• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Skiarea contro meteorologi: ci rovinano

BERNA, Svizzera — Tre milioni e mezzo di euro. Questi i ricavi persi – secondo i gestori degli impianti sciistici del Vallese – per colpa di previsioni meteorologiche errate, colpevoli di aver scoraggiato gli sciatori e tenuto i turisti lontano dalle piste.

"Il tempo qui è molto meglio di quanto le previsioni vogliano far credere" tuonano i gestori dei comprensori sciistici svizzeri. E accusano i meteorologi di avergli rovinato gli affari degli ultimi anni.
 
Ma loro, i meteorologi, ovviamente non ci stanno. E si difendono dati alla mano: oltre l’80 per cento delle previsioni si sono poi rivelate corrette, secondo uno studio della Prévi-météo condotto dalla Scuola Universitaria Professionale della Svizzera occidentale.
 
La questione, però, non si risolve così facilmente. Perchè lo studio ha anche scoperto che la maggior parte delle previsioni sbagliate era effettivamente sfavorevole al turismo: si "chiamava" cioè brutto tempo mentre sulle montagne si poteva tranquillamente sciare o passeggiare.
 
Inoltre, dalle interviste è emerso che il 60 per cento degli sciatori si basa proprio sulle previsioni del tempo, quando deve decidere se andare a sciare o meno.
 
La soluzione? Forse nelle webcam. Ai comprensori è stato infatti suggerito, per ovviare al problema, di comunicare meglio sui propri siti le condizioni del tempo e dell’innevamento.
 
Il Vallese, nel sud ovest della Svizzera, si estende alle spalle del Cervino lungo la Valle del Rodano. Sul territorio ci sono decine e decine di impianti di risalita, tutti collegati dalla "Vallese Ski Card" che permette di sciare con lo stesso skipass in tutto il cantone.
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *