• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Patagonia, la traversata di Salvaterra

EL CHALTEN, Patagonia — Straordinaria impresa italiana tra le vertiginose pareti della Patagonia. Nei giorni scorsi Ermanno Salvaterra, Alessandro Beltrami, Mirko Masè e Fabio Salvadei hanno completato la traversata tra il Cerro Standhardt e il Colle della Conquista, passando per la Punta Herron e la Torre Egger.

Gli alpinisti hanno portato a termine l’impresa tra il 21 e il 23 novembre, affrontando pareti verticali, tunnel ghiacciati, enormi crolli ghiaccio, pendoli e rischiose discese in doppia. Per un pelo, non hanno salito anche il Cerro Torre (3.102 metri), sfiorando la leggendaria traversata che collega le tre cime più alte del gruppo: un sogno inseguito da molti alpinisti patagonici e soprattutto da Salvaterra, che da vent’anni a questa parte ha provato a raggiungerlo più volte.
 
Prima di Salvaterra e compagni, solo Thomas Huber e Andy Schnarf erano riusciti a salire in successione il Cerro Standhardt (2.730 metri), la Punta Herron (2.750 metri) e la Torre Egger (2.850 metri). Loro però lì erano scesi. Mentre il team italiano, qualche giorno fa, ha proseguito verso il Torre, raggiungendo il Colle della Conquista.
 
Dopodichè, Salvaterra e compagni hanno provato ad attaccare il Cerro Torre, ma dopo un tiro hanno rinunciato per il pericolo di scariche di ghiaccio e neve: il tempo da due giorni era bello e il caldo iniziava a far sciogliere gli enormi e minacciosi funghi di ghiaccio sulle cime.
 
Una scarica di ghiaccio aveva già colpito Salvaterra il 10 dicembre, sul Cerro Standhardt, mettendo a rischio la spedizione. Ma dopo qualche giorno, per fortuna, l’alpinista si è ripreso e il 21 novembre, quando si è aperta una nuova finestra di bel tempo, il quartetto è ripartito verso la traversata.
 
Gli alpinisti hanno attaccato il versante ovest dello Stendhart, sulla via Otra vez (aperta nel 1989 da Salvaterra, Elio Orlandi, Maurizio Giarolli e mai ripetuta). Hanno raggiunto la cima, dove hanno bivaccato, e il giorno dopo si sono calati al Colle dei Sogni.
 
Hanno salito la Punta Herron dallo Spigolo dei bimbi (aperta ancora da Salvaterra nel 1991 con Adriano Cavallaro e Ferruccio Vidi), sono scesi e ripartiti verso la Torre Egger. Dopo un bivacco in parete, sono saliti in vetta, e poi hanno puntato verso il Torre.

Sara Sottocornola

Nella foto, Salvaterra sul fungo sommitale del Cerro Stendhart (Foto courtesy Intotherocks)

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.