• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Alpinismo, Alta quota, Karakorum, Top News

Anche il “Lungo” di Alagna in cima al K2: è vetta per Michele Cucchi

Michele-Cucchi1-199x300.jpg
Michele Cucchi in cima al K2
Michele Cucchi in cima al K2

CAMPO BASE DEL K2, Pakistan — È cima anche per Michele Cucchi! La guida alpina di Alagna Valsesia, per gli amici “il Lungo”, ha toccato il cielo del K2 ed è la prima volta nella vita che scala un ottomila. E che ottomila: il più difficile di tutti.

Michele Cucchi è l’unico italiano della spedizione K2 60 Years later ad essere arrivato in vetta al K2, dal momento che Simone Origone è tornato indietro a 8200 metri e che Daniele Nardi si è fermato a campo 4 per occuparsi di foto e video, sua missione nell’ambito della spedizione. Prima di Cucchi sono andati in cima 6 dei 7 alpinisti pakistani del team: un grande successo per la prima spedizione pakistana della storia che ha voluto salire la montagna simbolo del proprio Paese in modo autonomo e non in supporto ad altre spedizioni straniere.

Cucchi è in spedizione al K2 con il team di K2 60 Years later, insieme ai suoi compagni pakistani a cui in questi anni ha fatto scuola di soccorso e di tecniche alpinistiche. Stando alla ultime informazioni che arrivano da Agostino Da Polenza e Stefania Mondini dal campo base dell’ottomila, attualmente starebbe scendendo insieme a Hassan Jan e Muhammad Sadiq.

Nel frattempo sui siti internazionali si dà notizia di altri alpinisti in vetta al K2 nella giornata di oggi. Tra questi prima di tutto Radek Jaroš: l’alpinista ceco ha concluso così la collezione dei 14 ottomila della terra. Sarebbe il primo della sua nazione a riuscirci. Secondo Explorersweb poi sono andati in vetta Adrian Hayes di British adventurer, che è andato in cima alle 15:20 ora locale, e le tre alpiniste della spedizione femminile nepalese (in cima alle 15:35 ora locale).

Michele Cucchi, 44 anni, nato ad Abbiategrasso ma cittadino di Alagna Valsesia dove lavora come Guida alpina, era partito con un profilo basso. “Vado a fare il mio lavoro – aveva detto – che sarà prima di tutto quello di dare una mano ai ragazzi pakistani per aiutarli a salire in vetta al K2”. Ma alla fine ha fatto molto più di così, riuscendo ad andare con loro in cima agli 8611 metri della montagna.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.