misero in ginocchio i quattro alpinisti. Seguì l’operazione di soccorso più imponente del secolo, che durò 9 giorni e coinvolse alpinisti di 6 nazioni diverse.
 
Solo Corti si salvò. Ma al ritorno venne accusato di aver lasciato morire i due tedeschi e trascinato in un vortice di accuse e polemiche. Solo il ritrovamento dei corpi, quattro anni più tardi, potè riabilitarlo.
 
"Morte sull’Eiger" contiene le inedite e incredibili foto del salvataggio di Corti. E i racconti dei testimoni e protagonisti della vicenda. Ma non solo. Il libro vuole svelare anche altre "verità scomode", come l’altra identità di Heinrich Harrer, uno dei primi salitori della Nordwand, che per primo gettò discredito su Corti nel suo libro "Il ragno bianco".
 
L’appuntamento con questa incredibile e avvincente storia è alle 20.45 nella sala conferenze di Palazzo Falck a Lecco.
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.