• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Fugge in Val Ferret con auto rubata

immagine

AOSTA — Un’operazione di soccorso alpino davvero "provvidenziale" quella che si è conclusa ieri in Val Ferret, nei pressi del Rifugio Bonatti. L’escursionista un po’ sbadato che si era addentrato in valle con una gomma bucata e poi aveva imboccato un sentiero con addosso solo pochi abiti estivi, si è rivelato un presunto ladro d’auto.

L’uomo era arrivato a Curmayeur e poi in Val Ferret alla guida di un’auto con una gomma bucata. Secondo gli  escursionisti che poi hanno avvertito i carabinieri, aveva anche dei non meglio precisati "atteggiamenti sospetti".
 
Così il comando ha inviato una pattuglia nella valle, per controllare che tutto fosse in ordine. Ma alla vista della divisa, il sospetto ha infilato di gran carriera il sentiero che porta al rifugio Bonatti (2.025 metri), anche se era vestito solo con una maglietta e pochi abiti estivi.
 
Preoccupati, i carabinieri sono saliti al rifugio, con l’elicottero della protezione civile. Hanno setacciato la zona e alla fine hanno scovato il fuggitivo in una vecchia baita: soltanto qui si sono resi conto che l’uomo stava fuggendo proprio da loro.
 
Hanno scoperto che l’uomo era un irregolare, di 25 anni, proveniente dal Kossovo e che l’auto con cui era giunto in valle era stata rubata il giorno precedente a Gressan, sempre in Valle d’Aosta. 
 
Lui, però, non ha dato spiegazioni su come sia entrato in possesso della vettura. Ora il ragazzo è in stato di fermo di polizia giudiziaria, ed è accusato di ricettazione.
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *